ANTONELLO DA CORNETO

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Condottieri di ventura

0515      ANTONELLO DA CORNETO  (Antonello della Cornia) Detto “Piccinino” per la bassa statura.

+ 1475 (marzo)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1443
Sett. Sforza Chiesa Marche

Prende parte alla difesa di Fano. Esce dalla città per una scorreria ed è catturato da Carlo di Montone. Viene condotto da Niccolò Piccinino che cerca invano di avere da lui informazioni sull’esercito nemico. Il Piccinino sfida Francesco Sforza a battaglia  campale;  Antonello da Corneto ha il compito di recapitare a Fano il cartello di sfida.

1448
Lug. Milano Venezia Lombardia

Milita al soldo della Repubblica Ambrosiana;  fronteggia i veneziani nel lodigiano agli ordini dello Sforza. Si distingue alla battaglia di Morengo.

Ago. Lombardia

Si segnala all’assedio di Caravaggio: conduce con Roberto da San Severino un assalto portato con balestrieri e schioppettieri al campo nemico.

Sett. Lombardia

Partecipa alla battaglia di Caravaggio.

1452
Apr. Venezia Milano 200 lance e 200 fanti Lombardia

Passa agli stipendi dei veneziani contro lo Sforza, divenuto duca di Milano, su interessamento di Gentile da Leonessa e del provveditore generale Andrea Dandolo. La sua defezione suscita aspre ire nello Sforza. Antonello da Corneto si reca  a Brescia;  gli viene concessa una condotta per un anno di ferma ed uno di rispetto.

Sett. Lombardia

Si scontra ripetutamente con gli avversari. Ha una scaramuccia presso Castelleone con Donato del Conte.

Ott. Lombardia

Esce da Porzano con Jacopo Piccinino, Tiberto Brandolini ed Orso Orsini e si batte  con i nemici, comandati da Bartolomeo Colleoni, da Donato del Conte e dal Sasso: la cavalleria e la fanteria veneziana sono bloccate dagli schioppettieri sforzeschi.

Nov. Lombardia

Espugna Offlaga con Tiberto Brandolini ed Anastasio da Sant’ Angelo; giorni dopo è sconfitto dal Colleoni presso Asola.

Dic. Lombardia

Viene segnalato a Pontoglio.

1453
Mar. Lombardia

Gli è notificato l’anno di rispetto.

Mag. Lombardia

Si muove verso Seniga con Jacopo Piccinino; è obbligato a rientrare a Pontevico per l’opposizione incontrata.

Giu. Lombardia

Si aggira nei pressi di Alfianello: vi è attaccato dal Brandolini, passato nel campo avverso, con tre bande di cavalli e 200 fanti. Giunge in suo soccorso Jacopo Piccinino con quindici squadre di cavalli e quasi 2000 fanti.

Lug. Lombardia

Staziona ancora presso Alfianello con Matteo da Capua;  ostacola il foraggiamento alla cavalleria nemica. Ne seguono alcune scaramucce che terminano con la razzia di settanta capi di bestiame. Cerca di liberare Ghedi dall’ assedio che vi è stato posto dagli avversari ed in una mischia salva dalla cattura Matteo da Capua; in un’altra occasione, con Angelo Polibetti, mette in fuga gli sforzeschi presso la torre di Montirone.

Ago. Lombardia

All’alba attacca con Matteo da Capua la bastia di Montirone, posta vicino al campo veneziano; attraversa una palude che divide i due eserciti, viene loro incontro il Brandolini che ne è alla difesa. Il capitano avversario è costretto a rientrare nella torre: accorre allora lo Sforza ed i veneziani sono obbligati a ripiegare. Sempre con Matteo da Capua, Antonello da Corneto si scontra ancora con gli sforzeschi sotto Ghedi. Si unisce con Cesare da Martinengo e, alla testa di 600 cavalli e 600 fanti, penetra nelle paludi dove pascolano gli armenti destinati al campo ducale; se ne impadronisce; vi è la reazione degli avversari che porta alla cattura di 40 fanti veneziani.

Ott. Lombardia

Con Carlo di Montone viene sconfitto a Ghedi dal  Brandolini.

1454
Apr.

Gli è rinnovata la condotta per un anno di ferma ed uno di rispetto.

1457
Feb. Lazio

Gli abitanti di Corneto (Tarquinia), grazie ai suoi buoni uffici, permettono che le  galee e le galeazze veneziane possano scaricare nel loro porto merci e persone senza il pagamento di dazi o di diritti di sorta.

1458
Mag. Veneto

Si trova a Venezia per un torneo organizzato in onore del nuovo doge Pasquale Malipiero: vince un palio di broccato d’oro. In un altro torneo, disposto per la medesima circostanza, combatte in una squadra di cui ha il comando con Bertoldo d’Este; nell’altra sono presenti vari giostratori con Ludovico Malvezzi ed Orso Orsini.

1460
…….. Veneto

Gli è regalato un palazzo a Vicenza.

Lug. Veneto

Si trasferisce nel veneziano con i suoi famigliari. Al riguardo gli viene riconosciuto un contributo in denaro.

Ott.

Gli è rinnovata la condotta a far data dall’aprile precedente.

1463
Ago. Venezia Trieste V. Giulia

All’assedio di Trieste con Carlo di Montone, Antonio da Marciano e Gerardo da Martinengo.

Ott. Veneto

Al termine del conflitto partecipa a Venezia ad una giostra in cui i suoi uomini sono sconfitti da quelli di Bertoldo d’Este.

1467
Mag. Lombardia

Controlla le frontiere del bergamasco.

Lug. Venezia Firenze Emilia

Partecipa alla battaglia di Molinella: alla conclusione dello scontro è tra i capitani chiamati a controllare il rispetto di una tregua firmata tra le parti.

1469
Giu. Veneto

I veneziani sono informati di sue trattative con il duca di Milano per  disertare a favore degli Sforza. Il Consiglio dei Dieci incarica Angelo da Bologna, forse il delatore, di recarsi a Cologna Veneta e di prestarsi alle sue pratiche.

Lug. Veneto

Invia lo Scarino, un suo uomo d’arme, a Milano per la definizione degli accordi. Costui è arrestato ed a fine mese viene incarcerato anche Antonello da Corneto per un non meglio specificato abbandono del posto. E’ condotto prigioniero a Venezia con il cancelliere ed un figlio. In seguito a tale fatto i membri della sua compagnia sono assunti  dalla Serenissima come lance spezzate con il nome di corneschi.

Ago. Veneto

Viene obbligato ad acquistare proprietà nel veneziano per 12000 ducati; è confinato a Creta con l’obbligo di presentarsi due volte al giorno ai rettori del posto. Il figlio ed il cancelliere sono, viceversa, scarcerati.

1470
Mag. Grecia

Il Colleoni chiede la grazia nei suoi confronti. A novembre gli è confiscato a Vicenza il palazzo che possiede in tale città.

1472
Apr. Grecia

Il Colleoni chiede una seconda volta la grazia nei suoi confronti.

1475
Mar. Veneto

Abbandona il confino,  viene catturato ed è ricondotto a Venezia. Muore a fine mese nel carcere senza luce, chiamato l’Orba, dove è stato rinchiuso dopo il suo tentativo di fuga.

CITAZIONI

“Cavaliero e condottiere di buon nome.” ARGEGNI

“Animo acer et manu promptus, praeclarum eximiae virtutis cernentibus reliquis testimonium praebuit..In his proeliis experimentum praestitit, ut magnam non tam apud nostros, quam apud hostes laudem sibi comparaverit; auxit namque illa res maximae ejus viri famam, quod cum ei a Francisco (Francesco Sforza) praecipue indulgeretur, ut praetermissis exercitus institutis in certamen prodiret, in quoties equestri proelio pugnabatur, semper alacris manuque promptus aderat et cum aurata bovis cornua in casside pro crista (cresta dell’elmo) ferens, huc atque illuc emicaret, primos inter pugnantes conspiciebatur; urgebat caedebatque hostes ita acriter, ut saepe spectantes socii ejus exemplo accensis animis exixius in pugnam concitarentur.” SIMONETTA

“Fu ..capitano de cavalieri chiarissimo..Per l’eccellenza sua nella militar disciplina, fu da sua serenità e da tutti i principi d’Italia tenuto in molta estimatione.” PAGLIARINO

“Miles quidem clarus..Certe neminem sive corpore agilitate, sive quod majus est, ingenti animo audeo anteponere.” PORCELLIO

“Cavaliere e condottiere di buon nome.” BELOTTI

“Il quale era valentissimo di sua persona.” BROGLIO

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleANTONELLO DA CAMPOBASSO
Next articleANTONIO CARACCIOLO
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email