ANTONIO DI SANTACROCE

0
1572

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1698      ANTONIO DI SANTACROCE

  • 1530 ca.
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1503
Gen.LazioViene fatto arrestare dal papa Alessandro Vi in quanto fautore degli Orsini.
1505
Gen.Chiesa

Milita agli ordini di Guidobaldo da Montefeltro. E’ inviato dal duca di Urbino da Bartolomeo d’Alviano per indurlo alla rappacificazione con il papa Giulio II.

1509
Mag.VeneziaFranciaLombardiaE’ inquadrato nelle compagnie comandate da Bartolomeo d’Alviano, di cui regge una delle insegne. E’ ferito nella battaglia di Agnadello.
1511ChiesaFrancia Ferrara50 lance e 50 arcieri a cavallo
1515ChiesaUmbriaAl servizio del papa leone X. E’ inviato a Spoleto per mettere pace tra le varie fazioni cittadine.
1517
Mar.ChiesaComp. venturaCapitano g.le artiglieriaMarche

Combatte le truppe di Francesco Maria della Rovere agli ordini di Renzo di Ceri. Ha il comando dell’ artiglieria all’ assedio di Mondolfo. nel corso delle operazioni è ferito ad un piede da un colpo di archibugio. Quando anche Lorenzo dei Medici è ferito gravemente  scorta quest’ ultimo ad Ancona via mare con 100 fanti caricati su 4 grosse barche.

1527
Mag.ChiesaImperoCapitano g.le artiglieriaLazio

Al comando di 90 svizzeri e di 400 italiani ha l’incarico di difendere Castel Sant’ Angelo dai lanzichenecchi e dagli spagnoli che stanno mettendo a sacco Roma. Affida a Benvenuto Cellini la responsabilità del tiro di cinque pezzi d’artiglieria nel punto più alto del bastione sotto la statua dell’arcangelo Michele.

1530Muore.

 CITAZIONI

-“Gran gentil uomo.” CELLINI

-“Ch’arivò in campo antonio sancta croce/ con le sue squadre a uscir del monte/ per dar a galli fe (fece) po (poi) pena atroce/ molti roman con lui era a fronte.” Da “La storia del fatto d’arme de Geradadda) in GUERRE IN OTTAVA RIMA

-“Antonio Santacroce a tristo porto/ ristò ferito fra l’altre persone/ con molti cavallier che questa historia/ de li lor nomi non ne fa memoria.” DEGLI AGOSTINI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi