ALESSANDRO RANGONI Di Modena

0
540
Print Friendly, PDF & Email

Condottieri di ventura

1566      ALESSANDRO RANGONI  Di Modena. Conte di Borgofranco. Signore di Castelvetro di Modena e di Levizzano Rangone.

1532 – 1572 (gennaio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

………

Abbraccia giovanissimo il mestiere delle armi nonostante che sia stato destinato dai famigliari alla carriera ecclesiastica.

1547
Mag. Veneto

Accompagna la madre a Venezia per protestare contro lo zio Gian Paolo Manfrone che si è impossessato della dote materna.

1549
Giu. Emilia

Si trova alla corte di Ferrara.

Sett. Germania

Si reca in Germania con il padre impegnato in un’ambasceria. Rientrerà in Italia agli inizi dell’agosto 1550.

1551
Feb. Emilia

Partecipa ad una giostra a Modena.

……… Impero Impero Ottomano Ungheria

Combatte i turchi agli ordini di Francesco d’Este.

1552
Feb. Emilia

E’ presente ad un nuovo torneo a Modena programmato per le feste di carnevale. Organizza una compagnia di sette armati per giostrare alla quintana una collana d’oro del valore di 140 ducati.

1554
Lug. Francia Impero Firenze Toscana

Combatte nella guerra di Siena. E’ presente alla battaglia di Marciano; gli è uccisa la cavalcatura ed è fatto prigioniero; condotto a Firenze, per la sua liberazione è chiesta una taglia di 1000 scudi.

Sett. Emilia

Rilasciato con il pagamento di 700 scudi, rientra a Modena.

1557 Ferrara Impero

Fronteggia gli imperiali per conto del duca Ercole d’Este.

1567 Francia Ugonotti Francia

Combatte per il re di Francia Carlo IX gli ugonotti al comando di una compagnia di cavalli.

……… Duca Savoia Piemonte

Ottiene dal duca Carlo Emanuele Filiberto di Savoia il comando di un colonnello; è pure  nominato suo consigliere. Gli è concessa una provvigione annua di 500 scudi.

1570
Gen. Venezia Impero Ottomano Veneto

E’ ferito a Chioggia nel corso di una rissa tra i soldati francesi condotti da Sciarra da Martinengo.

1572
Gen. Spagna

Muore a Siviglia. Sarà sepolto nel successivo maggio a Modena nella chiesa di San Vincenzo. Sposa Renata d’Este, figlia naturale del cardinale Ippolito.

 CITAZIONI

“Acquistò nome d’animoso e di molto ardente e intrepido guerriero.” SANSOVINO

“In alcuni codici si conservano buone testimonianze del suo amore per la poesia.” LITTA

“Servì con fama di valoroso guerriero diversi principi. Ma benché visse quasi sempre frall’armi, coltivò nondimeno la volgar poesia.” TIRABOSCHI