ANGELO DEL MONTE A SANTA MARIA Marchese

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

ANGELO DEL MONTE A SANTA MARIA  Marchese. Signore di Monte Santa Maria Tiberina, Reschio e Lippiano.

Figlio di Guido Collotorto del Monte a Santa Maria, fratello di Piero del Monte a Santa Maria, Ugolino del Monte a Santa Maria e di Giovanni del Monte a Santa Maria.

               + 1364

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1336 Chiesa  

 

 

 

Umbria

Ricopre l’incarico di vicario ad Orvieto per conto del papa Benedetto XII.

………….. Chiesa  

 

 

 

 

 

Ottiene il comando della flotta pontificia.

1345/46  

 

 

 

 

 

Toscana

Capitano del popolo a Firenze.

1348  

 

 

 

 

 

 

 

Dic. Perugia Arezzo Capitano di guerra Toscana

Ha il compito di recuperare Anghiari caduta in potere degli avversari. Raggiunge l’aretino,  fa costruire tre forti bastie attorno ad Anghiari: da qui molesta il contado  conducendo vari assalti al centro per saggiarne la resistenza.

1349  

 

 

 

 

 

 

 

Apr.  

 

 

 

 

 

Toscana

Alla guardia di Borgo San Sepolcro (Sansepolcro). Entra in contrasto con il governatore della città Oddo Baglioni: sorgono tumulti per cui è costretto a rifugiarsi nella rocca con i suoi famigliari. Interviene il capitano del popolo di Perugia, Ercolano Scotti, che condanna entrambi ad una multa di 1000 libbre e li priva di ogni ufficio per tre anni.

1355  

 

 

 

 

 

 

 

Mar. Impero  

 

 

 

Toscana

Viene nominato dall’imperatore Carlo di Boemia suo vicario a Siena.

Mag.  

 

 

 

 

 

Toscana

Ottiene un diploma imperiale tramite il quale viene infeudato di Monte Santa Maria Tiberina, di Marzana, di Lippiano, di Reschio e di Sorbello.

…………..  

 

 

 

 

 

Toscana

Affianca a Siena  Malatesta Ungaro.

1359  

 

 

 

 

 

 

 

Lug. Chiesa  

 

 

 

Romagna

Viene nominato dal cardinale Albornoz capitano di Forlì.

1360/ 61  

 

 

 

 

 

Umbria

Podestà ad Orvieto. Nella città inizia i lavori di costruzione della rocca. E’ confermato nel suo mandato anche per l’anno seguente.

1364  

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“E’ stato uno de’ più segnalati e valorosi eroi che sia uscito da questa stirpe, con comandi principalissimi; ed in tempo di pace ebbe onori e dignità, sì da pontefici, come da imperatori, che per la sua grandezza fu chiamato principe.” GAMURRINI

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleANDREA MALATESTA
Next articleANGELO DI MONFORTE
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email