OLIVO

0
223

Condottieri di ventura

1270      OLIVO  (Olivo Attendolo, Olivo da Barbiano) Di Cotignola. Signore di Alianello. Nipote di Micheletto Attendolo.

 + 1450 ca.

Anno, mese

Stato. Comp. ventura

Aver sario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

…………..

 

 

 

 

 

 

 

 

Ha le sue prime esperienze militari con Muzio Attendolo Sforza.

1431

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.

Firenze

Lucca

250 cavalli

Toscana

Alloggia con i suoi uomini presso Poppi.

1433

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ago.

Chiesa

Fortebraccio

 

 

Lazio ed Umbria

Scorre verso Vetralla; per strada si imbatte in 60 cavalli ed in 200 fanti che si stanno recando da Vetralla verso Sutri per predare tale località: le schiere di Niccolò Fortebraccio  sono capitanate dal Camuso, da Battista Bevilacqua e da Angelo di Roncone. Vince gli avversari;  cattura il Bevilacqua con sedici uomini d’arme e più di 100 fanti. I fanti sono rilasciati. Sono trattenuti otto abitanti di Vetralla dai quali trae una taglia;  sono pure razziate molte pecore. Viene inviato con Giovanni Gatti in soccorso di Orvieto alla testa di 200 cavalli e di 200 fanti.

1434

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.

 

 

 

 

 

 

Lazio

Si muove ancora sotto Vetralla con Francesco Sforza per contrastarvi Niccolò Fortebraccio e Niccolò Piccinino.

…………..

Napoli

Re d’Aragona

 

 

Basilicata

Si trasferisce nel regno di Napoli e vi combatte gli aragonesi a favore degli angioini. Ottiene il feudo di Alianello in Basilicata dallo zio Micheletto.

1443

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb.

 

 

 

 

 

 

Campania

Presenzia alla seduta del parlamento generale tenutasi dopo l’ingresso in Napoli del re Alfonso d’Aragona.

1445          
Primo semestre Venezia Milano 145 cavalli Lombardia Milita sempre come caposquadra nella compagnia di Micheletto Attendolo.
Secondo semestre     172 cavalli    
1446          
Primo semestre     147 cavalli    

1447.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mar.

Venezia

Milano

67 lance

Lombardia

Combatte le truppe della Repubblica Ambrosiana. Gli è concessa la condotta per un anno di ferma e sei mesi di rispetto.

1450

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

NESSUNA CITAZIONE