ORAZIO DI CARPEGNA

0
2301
Fossato delle mura antiche di via Cadorna, Monopoli
Fossato delle mura antiche di via Cadorna, Monopoli

ORAZIO DI CARPEGNA Conte.

  • 1562 (febbraio)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
…………..UrbinoMarcheMilita al servizio del duca di Urbino Francesco Maria della Rovere.
1526
Dic.VeneziaImpero200 fantiLombardiaA Palazzolo sull’Oglio alla rassegna tenuta dal provveditore generale Domenico Contarini.
1527
Mag.ToscanaAffianca in Toscana il provveditore generale Alvise Pisani.
1528
Dic.296 fantiPuglia

Alla difesa di Monopoli. Con Luigi Matafari, Comino Frasina e Giulio da Montebello organizza un’imboscata a Fasano a Galeotto Fonseca: gli imperiali  si ritirano e si fortificano in una chiesa vicino alla città. Sono costretti ad arrendersi;  sono condotti prigionieri a Monopoli 270 fanti (con tre capitani, due spagnoli ed uno napoletano) e 36 cavalli con due capitani di stradiotti. Nello scontro rimangono uccisi tra gli imperiali 40 uomini contro uno solo di parte veneziana.

1529
Feb.PugliaIl suo comportamento viene elogiato dal governatore di Monopoli Andrea Gritti (omonimo del doge).
Mar.250 fantiPuglia

Ritorna alla difesa di Monopoli quando la città è minacciata dal marchese di Vasto Alfonso d’Avalos al comando di 4000 fanti spagnoli e 2000 italiani con 12 pezzi di artiglieria.

Apr.270 fantiPugliaEsce dal torrione di San Rocco con 30 fanti ed irrompe nelle trincee avversarie.
Lug.Puglia

I suoi uomini chiedono di essere rimpatriati a causa del dilagare della peste, del ritardo delle paghe e della mancanza di vettovaglie. Il provveditore Giovanni Vitturi, per tale fatto, lo accusa di essere con Giulio da Montebello promotore di ogni malcontento per potere rientrare quanto prima nel ducato di Urbino. I suoi fanti si ammutinano, gettano pietre contro il Vitturi e lo costringono a fuggire nel palazzo del governatore Andrea Gritti. Giovanni Vitturi pretende che gli siano consegnati coloro che lo hanno colpito; il Montebello arresta subito un fante che viene impiccato. Come risultato fuggono da Monopoli 40 fanti della compagnia di Orazio di  Carpegna e di quella di Giulio da Montebello: costoro sono svaligiati delle loro armi ed  uccisi dai contadini del circondario.

Ago.Puglia

 Orazio di Carpegna si imbarca sulla flotta di Giovanni Contarini Cacciadiavoli ed affianca Giovan Corrado Orsini alla conquista di Brindisi: la città si arrende in breve tempo per il tiro delle artiglierie. Sotto l’intenso fuoco dell’ artiglieria avversaria appoggia pure l’azione di Camillo Orsini volta all’ espugnazione del castello sul porto.

Sett.191 fantiPugliaGode di una provvigione mensile di 30 scudi. Si imbarca e ritorna alla guardia di Monopoli fino al termine del conflitto.
1530
Mar.VenetoA Venezia per reclamare il saldo delle paghe arretrate.
1532
…………….ImperoImpero OttomanoUngheria

Ottiene il comando di un colonnello di fanti italiani contro i turchi.

……………UrbinoMarcheRientra ad Urbino al servizio di Francesco Maria della Rovere.
1534
AutunnoUrbinoChiesaMarcheAlla difesa di Camerino.
1536/1537ImperoFranciaPiemonte
1538
Nov.UrbinoChiesa400 fantiUmbria e Marche

Alla morte di Francesco Maria della Rovere passa alla guardia di Gubbio; è, quindi, a Cagli con il nuovo duca di Urbino, Guidobaldo della Rovere,  allo scopo di coordinare con  altri capitani feltreschi il piano di guerra in caso di conflitto con i pontifici. Ha l’incarico di castellano di Camerino. Al termine del conflitto viene assolto da ogni censura ecclesiastica.

1547UrbinoCapitano g.le fanteriaMarche
…………….Chiesa
1549
Gen.LazioA Roma presso il papa su incarico del cardinale di Urbino.
Mar.Emilia

Alla morte del papa Paolo III viene spedito dal collegio dei cardinali a Parma con 2000 fanti per mettere al sicuro la città da eventuali attacchi di Ottavio Farnese.

Nov.UmbriaAlla guardia di Perugia con 1000 fanti.
Dic.LazioE’ chiamato a far parte della nobiltà romana.
1554VeneziaLombardiaDi presidio ad Orzinuovi.
1562
Feb.LazioMuore a Roma.

CITAZIONI

-Con Pasqualino Albanese “Sono uomini segnalati per fanti quanto altro in Italia per condurre un grosso e buon esercito.” ALBERI

-“Huomo di buona conditione e molto stimato.” GUAZZO

-“Signore di stimabilissime parti, e tenuto in gran riverenza nella nostra città (Gubbio), e in tutto il resto di questi stati (il ducato di Urbino).” ARMANNI

Fonte immagine in evidenza: Comune di Monopoli

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi