ALDOBRANDINO ORSINI Conte di Sovana

0
469
Print Friendly, PDF & Email

Condottieri di ventura

1280      ALDOBRANDINO ORSINI  Conte di Sovana. Signore di Tombolo di Feniglia, Porto Ercole, delle isole del Giglio e di Giannutri, Orbetello, Marsiliana, Capalbio, Montauto. Figlio di Guido, fratello di Niccolò, padre di Bertoldo.

               + 1384

Anno, mese

Stato. Comp. ventura

Avversario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1354

Orsini

Baschi

 

 

Toscana

Si allea con Bertoldo Farnese e lotta nel senese contro i Baschi. Ne seguono devastazioni e rovine d’ogni genere.

1355

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Toscana

Interviene il legato dell’ imperatore Carlo di Boemia, il patriarca di Aquileja, che impone la pace ai contendenti.

1358

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

 

 

 

 

 

 

Lazio

Viene investito con i fratelli Niccolò e Gentile dal monastero delle Tre Fontane, presso Roma, della Maremma senese in possesso dell’abbazia (Tombolo di Feniglia, Porto Ercole, l’isola del Giglio con cento miglia di mare ed i relativi diritti di pesca, l’isola di Giannutri, Orbetello con lo stagno, Marsiliana, Tricosta, Capalbio, Montauto, Supenna e metà dei castelli di Capita e Collelungo).

1362

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

Siena

Comp. ventura

100 cavalli

Toscana

Difende il territorio della repubblica di Siena con i fratelli Niccolò e Gentile;  tallona i venturieri per impedire che molestino il territorio. Cessato il pericolo si reca nel capoluogo ed è conferita a lui ed ai fratelli la cittadinanza del comune senza il pagamento di alcun censo. Gli Orsini organizzano nella città un grande pranzo.

Giu.

Firenze

Pisa

 

 

Toscana

Prende parte all’assedio di Peccioli.

Lug.

 

 

 

 

 

 

Toscana

Scorre il territorio fino alle porte di Pisa dove una sua cavalcatura vince uno dei tre palii svoltisi  sotto le mura cittadine. Ritorna sotto Peccioli con il fratello Gentile.

Ago.

 

 

 

 

 

 

Toscana

Con la caduta di Peccioli si reca a Firenze. E’ armato cavaliere con il fratello Gentile da Bonifacio Lupo: viene congedato dal comune con ricchi doni.

1371

Siena

 

 

 

 

 

 

 

 

1372

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

Siena

 

 

 

 

 

 

Abbandona il soldo dei senesi.

1375

 

 

 

 

 

 

 

 

Si allea con altri rami della famiglia Orsini.

1379

Chiesa

Antipapa

 

 

Toscana

Cattura in Colle di Val d’Elsa Piero del Verde che si è impadronito della località.  Gli impone una taglia di 500 fiorini.

1384

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

 

 

 

 

 

 

 

 

Fa testamento. Muore nello stesso anno.

 CITAZIONI

“Fu valoroso signore.” GAMURRINI

“Tornò in Firenze a farsi cavaliere:/ Fatto ch’è pe ‘l popol Fiorentino/ Con ogni onor, ch’a ciò fece mestiere,/ Ed e’ fe cavaliere a suo dimìno/ Un suo fratel, di tempo più leggiere;/ Il Comun di Firenze fe le spese,/ E donò lor cavà con bello arnese.” PUCCI