UGO PEPOLI Di Bologna

0
109

Condottieri di ventura

1419      UGO PEPOLI  Di Bologna. Conte. Cavaliere dell’ordine di San Michele.

                1484 – 1528 (agosto)

Anno, mese

Stato. Comp. ventura

Avversario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1507

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

Chiesa

Bentivoglio

 

 

Emilia

Contrasta Annibale ed Ermes Bentivoglio. Al loro arrivo nei pressi di Bologna cala giù dai monti vicini alla città con 2000 seguaci ed induce gli avversari a rientrare nel modenese.

1508

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

Chiesa

Benti voglio

 

 

Emilia

Interviene in Bologna con 100 uomini per recuperare la Porta di San Mammolo caduta in potere di Gaspare Scappi fautore dei Bentivoglio. Il tentativo va a vuoto; a fine mese è convocato con altri nobili a Roma dal papa Giulio II.

1511

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

………

Venezia

Francia

 

 

 

 

Milita agli ordini di Giampaolo Baglioni.

Mag.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Bologna si ribella a favore dei Bentivoglio: Ugo Pepoli si rifugia nel castello cittadino con il cardinale legato Francesco Gozzadini.

Ott.

 

 

 

 

 

 

Veneto

A Padova, alla rassegna dei suoi uomini che viene effettuata al Prato della Valle.

1512

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Scorta fuori Bologna il cardinale Giovanni dei Medici (il futuro Leone X) quando nella città vi penetrano i fautori dei Bentivoglio.

Feb.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Si trova nel veronese. Viene sconfitto dai francesi alla Torre del Magnano: il suo comportamento è elogiato a Venezia nel Collegio dei Pregadi da Giovanni Forti.

1513

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb.

Venezia

Spagna

 

 

Veneto ed Emilia

ha l’incarico di caposquadra nelle compagnie di Giampaolo Baglioni. Lascia il campo di San Bonifacio;  si reca a Venezia in Collegio per esporre alcune sue richieste. Si unisce con Ermes Bentivoglio e cerca inutilmente di rientrare in Bologna.

Mag.

 

 

 

 

 

 

Veneto

A Venezia; è segnalato in San Marco al fianco del doge Leonardo Loredan.

Lug.

 

 

 

 

 

 

Veneto

A Treviso ed a Vicenza.

Ott.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Prende parte alla battaglia di Creazzo. Si rifugia a Treviso e da qui ritorna a Venezia in Collegio; riferisce sulla sconfitta patita dai veneziani. I suoi uomini abbandonano nel frattempo il campo; le sue richieste non sono soddisfatte  perché la Signoria non si fida completamente della sua lealtà. Licenziato, rientra a Bologna.

1514

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb. mag.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Sfida a duello Guido Rangoni. Lo scontro non ha luogo a Milano dove è stato stabilito in un primo momento  per l’opposizione del papa Leone X.

Ago.

Genova

Spagna

59 cavalli leggeri

Liguria

Ha l’incarico di luogotenente della compagnia di Ottaviano Fregoso; appoggia i francesi a Genova. Con i suoi cavalli leggeri assedia nel capoluogo il castello della Lanterna.

1515

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago.

Francia

Spagna Impero

50 lance

Liguria e Francia

E’ sempre alla difesa di Genova; presto lascia la regione per raggiungere la Francia.

1516

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ott.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Al campo di Villafranca di Verona al seguito del Lautrec.

Dic.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Ha luogo a Gazzuolo il duello con Guido Rangoni: il combattimento si svolge a piedi; i due contendenti si feriscono reciprocamente anche se in modo leggero, il Rangoni alla gola ed il Pepoli alla faccia. Intervengono gli spettatori presenti a porre  termine alla lotta. Per alcune fonti il duello è più favorevole al Pepoli ed il Rangoni è salvato dall’ intervento dei presenti.

1517

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Si trova a Milano; lascia la città con la riconferma nell’incarico di luogotenente della compagnia di Ottaviano Fregoso.

Apr.

Francia

Comp. ventura

 

 

Romagna

Appoggia i pontifici contro Francesco Maria della Rovere teso al recupero del ducato di Urbino. E’ segnalato nel riminese a Santarcangelo di Romagna.

Mag.

 

 

 

 

 

 

Umbria

Passa alla difesa di Perugia al comando delle 300 lance francesi del Sisse.

Ago.

 

 

 

 

 

 

Romagna

Spalleggia Renzo di Ceri nei negoziati di pace con Francesco Maria della Rovere.

1518

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.

 

 

 

 

 

 

Gran Bretagna

A Lambeth, al fianco degli ambasciatori francesi.

1521

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

 

Prende parte ad un consiglio di guerra con il Lautrec e gli alleati veneziani per concordare i piani della prossima guerra con gli imperiali.

Lug.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

 

Partecipa ad un nuovo consiglio con il Lautrec, il Lescun e Teodoro da Trivulzio: con Giulio da San Severino obietta sulla decisione di raccogliere le truppe fra Cremona e Piacenza per le problematiche legate al loro vettovagliamento.

Ago.

 

 

 

 

 

 

 

 

Il re di Francia Francesco I lo induce a rappacificarsi con i Bentivoglio.

Nov.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Affianca il Pontdormi alla difesa di Vaprio d’Adda con alcuni cavalli, 1000/1200 fanti e due falconetti.  Tenta di opporsi ai fanti di Prospero Colonna che stanno attraversando il fiume. Gli avversari occupano una casa vicino alla riva ed ha inizio nel buio una scaramuccia. I cavalli francesi non riescono a respingere i nemici dall’ argine;  i fanti francesi devono retrocedere a seguito della pressione di Giovanni d’Urbina che usufruisce di forze superiori: sono uccisi lo Chardon e Graziano di Luce, ciascuno al comando di 500 fanti. Ugo Pepoli chiede rinforzi al Lautrec: il Lescun giunge in ritardo con 400 lance, molti fanti ed alcuni pezzi di artiglieria perché i camerieri del Lautrec non hanno voluto svegliare il generale francese al momento dell’arrivo della richiesta di aiuto. Gli imperiali continuano ad attraversare l’Adda ed i francesi sono battuti.

Dic.

Comp. ventura

Chiesa

 

 

Umbria

 

Segue Francesco Maria della Rovere alla riconquista del ducato di Urbino. Si spinge fino a Gualdo Cattaneo; depreda il territorio e fa dare alle fiamme molte case del circondario.

1522

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

Francia

Impero

 

 

Lombardia

Prende parte all’assedio di Milano. Partecipa alla battaglia della Bicocca in cui è ferito ad una gamba da un colpo di archibugio.

1523

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.

Francia

Impero Venezia

 

 

Lombardia ed Emilia

Lascia il milanese per recarsi a Ferrara; è catturato nei pressi di Brescia dai cavalli leggeri veneziani. Trattenuto nella città per ordine del provveditore generale Leonardo Emo, (è ospitato nel palazzo del camerlengo) viene fatto liberare dal Consiglio dei Dieci. Prosegue il suo viaggio per Ferrara con 40 balestrieri a cavallo.

1524

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

 

 

 

 

50 lance

Lombardia

E’ preposto con Giovanni da Birago alla guardia di Sartirana Lomellina (200 cavalli leggeri, alcuni uomini d’arme e 800 fanti). Investito da Giovanni d’Urbina (2000 fanti spagnoli muniti di artiglierie) sono espugnati il centro e la rocchetta con l’uccisione di 70 fanti, 50 lance e 50 cavalli leggeri: Ugo Pepoli è catturato nei borghi ed è consegnato a Ferdinando d’Avalos.

Sett.

 

 

 

 

 

 

Francia

Liberato, combatte gli imperiali in Provenza.

Nov.

 

 

 

 

600 fanti

Lombardia

E’ nominato governatore di Cassano d’Adda: emette alcune grida che proibiscono ai suoi uomini di danneggiare il veneziano. Segue il duca di Albany nella sua azione volta alla conquista del regno di Napoli.

Dic.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Si trova a Borgo San Donnino (Fidenza) con 400 lance e 5000 fanti non bene in ordine; a fine mese si ferma a Piacenza.

1525

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

………

 

 

 

 

 

 

Francia

Ripara in Francia a seguito della sconfitta di Pavia.

Nov.

 

 

 

 

40 lance

Francia ed Emilia

Parte da Lione, si reca nel ducato di Ferrara per ottenere il libero passaggio alle milizie francesi; si incontra a Moriana con Giovanni Cantelmi ed ottiene un rifiuto.

1526

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Lascia la Francia e ritorna in Italia con il denaro destinato alle paghe dell’esercito.

Giu.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

A Lodi con Francesco Maria della Rovere. Ha il comando di 24 lance.

Lug.

 

 

 

 

 

 

Francia e Lombardia

Viene insignito dal re di Francia dell’ordine di San Michele e gli è concessa una provvigione annua di 3000 scudi. Ritorna in Lombardia.

Sett.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Al campo di Lambrate con la propria compagnia di uomini d’arme.

Ott.

 

 

 

 

 

 

Emilia

E’ inviato dal re a Ferrara per convincere il duca Alfonso d’Este a riconciliarsi con il papa Clemente VII.

Dic.

 

 

 

 

 

 

Lombardia ed Emilia

Si incontra a Soncino con Francesco Maria della Rovere per conto del marchese Michelantonio di Saluzzo;  attraversa il Po, è segnalato poi a Caorso,  punta sul piacentino con 200 cavalli e 500 fanti per tagliare il flusso dei rifornimenti ai lanzichenecchi. Tocca  Saliceto di Chiaravalle con Claudio Rangoni e Roberto da  San Severino per bloccare Niccolò Varolo. Quest’ultimo, tuttavia, riesce a sfuggire all’insidia: sono trovati solo 25 uomini intenti al saccheggio dei quali otto sono uccisi e quattro fatti prigionieri. Ugo Pepoli si ferma nella località in attesa delle artiglierie il cui trasporto viene ostacolato dal maltempo e dal cattivo stato delle strade. Non manca di lanciare in avanscoperta 100 cavalli e 50 archibugieri che sorprendono alcuni lanzichenecchi alla ricerca di cibo;  avvia pure a Cadeo altri 50 cavalli e 80 archibugieri con l’ordine di esplorare il terreno fino a Fiorenzuola d’Arda. A Sissa per un consiglio di guerra tenuto dal commissario pontificio Francesco Guicciardini, dal provveditore generale Govanni Vitturi, da Federico Gonzaga da Bozzolo, dal marchese di Saluzzo e da Paolo Camillo da Trivulzio.   

1527

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Si allontana da Parma per avere un colloquio a Bologna, a nome del marchese di Saluzzo, con Francesco Maria della Rovere; ritorna a fare da mediatore, su incarico del re Francesco I, sulle vertenze che dividono il pontefice con il duca di Ferrara.

Feb.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Si incontra a Ferrara con Alfonso d’Este;  gli promette in moglie per un figlio una principessa francese di sangue reale. Il duca, al momento, è  alleato con gli imperiali.

Apr.

 

 

 

 

 

 

Emilia Romagna Toscana

Rimane al governo di Bologna con i fanti delle Bande Nere ed altri 4000 uomini allorché i lanzichenecchi abbandonano il territorio per puntare sulla Toscana e sul Lazio. Lascia  anch’egli la città con Guido Rangoni e 1500 fanti: Castel San Pietro Terme, Imola e Faenza non permettono l’ingresso in città ai suoi uomini. Con Michelantonio di Saluzzo si incontra a Meldola con Francesco Maria della Rovere ed i provveditori generali Alvise Pisani e Giovanni Vitturi; prosegue  la sua strada per Firenze.

Mag.

 

 

 

 

 

 

Lazio ed Emilia

Alla caduta di Roma nelle mani di lanzichenecchi e spagnoli, è inviato in soccorso del papa assediato in Castel Sant’Angelo. Con Federico Gonzaga da Bozzolo cerca di superare le linee nemiche approfittando del fatto che gli avversari sono intenti solo al saccheggio  della città. Durante la marcia di avvcinamento Federico Gonzaga da Bozzolo cade da cavallo ed è impossibilitato a continuare nell’ impresa;  nonostante l’imprevisto Ugo Pepoli  persevera nella sua missione e giunge a Ponte Milvio. Ritorna indietro a seguito del primo contatto con gli avversari;  i difensori del castello, d’altra parte, non sono stati preavvertiti del suo intervento. Trascorrono i giorni e l’esercito della lega resta inattivo: da un nuovo consiglio di guerra se ne esce con un nulla di fatto. Alla fine stanco della situazione Ugo Pepoli rientra a Bologna.

Giu.

 

 

 

 

 

 

Emilia

A Bologna. Con 1000 fanti veneziani tronca una sedizione alimentata da Annibale Bentivoglio e da Lorenzo Malvezzi con il tacito assenso di Melchiorre Ramazzotto.

Sett.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Si porta a Modena;  tratta positivamente con gli estensi ed i partigiani dei Bentivoglio il rientro di questi ultimi in Bologna come privati cittadini.

1528

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

………

 

 

 

 

 

 

 

 

Asseconda il Lautrec nel regno di Napoli.

Giu. lug.

Firenze

Impero

Capitano g.le fanteria

Campania

Alla morte di Orazio Baglioni ha il comando dei fanti delle Bande Nere. E’ spinto dal capitano generale francese a contrastare le sortite degli avversari che escono da Napoli: si colloca al Belvedere e  mette in fuga gli imperiali con poche perdite. Tra gli avversari rimangono sul terreno o sono fatti prigionieri 400 fanti tra spagnoli e lanzichenecchi; dei feriti i più moriranno in un secondo momento. Grande è pure il bottino che perviene ai suoi uomini. Nello stesso mese Ugo Pepoli è catturato dalla cavalleria imperiale in una scaramuccia alla Maddalena mentre  tenta di proteggere con Valerio Orsini lo sbarco a Pontelicciardo delle truppe del Barbecieux (Antonio de la Rochefoucauld) e di Renzo di Ceri, giunti dalla Francia con 800 fanti ed i denari delle paghe. Secondo Biagio di Montluc la responsabilità della sconfitta è di Ugo Pepoli che ha  piazzato i suoi picchieri sulla strada senza lasciare spazi per la carica della cavalleria francese del Laval: i cavalli francesi scompaginano così il quadrato dei suoi  fanti, i nemici approfittano della confusione e fanno prigioniero il capitano bolognese, gravemente ferito da un colpo di spada al petto. Tra i francesi sono uccisi più di 100 fanti (fra cui Carlo di Foix Candale colpito alla spalla sinistra da una palla di archibugio) ed altrettanti sono catturati in gran parte gentiluomini; anche gli imperiali subiscono numerose perdite e la cattura di 40 cavalli.

Ago.

 

 

 

 

 

 

Campania

E’ liberato in cambio dell’Arrio, del Miranda e di altri tre capitani spagnoli. Muore il Lautrec di peste; Ugo Pepoli cerca con il marchese di Saluzzo, con il quale è peraltro spesso in disaccordo, di tenerne nascosto il decesso. La notizia trapela rapidamente per tutto il campo e dentro Napoli. Ammalatosi a sua volta gravemente ripara a Capua dove è raccolta la maggior parte degli ammalati francesi. E’ qui raggiunto da Giuliano Strozzi che, a sua volta, ha abbandonato Pozzuoli. Gli abitanti chiudono una porta della città ed aprono l’altra agli imperiali di Giulio Cesare da Capua e di Fabrizio Maramaldo. Sono uccisi i soldati sia quelli sani che quelli ammalati. Ugo Pepoli muore di peste: il cadavere giace in una chiesa davanti all’altare del Santissimo circondato di ceri e di preti, allorché  irrompono in essa le masnade di Fabrizio Maramaldo. Queste rovesciano la bara, strappano di dosso al corpo la collana d’oro dell’ordine di San Michele, le insegne militari e le vesti che sono divise tra i vari soldati. E’ sepolto a Napoli nella chiesa di Monte Oliveto.

 CITAZIONI

“Uomo non meno valoroso che nobile.” VARCHI

“Uomo che seminava discordia e tumulto fra i soldati.” BARBARO

“Huomo di singolar nobiltà e di chiaro valore.” GIOVIO

“Personaggio illustre per onore avito e pel proprio.” GUERRAZZI

“Guerriero in giovine età di bel nome.” ALBINI

Con Ludovico Barbiano da Belgioioso “To dos caballeros valurosos y capitanes de mucha gente de armas y harcheros.” SANDOVAL

“Valorosissimo soldato.” I. CANTU

“D’antica nobiltà, cavaliere d’esperienza e di molto valore.” SANTORO