TUCIO DI COSTANZO

0
126

Condottieri di ventura

0571      TUCIO DI COSTANZO Di Cipro. Padre di Tommaso.

+ 1515 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1482VeneziaFerrara8 lanceEmilia

Ha il comando di 40 cavalli.

1484Lombardia

Combatte agli ordini di Guido dei Rossi.

1485
Feb.Veneto

A Venezia partecipa ad una grande giostra organizzata in piazza San Marco da Roberto da San Severino.

1487
Ago.VeneziaAustriaTrentino

Ottiene il comando di 100 cavalli con Pietro da Cartagine.

1495
Mag.VeneziaFrancia40 cavalli
Giu.Lombardia ed Emilia

Si congiunge a Seniga con Francesco e Rodolfo Gonzaga; da qui prosegue per il parmense.

Lug.Emilia e Piemonte

Partecipa alla battaglia di Fornovo inquadrato nella settima schiera comandata da Antonio da Montefeltro. Si sposta, successivamente, a Vespolate e, con Luigi da San Nazaro, ha l’incarico di provvedere alla guardia dei carriaggi.

…………..Piemonte

Durante le operazioni di assedio si incontra con Luigi d’Orleans che lo elogia  per il suo uso della lancia in torneo.  Gli è regalato uno stocco.

1496
Mag.100 cavalli
1497
Sett.Lombardia

Accoglie a Brescia l’ex-regina di Cipro Caterina Corner, invitata dal fratello Giogio podestà della città.

1498
Ott.160 cavalliVeneto e Romagna

Lascia con i suoi uomini il veronese per trasferirsi a Ravenna.

Nov.VeneziaFirenzeRomagna

E’ inviato a Galeata in soccorso di Lamberto Malatesta da Sogliano.

Dic.Romagna

In Val di Bagno con il provveditore Giovanni Paolo Gradenigo: è in difficoltà per la mancanza di denaro.  Con altri condottieri si lamenta di Lamberto Malatesta  da Sogliano che ha fatto molte promesse  rivelatesi tutte fallaci. Contribuisce alla vittoria di Caresto in cui sono sconfitti 1000 fanti fiorentini comandati da Chiriaco dal Borgo.

1499
Gen.Romagna

Ancora in Val di Bagno.

Feb.Romagna

Apr.Romagna

Si reca a Ravenna con la sua compagnia;  reclama per le paghe arretrate.

…………..Veneto

Viene trasferito a Castelfranco Veneto.

Lug. ott.VeneziaImpero Ottomano25 lanceFriuli

E’ spostato a Gradisca d’Isonzo per contrastare con 100 cavalli le scorrerie dei turchi.

1501
Mag.

E’ congedato.

1503VeneziaRomagna

Viene nominato governatore della Romagna.

…………..Veneto

Si ritira a vita privata a Castelfranco Veneto. Frequenta ad Asolo la corte dell’ex-regina di Cipro.

1508VeneziaImpero50 lanceFriuli
1509
Mag.VeneziaFrancia Chiesa ImperoRomagna

E’ richiamato per combattere le truppe della lega di Cambrai. E’ inviato in Romagna per prendere il comando delle truppe al posto di Giampaolo Manfrone, catturato a Brisighella dai pontifici. Raggiunge Ravenna.

Giu.Romagna e Veneto

Con la resa di Ravenna ai pontifici, ritorna a Venezia ed ai suoi possedimenti nel trevigiano.

Lug.Veneto

Coadiuva i veneziani a rientrare in Castelfranco Veneto ai danni degli imperiali.

Ago.Veneto

Si trasferisce a Venezia, dove acquista una casa in cà Marcello a Sant’Angelo sul Canal Grande.

1510
Giu.Veneto

Gli imperiali si avvicinano ancora a Castelfranco Veneto. Tucio di Costanzo è tra i primi a fuggire dalla città per riparare a Treviso. Rimproverato dal podestà di Castelfranco Veneto Niccolò Marcello, fa presto ritorno nella località.

1512
Feb.50 lanceLombardiaSegue il provveditore Andrea Gritti alla conquista di Brescia.
1515

Muore.

 CITAZIONI

“Fra l’altre cose fu riputato nelle giostre, per uno de maggiori cavalieri del tempo suo; onde abbaté più volte Gaspare Fracasso figliuolo di Roberto Sanseverino.” SANSOVINO

“Fu Condutiere e colonello di genti d’arme e maestro di campo dell’illustriss. Signoria di Vinegia in diverse imprese.” MAZZELLA

“Played an important part in the social and artistic life.” MALLETT