TOMMASO DA CASTELLO

0
92

Condottieri di ventura

0420      TOMMASO DA CASTELLO  (Tommaso Boccioli) Di Città di Castello.

               + 1420 ca.

Anno, mese

Stato. Comp.ventura

Avversario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

…………..

 

 

 

 

 

 

 

 

Con Giovanni Malvicini e Tommasino Crivelli fonda la “Compagnia della Rosa”.

1396

Firenze

Pisa

 

 

Toscana

E’ inviato dai fiorentini in soccorso del conte Niccolò da Montescudaio per devastare il pisano.

1398

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dic.

Ferrara

Comp. ventura

 

 

Romagna

Se ne sta inattivo nel forlivese. Assoldato da Niccolò d’Este con gli altri capitani della  “Compagnia della Rosa” affronta Bartolomeo Gonzaga che, con 2000 cavalli ha invaso il territorio estense. Il condottiero avversario è sconfitto e fatto prigioniero a Ronco.

1399

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…………..

Bologna

Comp. ventura

 

 

Emilia

Contrasta Giovanni da Barbiano.

Ago.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Si trova a Spilamberto con Filippo da Pisa e gli altri condottieri della compagnia (Tommasino Crivelli, Giovanni Malvicini e Giovanni dall’ Ischia). Giovanni da Barbiano esce da Vignola ed attraversa il Panaro: subito Tommaso da Castello, insieme con gli altri capitani, si pone al suo inseguimento, sconfigge e cattura nottetempo il conte di Cunio. Il Barbiano è fatto prigioniero con i suoi famigliari e viene condotto a Bologna per esservi giustiziato.

1401          
Nov. Città di Castello     Toscana E’ assoldato a Firenze da Città di Castello insieme con gli altri condottieri della “Compagnia della Rosa”.

1402

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

Bologna

Milano

 

 

Emilia

Milita agli stipendi del signore di Bologna Giovanni Bentivoglio.

Giu.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Partecipa alla battaglia di Casalecchio di Reno inserito nella seconda schiera forte di 1000 cavalli. Messo in fuga dai viscontei, si rifugia in Bologna dove i suoi uomini sono disarmati e svaligiati dagli avversari.

…………..

Perugia

Fuoriusciti

 

 

Umbria

Combatte agli stipendi dei perugini;  contrasta le scorrerie che Braccio di Montone compie con i fuoriusciti ai danni del capoluogo.

1404

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.

Siena

 

 

 

 

Toscana

 

 

1405

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.

Pisa

 

 

100 lance

Toscana

Con Tommasino Crivelli è al servizio del signore di Pisa Gabriele Maria Visconti: allorché la città si ribella al Visconti a causa delle trattative di quest’ultimo con il fiorentino Maso degli Albizzi per la vendita della città, ripara nella cittadella.

…………..

Firenze

Pisa

120 lance

Toscana

Con la cessione della cittadella ai fiorentini passa con Tommasino Crivelli agli stipendi dei fiorentini per contrastare i pisani.

Sett.

 

 

 

 

 

 

Toscana

E’ segnalato a Santa Maria di Castello sulla strada per Lucca.

1408

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.

 

 

 

 

 

 

Toscana

Viene inviato nel senese con Francesco della Mirandola e Tommasino Crivelli per scortare il papa Gregorio XII che sta giungendo da Lucca. Non può eseguire l’incarico con gli altri capitani a causa del cattivo stato in cui si trova la sua compagnia.

1410

Siena

Pitigliano

 

 

Toscana

Lotta contro le truppe del conte di Pitigliano Bertoldo Orsini. Di stanza a San Quirico con Stangalino della Palude, coadiuva Angelo della Pergola ad impadronirsi con un colpo di mano di Sovana.

1413

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov.

Firenze

Napoli

 

 

Umbria

E’ sconfitto ad Orvieto dalle milizie di Ladislao d’Angiò.

1414

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

Comp. ventura

Siena

 

 

Toscana e Umbria

Nel senese alla ricerca di vettovaglie. Tenta invano di impadronirsi di Sarteano; pure a vuoto va un’analoga manovra nel Chiugi.

Mag. Napoli Antipapa   Umbria Depreda il folignate ai danni di Ugolino Trinci con il Tartaglia, Malatesta Malatesta, Conte da Carrara e Ceccolino dei Michelotti.

…………..

Siena

 

 

100 lance

Toscana

 

 

1415

Spoleto

Camerino

 

 

Umbria

Agli stipendi degli spoletini. Al loro fianco per  recuperare il castello di Beroide, i cui abitanti si sono dati a Rodolfo da Varano.

1420

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE