ANTONIO CALDORA

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

ANTONIO CALDORA  (Antonio Candola) Conte di Trivento, duca di Bari, marchese di Vasto e di Bitonto.

Signore di Aversa, Carpinone, Conversano, Rutigliano, Martina Franca, Turi, Gioia del Colle, Guglionesi, Palena, Monteodorisio,  Eboli. Figlio di Jacopo, zio di Giovanni Antonio, cognato di Francesco Sforza.

1400 ca. – 1466 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1416  

 

 

 

 

 

 

 

Sett.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Viene dato in ostaggio dal padre Jacopo alla regina Giovanna d’Angiò a seguito di una tregua stipulata con il grande connestabile di Giacomo di Borbone, il Saligny.

1424  

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Napoli Re d’Aragona  

 

Campania

Consegna al padre lo stendardo di capitano generale della lega antiaragonese.

Giu.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Partecipa alla battaglia di L’Aquila inserito nella sesta colonna in cui ha il comando di 200/300 cavalli.

Nov.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Si unisce con Pietro Navarrino.

1426

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov.

 

Venezia

 

 

 

200 lance

 

Puglia

Si imbarca a Manfredonia.

1427 Napoli San Severino  

 

Campania

Combatte i San Severino. Costringe alla resa Francesco Mormile, che si è asserragliato in Eboli.

1429  

 

 

 

 

 

 

 

Apr. Chiesa Bologna  

 

Emilia

Si trova tra Castel San Pietro Terme e Bologna; gli avversari gli tolgono 3000 fiorini che sta portando al campo.

1434 Napoli Angiò Re d’Aragona  

 

Puglia

Contrasta le milizie del principe di Taranto Giovanni Antonio Orsini del Balzo per conto di Renato d’Angiò e dei pontifici.

1435  

 

 

 

 

 

 

 

Primavera  

 

 

 

 

 

Puglia

Si trova in Puglia con il fratello Berlingieri e Riccio da Montechiaro (4000 cavalli e 1600 fanti). Si porta davanti a Rutigliano, si sposta a Turi e sfida a battaglia campale gli avversari. Menicuccio dell’Aquila e Giovanni Ventimiglia spingono  l’Orsini del Balzo a non accettare il confronto e si fortificano nella città: il Caldora è così costretto a ripiegare a Rutigliano dove se ne resta inattivo per più giorni.

Autunno  

 

 

 

 

 

Campania

Assedia il principe di Taranto in Capua con Micheletto Attendolo.

1437  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Campania

E’ nominato viceré d’Abruzzo. La regina Isabella d’Angiò (moglie di Renatò d’Angiò) gli dona a Napoli un palazzo a Santa Chiara che è stato confiscato al conte di Nola Romano Orsini.

Feb.  

 

 

 

 

 

Campania

Si allontana da Napoli e pone a sacco Airola su ordine di Isabella d’Angiò. Recupera varie terre nelle valli del Sarno e di San Severino, tra le quali Scafati e Salerno, che in precedenza si sono ribellate a favore degli aragonesi.

……………..  

 

 

 

 

 

Campania e Molise

E’ informato dell’ arrivo nel regno di Napoli dei rinforzi pontifici condotti dal patriarca Giovanni Vitelleschi; gli è dato del denaro per mettere in ordine le sue compagnie e raggiungere a Succivo Lionello Accrocciamuro. Si reca, al contrario, a Carpinone dove risiede la moglie: l’Accrocciamuro è sorpreso e messo in fuga da Orso Orsini.

Estate  

 

 

 

 

 

Campania

Assedia nel casertano San Martino e San Marco.

1438  

 

 

 

 

 

Molise

Riacquista Carpinone che gli è stata tolta da Onorato Gaetani.

1439  

 

 

 

 

 

 

 

Nov.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Si trova a Sulmona alle solenni esequie del padre Jacopo che si svolgono nella chiesa di Santo Spirito. Renato d’Angiò  gli conferma il ducato di Bari, è pure nominato viceré d’Abruzzo, mentre lo zio Raimondo viene nominato gran camerlengo.

Dic.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

E’ chiamato a Napoli da Renato d’Angiò affinché si ponga alla difesa di Aversa, suo feudo; il Caldora preferisce non muoversi per la mancanza di denaro;  pretende, anzi, che sia il sovrano a raggiungerlo negli Abruzzi.

1440  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Invia Raimondo Anichino da Renato d’Angiò invitando ancora il sovrano a trasferirsi con le sue truppe negli Abruzzi; minaccia anche di defezionare nel campo aragonese.

Apr.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Assedia Sulmona con Riccio da Montechiaro

Mag.  

 

 

 

Gran connestabile Abruzzi Campania e Molise

Viene convocato da Renato d’Angiò a Castello di Dragonara nel foggiano; sceglie di non rispondere all’ invito e di trascorrere il periodo primaverile a Carpinone. Viene sollecitato a apostarsi a  Boiano e gli è fatto avere del denaro. Si decide di entrare in campo con la visita a Carpinone di Traiano Caracciolo. Si muove per prestare soccorso ad Aversa, alla cui difesa si trova Santo da Maddaloni. Tocca Lucera e chiede il soldo per i suoi uomini. Con Riccio da Montechiaro si incontra a Boiano con l’Angiò.

Giu.  

 

 

 

 

 

Campania

Entra nella valle di Benevento;  batte gli aragonesi al ponte di Tufara: si oppone al loro inseguimento temendo di incappare in qualche imboscata. Appoggia di mala voglia  l’Angiò verso Napoli. Si porta a Dogliuolo (Poggioreale); chiede  di rientrare nei suoi possedimenti a causa della scarsità di vettovaglie. tocca Padula, dove le sue truppe sono rifornite di vettovaglie che sono sbarcate da 2 galee provenzali. Il suo operato solleva forti perplessità in Renato d’Angiò. Il Caldora, rimproverato davanti a tutti i capitani, abbandona il campo per avviarsi in Terra di Lavoro. Molti condottieri delle sue compagnie lo abbandonano; vi è una rivolta quasi generale per cui anch’egli è costretto a prendere la strada di Napoli. Si accampa con l’esercito fuori le mura. Viene fatto arrestare durante un banchetto offerto dall’ Angiò al Caldora, all’  Accrocciamuro, a Traiano Caracciolo ed al Montechiaro. Ne seguono nuovi tumulti.  Parte delle sue milizie pensa di disertare e di unirsi con gli aragonesi ad Aversa. Lo zio Raimondo interviene e fa in modo che i suoi uomini giurino fedeltà al re nelle mani di Ottino Caracciolo. Le truppe ricevono le paghe arretrate, egli viene liberato ed è inviato negli Abruzzi con il titolo di viceré. Lascia il campo con 100 cavalli.  Si reca contro ogni accordo a Poggioreale ed al  ponte della Maddalena  presso Napoli. Convince i suoi capitani a rimanergli fedeli ed invia  Raimondo Anichino da Renato d’Angiò affinché gli conceda il suo perdono. Non gli viene concesso ed il Caldora diserta nel campo aragonese con il Montechiaro. Lascia le paludi attorno a Napoli,  si reca a Pomigliano d’Arco per incontrarsi con Giovanni Ventimiglia. Alfonso d’Aragona lo invita ad una partita di caccia tra Arienzo ed Arpaia; il Caldora gli rende atto di omaggio, il re d’Aragona lo abbraccia, gli fa grandi promesse, ma non gli dà alcun soldo per non alienarsi l’animo del principe di Taranto.

Lug. Re d’Aragona Angiò  

 

Campania e Abruzzi

Gli sono consegnati 10000 ducati che deve consegnare a Santo da Maddaloni perché ceda il castello di Aversa agli aragonesi. Nello stesso l’Orsini del Balzo, per mezzo di Marino da Norcia, lo spoglia di Bari,  di Acquaviva delle Fonti, di  Conversano, di  Noha, di  Rutigliano, di  Martina Franca,  Noci,  Capurso,  Turi,  Castellana Grotte,  Gioia del Colle e  Cassano Murge. Il Caldora invia  il figlio a corte e chiede di essere reintegrato nei suoi possedimenti; si trasferisce negli Abruzzi e contrasta l’avanzata di Alessandro Sforza.

Ago.  

 

 

 

 

 

Puglia Abruzzi e Molise

Vince a Troia gli avversari; subito dopo spedisce Paolo di Sangro dal sovrano spagnolo per chiedere la restituzione dei suoi beni. Rientra negli Abruzzi e se ne resta inattivo. Dà in preda ai suoi soldati le terre di Francesco Pandone a Venafro e quelle dell’abbazia di San Vincenzo al Volturno.

Dic. Chiesa  

 

 

 

 

 

Richiede che gli sia reso il ducato di Bari.

1441  

 

 

 

 

 

 

 

Gen. Re d’Aragona Angiò  

 

 

 

Consegna in ostaggio ad Alfonso d’Aragona il figlio Restaino ed il nipote Giovanni Antonio.

Lug.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Affronta a Città Sant’ Angelo Alessandro Sforza e lo obbliga a ritirarsi.

1442  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Campania

Gli si ribellano Guglionesi e San Martino ad opera di Gurrello da Guglionesi. Viene  raggiunto da un messaggio di Raimondo Caldora, prigioniero di  Francesco Sforza, che lo induce a sostenere il partito angioino contro gli aragonesi. Le trattative sono condotte da Francesco Montagano;  nel medesimo tempo ottiene che il figlio possa allontanarsi dalla corte di Napoli per rivedere la madre a Carpinone.

…………….. Sforza Re d’Aragona  

 

Campania e Abruzzi

Poiché Renato d’Angiò è sempre diffidente nei suoi confronti il Caldora accetta di passare al servizio dello Sforza. Dalla Terra di Lavoro rientra negli Abruzzi con Giosia Acquaviva ed il Montechiaro.

Giu.  

 

 

 

 

 

Campania e Molise

Muove con Giovanni Sforza verso Napoli; alla caduta della città nelle mani degli avversari, Giovanni Sforza è richiamato dal fratello nella marca di Ancona. A metà mese il Caldora viene segnalato a Sprondasino, nelle vicinanze di Pescolanciano, con 2000 cavalli allorché gli aragonesi assalgono Carpinone alla cui difesa si trova Antonio Reale. Costringe  Giovanni Sforza a seguirlo. Prepara le sue schiere a battaglia a Pescolanciano, e, seppur colto in un’imboscata da Giovanni Ventimiglia, mette in rotta le truppe catalane e siciliane. Gli viene contro Jacopo Piccinino; Paolo di Sangro lo abbandona per defezionare nel campo nemico.  Il Caldora è disfatto e catturato. Condotto dal re d’Aragona è perdonato;  gli sono fatti restituire i suoi carriaggi.

Ott.  

 

 

 

 

 

Campania

Alfonso d’Aragona gli concede in feudo i contadi di Palena, Pacentro, Monteodorisio, Archi, Aversa, Valva, Eboli e Trivento. Il Caldora presta il rituale giuramento di fedeltà nelle mani di Lopez Ximen d’Urrea; il re rende alla moglie i gioielli sequestrati a Carpinone. I suoi soldati passano direttamente nelle file aragonesi.

1443  

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Campania

Si trova a Napoli al solenne ingresso del re ed al parlamento generale del regno.

1444  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Campania e Abruzzi

Si allontana senza licenza da Napoli alla notizia di una grave malattia di Alfonso d’ Aragona;  si sposta  negli Abruzzi. E’ subito sospettato per il suo operato.

1445  

 

 

 

 

 

 

 

Mag.  

 

 

 

 

 

Campania A Napoli per il matrimonio del duca di Calabria Ferrante d’Aragona con Isabella Chiaromonte.
1452
Giu. Napoli Firenze 100 cavalli

 

Toscana

Alla testa di 100 cavalli, pagati a sue spese, lascia L’Aquila per affiancare in Toscana Ferrante d’Aragona contro i fiorentini. Ottiene l’incarico di consigliere militare. Alfonso d’Aragona gli riconosce una provvigione di 4000 ducati.

1458  

 

 

 

 

 

 

 

Ott.  

 

 

 

 

 

Abruzzi e Campania

E’ convocato a Sulmona dal nuovo re Ferrante d’Aragona  cui rende atto di omaggio. Ritorna alla corte di Napoli.

1459  

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Angiò Napoli  

 

Abruzzi e Campania

Si ribella al re di Napoli allorché Raimondo Caldora viene catturato da Alessandro Sforza e  Giovanni d’Angiò giunge nel regno di Napoli. Si trova a Sessa Aurunca.

Nov.  

 

 

 

 

 

Campania

Assedia Macchiagodena. Si unisce con Giovanni Cossa; muove all’ attacco di Calvi.

Dic. Campania Con Giacomo Montagano e Cola di Monforte cala in Terra di Lavoro con 900 cavalli per collegarsi con le truppe di Giovanni d’Angiò.
1460  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Lazio

Opera nel contado di Cassino;  occupa in un sol giorno i castelli di San Vittore del Lazio, di Cerbaro e di Terocolo; pervengono in suo potere anche Vallorotonda, Acquafondata, Veticoso e Sant’Elia Fiumerapido.

……………..  

 

 

 

 

 

Campania e Puglia

E’ obbligato a ritirarsi con la caduta di Calvi; raggiunge Giovanni d’Angiò e per la strada di Venafro e di Isernia si dirige verso la Puglia.

Lug.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Prende parte alla battaglia di San Fabiano/San Flaviano.

1461  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Viene battuto da Alessandro Sforza e da Matteo da Capua mentre sta tentando di congiungersi con Jacopo Piccinino.

Ott.  

 

 

 

 

 

Lazio

Giunge a Sora con Carlo Baglioni al fine di prestare  soccorso a Giovanpaolo Cantelmi; si sposta verso Piedimonte San Germano allo scopo di distogliere Federico da Montefeltro dall’ assedio di Castelluccio. Sconfitto nei pressi, con la caduta di tale fortezza nelle mani dei nemici, lascia Piedimonte e ripara a Cerbaro.

1462  

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Abruzzi Con il nipote Giovanni Antonio si prefigge di andare incontro a Sigismondo Pandolfo Malatesta ed a Silvestro da Lucino in marcia verso gli Abruzzi.
Sett. Abruzzi Viene attaccato dal duca di Calabria Alfonso d’Aragona coadiuvato da Ludovico Malvezzi. E’ messo in difficoltà.
Ott.  

 

 

 

 

 

Puglia

Perde Serracapriola ad opera di Ferrante d’Aragona.

Nov. Abruzzi e Campania Si incontra nel suo castello di Archi con Jacopo Piccinino; a fine mese a Venafro con Giovanni d’Angiò.
1463  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Appoggia Jacopo Piccinino all’assedio di Sulmona.

Lug.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Ad Archi con Jacopo Piccinino allorché la pressione di Alessandro Sforza induce il condottiero perugino a scendere a patti con il re di Napoli.

Ago.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Si fortifica in Riparella a seguito della defezione di Jacopo Piccinino nel campo avversario. Assalito, costringe gli avversari ad allontanarsi; si ritira a Vasto.

1464

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago.  sett.

 

 

 

 

 

 

 

Abruzzi

 

Certo della impossibilità da parte aragonese di espugnare Vasto lascia nel castello alla testa del presidio Rinieri di Ligny, fratello della sua seconda moglie, e si ritira nel castello di Civitaluparella. Dopo un mese Ferrante d’Aragona può entrare in Vasto grazie all’aiuto dei fratelli Salvi. Antonio Caldora vi torna per prestare soccorso al cognato. Vista l’inutilità di ogni tipo di resistenza, invia il figlio Restaino dal re di Napoli per trattare la resa. Hanno inizio le trattative che si prolungano nel tempo.

Nov. Abruzzi Lascia in modo definitivo le sue terre.
1465  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Abruzzi

Pietro, Tommaso e Francesco dei Santi fanno ribellare Vasto: catturato, il Caldora viene consegnato agli avversari e gran parte delle sue terre sono confiscate a favore di Matteo da Capua.

Mag.  

 

 

 

 

 

Campania

Viene condotto ad Aversa ed a Napoli, dove è rinchiuso in  Castelnuovo. Uscirà dalla prigione più tardi grazie all’ intercessione dello  Sforza. E’ obbligato a stabilirsi con i suoi famigliari a Napoli dove gli è assegnato una piccola rendita. Fugge, infine, dalla capitale, ripara a Baia, a Roma, a Viterbo fino al momento in cui,  bandito da tutti e temendo sempre la vendetta del re,  si riduce a Jesi.

1466  

 

 

 

 

 

Marche

Muore a Jesi nella capanna di un povero soldato che ha militato con il padre. Convola a nozze con  Caterina d’Evoli, Isabella Caracciolo e Margherita di Ligny.

 CITAZIONI

“Per avidità di denaro ondeggiante sempre tra le due parti e pronto a tradire tutti.” VITALE

“Una de’ più potenti baroni de’ nostri Abruzzi”. RAVIZZA

“Uomo di piccol cuore e di minor fede, lento e infingardo; insomma aveva in sé quanto bastava per condurre a perdizione qualsiasi partito che a lui si appoggiasse.” RICOTTI

“Non somigliò al padre né per animo né per valore.” ARGEGNI

“Valorosissimo Capitano…Fu certo questo Antonio huomo singularissimo..e chiaro per bellezza di corpo, e per altri duoni di natura, da quali s’egli non havesse diviso quegli de l’animo non sarebbe incorso in tali calamità.” SUMMONTE

“Era tanto simile al padre di valore, quanto era dissimile di prudenza.” DI COSTANZO

“Si spense con lui la grandezza della sua famiglia, che tanto aveva influito sui destini del regno di Napoli, contribuendo a volte in modo sostanziale allo svolgimento delle lotte fra Angioini e Aragonesi. Gli immensi possedimenti del Caldora e dei suoi familiari furono dispersi e suddivisi; gran parte delle terre nella valle del Sangro, culla della famiglia, furono assegnate a Matteo di Capua.” RAFFAELI CAMMAROTA

“Aveva interrotte le consuetudini caldoresche e le amicizie antiche degli angioini e degli sforzeschi, lasciando con suo disdoro gli uni in grande pericolo, né dando agli altri aiuto d’armi. Simulatore, d’indole varia e mutevole, infido, per sua rovina subitaneo e inconsiderato a pigliare partito, pratico delle armi, non tanto da eguagliare il padre, audace e prode nel pericolo, dimesso nell’avversità.” FARAGLIA

Con Napoleone Orsini, Everso dell’Anguillara, Orso Orsini “Tutti huomini di grandissima sperienza nelle cose della guerra.” DE LELLIS

“Qual porta lo stendardo dello Sole/ con duecento cavalli a sua parola.” CIMINELLO

“Uomo di picciol cuore e di minor fede, che redò tutti i vizi paterni e niuna delle virtù.” PETRONI

Con Lionello e Ludovico dei Michelotti, Paolo Tedesco, Sante Carillo, Rinieri da Perugia, Andrea della Serra, Peterlino dal Verme “Fò scy bon guerrery.” VALENTINI

“Non inferiore al padre nelli Titoli, e gloriose imprese.” RECCHO

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleANTONIO CARACCIOLO
Next articleANTONIO CORSO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email