ANGELO POLIBETTI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

Condottieri di ventura

1524      ANGELO POLIBETTI

+ 1460 ca.

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1452  

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov. Venezia Milano  

 

Lombardia

Fronteggia nel bresciano gli sforzeschi. Con Antonio Polito cattura cinque uomini d’arme; si trova poi nei pressi di Montichiari. E’ sul punto di essere fatto prigioniero da Roberto da San Severino allorché interviene in suo soccorso Giovanni Pollone. A fine mese con Battista Pianello e Paolo dalla Rossa affianca Tiberto Brandolini verso Malpaga e le Lame; assalito dagli avversari con la sua foga respinge il loro attacco.

1453  

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Si trova con Jacopo Piccinino sotto Ghedi  assediata dagli avversari; con Antonello da Corneto mette in fuga gli sforzeschi presso la torre di Montirone. Con la caduta di Ghedi in potere di Francesco Sforza si unisce con Antonello da Forlì e compie una scorreria notturna nel cremonese con due squadre di cavalli e 200 fanti.

Ago.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Con Giovanni Marengo effettua una nuova scorreria nei pascoli controllati dagli sforzeschi: l’incursione è subito contrastata dagli avversari; si distingue ancora in una scaramuccia sotto Ghedi; depreda il territorio avversario con il Marruco, il Cimarosto, Enrico Matto ed Angelo da Deruta (50 cavalli e 100 fanti). Cade in un’ imboscata tesagli da Gaspare da Vimercate con 40 cavalli; ferito, è fatto prigioniero con altri capitani.

Sett.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Fugge dalla prigione e ritorna a combattere gli sforzeschi. Con 30 cavalli e 100 fanti si scontra presso la torre di Montirone con gli sforzeschi: un fante gli uccide la cavalcatura, Angelo Polibetti è scavalcato;  è salvato dai suoi commilitoni.  Affianca il Piccinino in un giro di perlustrazione;  cade in un agguato nel quale gli è ferito un’ altra cavalcatura.

Nov.  

 

 

 

 

 

Lombardia

Appoggia ancora il Piccinino a Monticelli Brusati;  vi sorprende alcune schiere ducali; nel combattimento, in cui rimane ferito, sono uccisi numerosi francesi e quattro uomini d’arme sforzeschi; sono  catturati 250 cavalli e 100 fanti.

1460  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleANGELO DA PERUGIA
Next articleANGUILLOTTO DA PISA
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email