MARCO DA ZARA

0
58

Condottieri di ventura

2209      MARCO DA ZARA  (Giovanni Marco da Zara) Figlio di Paolo.

 + 1535 ca.

Anno, mese

Stato. Comp. ventura

Avversario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1509

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

Venezia

Francia Impero

35 stradiotti

Lombardia

A Polpenazze del Garda.

Sett.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Viene segnalato alla difesa di Padova.

1510

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Opera nel Polesine alla testa di quattordici cavalli leggeri.

1511

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Si trova nel veronese con 30 stradiotti.

1512

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Feb.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Al campo di Vicenza. Ha ai suoi ordini 28 stradiotti.

Giu.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Al comando di 36 stradiotti.

1513

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

Venezia

Spagna Impero

 

 

Veneto

Al campo di San Bonifacio con 38 cavalli croati.

Lug.

 

 

 

 

42 stradiotti

Veneto

A Padova per la rassegna dei suoi uomini.

Nov.

 

 

 

 

 

 

Veneto

A Padova per la rassegna della sua compagnia, ridottasi a 24 cavalli leggeri.

1514

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giu.

 

 

 

 

 

 

Veneto

A Padova. Gode di una provvigione è di 8 ducati per paga, per otto paghe l’anno.

Lug.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Al campo di Brentelle con 30 stradiotti. E’ ferito in una scaramuccia a Camisano Vicentino nella quale rimangono uccisi 300 fanti spagnoli e sono catturati agli avversari 100 cavalli.

Sett.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Alla volta di Bevilacqua con Bartolomeo d’Alviano.

Nov.

 

 

 

 

 

 

Lombardia e Veneto

Si muove nel bergamasco; con la resa del capoluogo in potere degli avversari ritorna al campo di San Piero di Legnago.

1515

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett.

 

 

 

 

 

 

Lombardia

Partecipa alla battaglia di Melegnano. Con Giacomo da Vicovaro, Baldassarre Signorelli e Giovanni Naldi insegue verso Como 500 fanti svizzeri in fuga; viene ferito in uno scontro da sassi e colpi di picca.

1516

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Nel vicentino. Affianca Giovanni Naldi, Troilo Pignatelli e Giulio Manfrone nella ritirata che porta i veneziani da San Giacomo del Gagia a Villanova.

Mar.

 

 

 

 

70 stradiotti

Veneto e Lombardia

Esce da Vicenza con Troilo Pignatelli ed Alessandro Donato, attraversa il Mincio e disturba l’azione degli imperiali impegnati all’ assedio di Asola. Nel vicentino.

Giu.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Staziona nel veronese.

Dic.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Ha il comando di 23 stradiotti. Si reca a Venezia senza il permesso del provveditore Giovanni Vitturi. Durante la sua assenza i cavalli leggeri della sua compagnia, che sono accampati a Colognola ai Colli, non difendono i carriaggi del provveditore: per tale fatto, è aspramente rimproverato dal doge Leonardo Loredan.

1517

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Friuli

Al termine del conflitto è trasferito in Friuli con 44 cavalli leggeri.

Mag.

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli è concessa una provvigione di 12 ducati per paga, per otto paghe l’anno.

1529

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov.

Venezia

Impero

 

 

Veneto

E’ inviato in Cadore come connestabile.

1530

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Veneto

Dopo la firma del trattato di pace resta in Cadore al comando di venti fanti.

1532

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mag.

Venezia

Impero Ottomano

100 fanti

Grecia

Dal Cadore è trasferito alla difesa di Corfù.

1533

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gen.

 

 

 

 

 

 

Grecia

A Corfù con 50 fanti.

1535

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Ha bona fama.” SANUDO