1477 – 1479

0
3244

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Indice delle Signorie dei Condottieri: ABCDEFGIJLMNOPQRSTUVZ

1477 – 1479

Indice cronologico delle battaglie principali a cui hanno preso parte i condottieri di ventura operanti in Italia nel medioevo.

Legenda: P prigioniero
+ morto
F ferito

 

1477

BUSALLA – aprile

MILANO                                                                               FUORIUSCITI GENOVA

Roberto da San SeverinoObietto Fieschi
Gian Giacomo da TrivulzioPaolo Fregoso
Donato del Conte
Pier Francesco Visconti
Prospero Adorno
Alessandro Spinola
Roberto da Montacuto F
Carlo Adorno
Sforza Sforza
Ottaviano Sforza
Ludovico Sforza
Giovanni Pallavicini

 

CHIANCIANO – agosto

COMPAGNIA DI VENTURA                                                          SIENA

Carlo di MontoneAntonio da Montefeltro

 

GRADISCA/BATTAGLIA DELL’ISONZO – ottobre

IMPERO OTTOMANO                                                                    VENEZIA

Achmet GiedikGirolamo Novello +
Amar Beg FGiovanni Antonio Zurlo
Giacomo Badoer +
Anastasio Flaminio +
Anastasio da Sant’Angelo +
Giovanni Governo P
Bernabò di San Martino
Corrado Orsini
Giovanni Antonio Caldora P
Taliano da Carpi
Ercole Malvezzi +
Zaccaria Barbaro
Giovanni Giacomo Piccinino P
Filippo da Nuvolone +
Giorgio di Gallese P
Filippo di Miolans P
Giovanni Chiericati +
Ludovico Scudobbi
Giorgio da Martinengo
Giovanni del Matto P
Lorenzo Novello +
Niccolò da Livizzano +
olantonio Zurlo +
Troiano Papacoda P
Giovanni Quirico di San Vitale
Giorgio da Codroipo P
Alessandro da Rivoli P
Afriano da Faenza P
Gemignano di Bozzalino +
Pretone da Modigliana P
Giovanni Leonardo da Rivolta P
Antonio da Milano P
Melchiorre Rustichello P
Battista da Castiglione P
Giovanni da Bergamo P
Zanetto da Maiano P
Felice Belasio P
Agostino da Onigo
Giampaolo Manfrone
Berlingieri Caldora P
Salvatore Zurlo

Veneziani: molti cavalli, 3000 fanti. Girolamo Novello si muove in avanscoperta e cade in un agguato tesogli dai turchi. Viene in suo soccorso il resto dell’esercito veneziano, che è parimenti sconfitto. Molti i prigionieri tra le truppe della Serenissima: di costoro 97 sono decapitati dai turchi ed altri 1500 sono condotti in Bosnia.

1478

 

BATTAGLIA DELLA VAL POLCEVERA/BUSALLA/DUE GEMELLI – agosto

GENOVA                                                                                           MILANO

Roberto da San SeverinoSforza Secondo Sforza
Gianluigi FieschiPietro dal Verme P
Prospero AdornoPietro Francesco Visconti
Agostino FregosoBorella da Caravaggio P
Matteo FieschiGiampietro Bergamino P
Cristoforo da Montecchio P
Niccolò Pallavicini +

Genovesi: 7000 cittadini; sforzeschi: 2000 cavalli, 8000 fanti forniti di corazza (tra cui molti svizzeri), 6000 fanti leggeri. Durata: sette ore. Gli sforzeschi hanno 600 morti e moltissimi feriti. Diverse migliaia di soldati sono fatti prigionieri e lasciati rientrare in Lombardia senza armi, nudi.

GIORNICO – dicembre

CANTONI SVIZZERI                                                                       MILANO

Enrico TrogerMarsilio Torelli
Frishtang TeilingMariano da Roma +
Giovanni WaserGiovambattista dell’Anguillara
von BubenbergFrancesco Visconti
Guglielmo di DiesbachBorella da Caravaggio
KronauerCesare Porro
SeilerMichele Battaglia
Antonietto da GiornicoEttore da Fioramonte
da PratoDonato Saltamacchia
Pietro Panigarola
Bastardo
Giampietro Bergamino
Carlo da Cremona
Ambrosino da Longhignana
Natale del Reame
Giovanni da Castrovillari
Cristoforo da Montecchio

Svizzeri: 600 fanti; sforzeschi: 8000/10000 uomini tra cavalli, provvigionati e cernite. Le truppe milanesi cadono in un’imboscata predisposta in una stretta valle con terreno ghiacciato: fuoco di fucileria e macigni dall’alto con impossibilità della cavalleria sforzesca di muoversi. 1500 morti tra i milanesi (800 per il Corio) che perdono anche armi, salmerie ed artiglierie (500 balestre, 500 archibugi ed 8 colubrine). Tra gli abitanti della val Levantina e gli altri svizzeri le perdite ammontano a 50 morti ed a 60 feriti.

1479

BATTAGLIA DEL SERCHIO – aprile

NAPOLI                                                                                             FIRENZE

Roberto da San SeverinoErcole d’Este
Giulio Antonio Acquaviva FMarco Pio P

Sono catturati 1000 cavalli ai fiorentini.

BATTAGLIA DELLA MAGIONE/MONTESPERELLI/PASSIGNANO – giugno

FIRENZE, VENEZIA                                                                        NAPOLI, CHIESA

Roberto MalatestaMatteo da Capua
Antonio RangoniGiulio Antonio Acquaviva
Bernardino di MontoneGirolamo Riario
Niccolò OrsiniMenelao di Vico
Antonello da ForlìGiulio Cesare da Varano
Deifobo dell’AnguillaraGiovanni della Rovere
Costanzo SforzaGiovanni Francesco da Bagno
Melo da CortonaPino Ordelaffi
Marco Pio

Fiorentini: 30 squadre di cavalli; aragonesi: 30 squadre di cavalli. Durata: due ore. 160 uomini tra morti e feriti nelle file degli aragonesi. I fiorentini si impadroniscono di quasi tutti i carriaggi (1400 carri).

POGGIBONSI/POGGIO IMPERIALE – settembre

CHIESA, NAPOLI, SIENA                                                               FIRENZE, VENEZIA

Federico da MontefeltroSigismondo d’Este
Alfonso d’AragonaMarco Pio P
Giulio Cesare da VaranoGirolamo degli Albizzi
Jacopo d’Appiano PNiccolò da Correggio P
Giulio Savelli +Costanzo Sforza
Borghese BorgheseVittore Soranzo
Forese di StefanoRodolfo Gonzaga P
Cristoforo da ForlìFrancesco da Sassatello P
Jacopo ContiGiovanni Francesco Gonzaga
Luigi GentileFrancesco Secco
Possa da SienaGiovanni Antonio Scariotto P
Luigi GentileAntonello da Forlì P
Giovanni Savelli
Niccolò Secco P
Andrea dal Borgo
Galeotto della Mirandola P
Giberto da Correggio P

Pontifici/aragonesi: 22 squadre di cavalli, 2000 fanti, 1000 guastatori senesi. Assalto ad un campo fortificato dei fiorentini. Questi ultimi subiscono la cattura di 300 uomini d’arme.

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi