LEONELLO BRANDOLINI

0
2347

LEONELLO BRANDOLINI

Figlio di Tiberto Brandolini, fratello di Sigismondo Brandolini.

  • 1493 (febbraio)
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1453MilanoVeneziaLombardiaSegue il padre Tiberto nella sua defezione dalle file veneziane a quelle del duca di Milano Francesco Sforza.
1459
Apr.MillanoEmilia e Toscana

Affianca a Bologna ed a Firenze Galeazzo Maria Sforza allorché quest’ultimo si reca nella capitale toscana per rendere omaggio al papa Pio II.

Sett.MilanoGenovaLiguriaE’ inviato da Francesco Sforza con il fratello Sigismondo in soccorso di Pietro Fregoso contro i francesi che controllano la città.
1462
Mag.EmiliaCon il fratello Sigismondo cerca di togliere con un pretesto a Giorgio da Gallese (Giorgio Brandolini) alcuni beni. Francesco Sforza prontamente ed impone loro l’immediata restituzione. I due fratelli sono pure costretti a consegnare le rocche da essi detenute nel ducato di Milano. Nel contempo i capisquadra del padre Tiberto (fatto rinchiudere in carcere dal duca di Milano) si rifiutano di militare ai loro ordini.
Sett.FranciaRipara in Provenza, presso Renato d’Angiò, a seguito della condanna a morte del padre Tiberto.
1464VeneziaImpero OttomanoGreciaCombatte i turchi in Morea.
1465
Ago. sett.MilanoBaroni ribelliFranciaViene inviato in Francia in soccorso del re Luigi XI per contrastare i baroni ribelli. Si ammala ad agosto e ritarda la partenza. A settembre raggiunge nel Delfinato, a Vienne, il fratello Brandolino da Bagnacavallo che ha il comando della sua compagnia. E’ scoraggiato dalla mancanza del denaro delle paghe.
1466CesenaRomagnaAl servizio del signore di Cesena Domenico Malatesta.
1467
Lug.VeneziaFirenze MilanoEmiliaAppoggia Bartolomeo Colleoni nella sua azione a favore dei fuoriusciti fiorentini. Prende parte alla battaglia di Molinella.
1468VeneziaImpero OttomanoGrecia

Agli ordini di Girolamo Novello occupa il castello di Logostiza nel golfo di Patrasso; assalito da 2000 turchi, venuti a riprendere la località, mette in fuga gli avversari. Si imbarca poi  sulla flotta, naviga verso Negroponte, espugna e saccheggia Euro.

…………..Ferrara
1476
Mag.Emilia e LombardiaEsce da Ferrara per incontrarsi a Milano con il duca Galeazzo Maria Sforza.
1481
Nov.Emilia

Con Francesco da Ortona ha l’incarico di giudice di campo a Ferrara di una giostra svoltasi sulla piazza cittadina e vinta da Gaspare da San Severino.

1482
Nov.VeneziaFerraraRomagnaE’ presente alla battaglia di San Biagio nei pressi di Argenta.
1493
Feb.RomagnaE’ ucciso a Bagnacavallo dal nipote Tiberto, figlio di Sigismondo.

 CITAZIONI

“Ardito cavaliere.” GHIRARDACCI

“A cuius (il padre Tiberto) perennis contestataque virtute numquam degeneravit.” FORNI

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi