ANNIBALE RANGONI

0
2489
Porta San Donato, Bologna
Porta San Donato, Bologna

Last Updated on 2024/01/27

ANNIBALE RANGONI  Conte. Signore di Cordignano.

Figlio di Niccolò Maria Rangoni; fratello di Guido Rangoni, Francesco Rangoni e Ludovico Rangoni.

  • 1523 (aprile)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

……..   EmiliaSi impratichisce all’uso della spada quasi certamente presso la “Scuola bolognese” di scherma come i fratelli.
1501     
Gen.   VenetoViene investito dai veneziani con i fratelli del feudo di Cordignano.
1511     
Ott.BentivoglioChiesa EmiliaAffianca i Bentivoglio nel bolognese ai danni dei pontifici.
1513     
Gen.   EmiliaSegue Annibale Bentivoglio, confinato a Ferrara dal papa Giulio II.
1515     
…….Chiesa  LazioCon il pontefice Leone X gli è conferito il comando della guardia pontificia.
Sett.   EmiliaA Modena con l’ex governatore imperiale della città allorché quest’ultimo si rappacifica con il fratello Guido.
Ott.   EmiliaLascia Modena con Lorenzo dei Medici.
Nov.   ToscanaA Firenze al solenne ingresso di leone X nella città.
1518     
Mag.Gaetani ContiColonna LazioCon i Conti ed i Gaetani di Sermoneta si impadronisce e  mette a sacco nella Campagna romana alcune terre colonnesi. Il fatto suscita la reazione di Marcantonio Colonna e del vescovo di Rieti Pompeo Colonna.
1519     
Dic.    Risulta debitore di una forte somma nei confronti del signore di Sermoneta Camillo Gaetani.
1520     
Mar.Chiesa  LazioArresta a Roma Giampaolo Baglioni.
1521     
Mar.ChiesaFrancia EmiliaAlla guardia di Modena.
1522     
Gen.ChiesaComp. ventura Lazio e Toscana

Lascia Roma per contrastare l’avanzata verso Siena di Francesco Maria della Rovere e di Orazio Baglioni. Si collega con Giovanni dei Medici e si mette all’inseguimento degli avversari.

Feb.   LazioGovernatore delle terre dei Manieri. Cattura gli assassini di un cittadino aquilano, Annibale Pica, e li fa condurre a Rieti.
Mar.BentivoglioChiesaCapitano g.leEmiliaComanda le truppe dei Bentivoglio nel loro attacco volto al recupero della signoria di Bologna.
Apr.   Emilia

Lascia Modena e si porta a Bologna. Suo obbiettivo è quello di ristabilire nella città il dominio dei Bentivoglio a spese dello stato della Chiesa. Tra i difensori vi sono Camillo Gozzadini, che ha l’incarico della guardia della Porta di San Felice e Melchiorre Ramazzotto.  Cato da Castagneto ha il compito di impadronirsi della grata dell’Avesa;  Gentile da Sassatello si pone davanti a Porta Galliera. Annibale Rangoni colloca altre truppe di fronte a Porta Saragozza;  si avvicina alla cortina delle mura tra le Porte Saragozza e quella di San Mammolo. Il giorno di Pasqua assale la città con le scale; contrariamente alle aspettative in Bologna non sorge alcun disordine a favore dei Bentivoglio: nonostante ciò dà lo stesso l’ordine di attacco.  Rimane ferito ad una gamba da un colpo di  archibugio. Tra i partigiani dei Bentivoglio vi sono 500 morti (tra cui un fratello che muore a Spilamberto per le ferite riportate) e 1500 feriti; dei  prigionieri molti sono impiccati o uccisi in altri modi. Cato da Castagneto si dà alla fuga verso il colle di San Michele in Bosco; da lì si dirige verso il Frignano abbandonando lungo la strada alcuni compagni morti. Al suo inseguimento si pone il Ramazzotto.

Mag.Chiesa  Emilia

Si ristabilisce a Spilamberto; ritorna alla guardia di Modena e fa riaprire le Porte di Baggiovara e quella di Albareto in precedenza murate dagli estensi: due giorni dopo le porte sono ancora richiuse. E’ costretto ad intervenire per domare una rissa sorta tra i Belencini ed i Seghizzi.

Giu.   LazioEsce da Modena per recarsi a Roma.
1523     
……..   LazioViene nominato cavaliere dell’ordine di San Giovanni Battista.
Apr.   lazioMuore nei pressi di Roma a causa dei postumi di una ferita riportata in precedenza a Bologna. Sposa la contessa di Marienne.

 CITAZIONI

-“Essendo riuscito famoso per molte valorose prove, fu nel tempo suo guerriero honorato.” SANSOVINO

-“Splendido protettore de’ dotti e de’ Poeti.” TIRABOSCHI

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi