RUGGERO CANE

0
231

Condottieri di ventura

0355      RUGGERO CANE  Di Casale Monferrato. Suocero di Facino Cane.

+ 1400 ca.

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1346
Dic.MonferratoPiemonte

Si trova a Ceva allorché Tommaso di Saluzzo si riconosce feudatario del marchese Giovanni di Monferrato per una parte di Ceva e per altre località vicine.

1363GenovaMilano18 cavalliLiguriaAl servizio del doge di Genova Simone Boccanegra in guerra con i Visconti. Ha il comando di diciotto cavalli.
1367Milano

Milita agli stipendi del signore di Milano Bernabò Visconti.

 

1368
Apr.MilanoLegaLombardia ed Emilia

Al comando di 1000 fanti e 600 cavalli entra con gli scaligeri di Jacopo dal Verme nel serraglio di Mantova e depreda il territorio fin nei pressi del capoluogo; in un secondo momento raggiunge  Guastalla.  Vi raduna molti galeoni per distruggere il ponte di Borgoforte.

1371ToscanaIn missione diplomatica in Toscana insieme con altri ambasciatori di Bernabò Visconti.
1372
EstateMilanoMonferrato Conte SavoiaPiemonte

Con Francesco d’Este, Jacopo dal Verme, Ambrogio Visconti e Giovanni Acuto assedia in Asti Ottone di Brunswick. Ruggero Cane con l’aiuto di Jacopo dal Verme costringe il capitano avversario, uscito per una sortita, a rientrare nella città. Sempre con il dal Verme (400 uomini d’arme e 700 fanti) cerca di impedire l’ingresso in Asti di Guglielmo di Grandson, di Luigi di Cossonay e di Gerardo di Grantmont con 300 uomini d’arme. Segue un nuovo attacco di ottone di Brunswick che obbliga i viscontei al  ripiegamento. Ruggero Cane si batte contro i monferrini ed i sabaudi sul fiume Adverse dove ha il comando della quinta schiera: nel combattimento, insieme con il Quarton, cattura il bastardo di Vernay.

Sett.Piemonte

E’ costretto ad allontanarsi da Asti.

Ott. dic.Conte SavoiaMonferratoPiemonteViene assediato dai monferrini nel castello di Cuneo. A fine dicembre si deve arrendere a patti.
1374EmiliaHa l’incarico di capitano a Reggio Emilia. Più tardi in tale città si stabilisce il padre Odoardo che si occupa degli ingenti beni concessi da Bernabò Visconti a Ruggero Cane (già appartenenti ad Ambrogio Visconti) distribuiti tra Parma e Reggio Emilia.
1375
…………..MilanoCapitano g.lePiemonte

Ottiene da Bernabò Visconti il comando di 400 lance e di 400 arcieri che hanno già militato agli ordini di Giovanni Acuto. E’ nominato capitano generale per il Piemonte.

Mag.Emilia

In missione diplomatica a Bologna.

Lug.Toscana

Ambasciatore a Lucca.

Sett.Toscana

Appoggia i fiorentini nelle loro trattative con la “Compagnia Santa” di Giovanni Acuto, che minaccia di devastare il loro territorio.

Ott.Toscana

Si trattiene a Lucca a causa di una malattia e, sempre per conto dei fiorentini, interviene a comporre alcune vertenze sorte tra gli stessi e Giovanni Acuto. Fa pure pressione sulle autorità cittadine affinché siano soddisfatti gli impegni presi da tale comune con il condottiero inglese.

…………..MilanoChiesa
1376
Mar.Toscana

Si reca a Pisa con l’ambasciatore del papa, il cardinale d’ Amiens per impostare i primi negoziati di pace tra i contendenti della guerra degli Otto Santi.

Apr.Lazio

Si incontra a Roma con Giovanni  Acuto.

Mag.Romagna e Umbria

A Faenza con Giovanni Acuto su incarico di Bernabò Visconti. A Perugia.

Sett.

Porta le lagnanze dei fiorentini a Giovanni Acuto, passato nel frattempo agli stipendi congiunti di Firenze  e di Bernabò Visconti, per i guasti provocati dalle sue truppe  nel loro attraversamento del ravennate.

Dic.Toscana

E’ segnalato  a Roma ed a Firenze per i colloqui tesi a porre termine alla guerra degli Otto Santi.

1377
Mar.Liguria e ToscanaSegue le trattative di pace a Sarzana per conto di Bernabò Visconti. Accompagna a Firenze gli ambasciatori fiorentini per avere l’appoggio della repubblica su alcune richieste viscontee. Le trattative si arenano.
Apr.Importante è il suo apporto nell’organizzare il matrimonio tra la figlia naturale di Bernabò Visconti, Donnina, con Giovanni Acuto.
Dic.LazioA Roma con  Giovanni Acuto per creare vere premesse per una pace fra i contendenti.
1378
Mar.Toscana

Con Giovanni Acuto scorta a Pisa, Lucca e Sarzana il cardinale d’ Amiens, gli arcivescovi di Pamplona e di Narbona per la conclusione del trattato di pace.

Mag.Lazio

Si incontra a Roma con il papa Urbano VI.

Ago.LombardiaA Milano con Giovanni Acuto e l’ambasciatore inglese Walter Thorpe per trattare la possibilità di un matrimonio tra il re d’Inghilterra Riccardo II ed una donna di casa Visconti.
1379
Mar.InghilterraE’ inviato da Bernabò Visconti in Inghilterra per trattare su un possibile matrimonio tra una donna di casa Visconti con il re inglese. Il sovrano sceglierà di sposarsi con Anna di Boemia figlia dell’ imperatore Carlo IV.
1383FranciaIn missione diplomatica in Francia.
1384
Ago.MilanoNapoli FirenzeToscanaSu incarico di Bernabò Visconti accompagna Enguerrand de Coucy nella sua campagna volta a favorire  Luigi d’Angiò nel regno di Napoli contro Carlo di Durazzo.
Sett. ott.Toscana

Affianca Carlo da Pietramala nello scalare di notte le mura di Arezzo;  prende possesso della città. Viene assalito dai fiorentini condotti da Giovanni degli Obizzi.

1385Nonostante il profondo legame che unisce Ruggero Cane con Bernabò Visconti le sue doti sono riconosciute anche da Gian Galeazzo Visconti che si avvale del suo servizio.
1389LombardiaPrende dimora a Pavia nel cui castello cittadino si trova la corte di Gian Galeazzo Visconti. Abita in una casa sita nella parrocchia di San Giacomo in Foro Magno. Sempre a Pavia possiede altre abitazioni in affitto dai domenicani di San Tommaso.
1391Liguria

Passa al servizio del conte di Virtù Gian Galeazzo Visconti. E’ segnalato a Genova.

1394OrléansGenovaLiguria

Combatte i genovesi con Enguerrand di Coucy.

1395

Avvia alcune trattative diplomatiche per conto del Coucy.

1400

Muore.

 CITAZIONI

“Il quale..molto, e nell’armi e ne’ negocii del mondo valeva.” PELLINI

“Demonstrated great talent in the art of diplomacy, more so than in military action.” ZUCCHINI

“Probabilmente conosceva un certo numero di lingue, grazie forse alla frequentazione di molti mercenari stranieri; svolse delicati incarichi diplomatici per conto dei Visconti presso papi, sovrani e diverse corti italiane…Grazie alle sue funzioni riuscì perfino a stringere rapporti di profonda amicizia con alcune tra le maggiori personalità dell’Italia di allora, come il fiorentino Coluccio Salutati e il condottiero John Hawkwood.” ROMANONI