NICCOLO SECCO

0
1983
Castel Tonini, Buti
Castel Tonini, Buti

Last Updated on 2024/01/27

NICCOLO’ SECCO

Padre di Carlo Secco, nipote di Francesco Secco.

  • 1496 (aprile)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1464
AutunnoMilanoLombardiaMilita nelle compagnie di Francesco Sforza con l’incarico di caposquadra. Si incontra a Milano con Jacopo Piccinino.
1477
Apr.VeneziaImpero OttomanoFriuli
1479
Sett.VeneziaChiesaToscanaE’ sconfitto e fatto prigioniero nella battaglia di Poggio Imperiale (Poggibonsi).
1482
………..VeneziaFerrara Milano FirenzeRomagnaCon Giovanni Antonio Caldora (4000 soldati) assale invano Bagnacavallo difesa da un presidio di militi fiorentini ed estensi. Respinto, assedia le terre di Lugo e di Fusignano che cedono alle truppe della Serenissima.
Mag.40 lanceRomagna

Rimane alla guardia di Ravenna con Giovanni Antonio Caldora allorché Roberto Malatesta lascia la Romagna per raggiungere Roma in appoggio ai pontifici.

Giu.RomagnaNel ravennate con il provveditore Giacomo di Mezzo.
Ago.RomagnaAlla difesa di Forlì con Giovanni Antonio Caldora e Carlo da Pian di Meleto.
Ott.300 cavalliEmiliaAd Argenta.
Nov.Emilia

Prende parte vicino ad Argenta ad uno scontro con estensi e sforzeschi: decisivo è il consiglio che dà a Vittore Soranzo di inviare Luigi Valaresso con 5 galee ad investire gli avversari alla bastia di Pontelagoscuro.

1483EmiliaE’ battuto a Stellata da Bartolomeo d’Alviano.
………..RomagnaSempre con il Caldora è segnalato all’assedio di Bagnacavallo.
Sett.RomagnaDi stanza a Ravenna. Ha ai suoi ordini 2 squadre di cavalli.
1496
Apr.FirenzeVeneziaToscanaAffronta veneziani e pisani. Muore a Buti.

 CITAZIONI

-Con Giovanni Antonio Caldora “Ductores, virique magni nomini.” CIRNEO

-“Esperto capitano.” CANSACCHI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi