AGOSTINO DA PIACENZA

0
2070
Fortezza Orsini (Sorano)
Fortezza Orsini (Sorano)

AGOSTINO DA PIACENZA  (Agostino dei Rossi) Di Piacenza. Architetto militare e fonditore di pezzi d’artiglieria.

  • 1463
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1453SienaFirenze Toscana

I fiorentini si impossessano con un colpo di mano della Porta Camollia a Siena: conoscitore dei segreti del fuoco greco, fa lanciare contro di essa alcuni giavellotti imbibiti in un liquido di sua invenzione che non può essere spento con l’acqua.

1454     
Nov.SienaPitigliano Toscana

Prende parte all’ assedio di Sorano;  guida il tiro delle artiglierie. Poiché ama una ragazza della località con la sua abilità cerca di risparmiare la casa in cui essa abita.

1457   ToscanaIl suo operato è richiesto ai senesi da Federico da Montefeltro.
1458   ToscanaHa l’incarico di costruire una diga sull’Arbia nei pressi di Buonconvento.
1459   ToscanaA Siena. E’ creditore nei confronti del comune di più di 13000 libbre di metallo utilizzato per la fusione di una bombarda chiamata “Balzana”.
1460   ToscanaSempre a Siena. Per la repubblica fonde 2 bombarde di bronzo ed alcune cerbottane (pezzi minori di artiglieria).
1461     
Gen.Chiesa   

Stipula un contratto con la Camera Apostolica per la costruzione di alcuni pezzi di artiglieria. Il  contratto prevede a suo favore l’affitto di una casa, la fornitura del bronzo ed una paga di 20 fiorini per ogni 100 libbre di peso di tali armi.

Giu.ChiesaAngiò Lazio e ToscanaAffianca il conte di Montefeltro Federico all’assedio di Palombara Sabina contro i Savelli. Presto lascia il campo per rientrare a Siena.
Nov.  Capitano  artiglieriaLazio

Durante la guerra contro i partigiani di Giovanni d’Angiò sovraintende alla costruzione di 3 bombarde, la “Silvia”, dal nome di Pio II, la “Vittoria” dal nome della madre del pontefice e l’”Enea”, la più potente, la cui denominazione è ricavata dal primo nome del papa.

1463    Muore.

 CITAZIONI

-“Qui machinarum bellicarum tormentorumque inventor longe omnium peritissimus per ea tempora habebatur.” F. CONTARINI

-“Questo maestro Agostino fu uno degli artefici più rinomati del tempo, come fonditore, bombardiere ed architetto.” PICCOLOMINI

-“Rumpere quae videor sonitu Victoria coelum/ Cumque suis muros turribus ejicere:/ Arma juvo, tueorque Pii, quantum erigit ille/ Voce bonos, ictu tantum ego sternos malos.” CAMPANO

-“Dal punto di vista della committenza, la decennale carriera di Agostino da Piacenza appare senz’altro come una delle più notevoli. L’artefice era stato infatti attivo non solo a Roma, ma anche a Milano, a Mantova e a Urbino. A Siena, soprattutto, aveva realizzato due bombarde, “magnas et ornatas”, numerose serpentine e svariati “cannoni” per dei pezzi preesistenti. Inoltre, aveva preso parte, in qualità di bombardiere, alle operazioni contro Aldobrandino Orsini e Niccolò Piccinino. Le sue capacità avevano finito per attirare le attenzioni di numerosi governanti, e, nel 1457, anche Federico da Montefeltro ne aveva domandato insistentemente i servigi.” ANSANI

-“Mastro di bombarde attivo a Siena a partire dagli anni Cinquanta del Cinquecento.” MERLO

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi