GASPARE DEGLI UBALDINI Signore di Badia di Susina

0
75

Condottieri di ventura

2050      GASPARE DEGLI UBALDINI  Signore di Badia di Susinana, Palazzolo, Cerasolo. Fratello di Giovanni, suocero di Jacopo dal Verme.

 + 1410 ca.

Anno, mese

Stato. Comp. ventura

Avversario

Condotta

Area attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1361

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lug.

Milano

Chiesa

 

 

Emilia

Agli stipendi del signore di Milano Bernabò Visconti partecipa alla battaglia di San Ruffillo. Catturato nel corso del combattimento è condotto ad Ancona con altri prigionieri.

1364

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Apr.

 

 

 

 

 

 

Emilia

Alla firma della pace è segnalato a Piacenza con Ambrogio Visconti.

1372

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dic.

 

Ubaldini

 

Firenze

 

 

Romagna

Occupa di sorpresa il castello di Monte Leone; sono uccisi sia il capitano che il presidio   alla guardia della fortezza. E’ bandito dai fiorentini;  su Gaspare degli Ubaldini, come su tutti i suoi famigliari, è posta una taglia di 1000 fiorini a favore del suo assassino.

1373

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

…………..

 

 

 

 

 

 

Toscana

E’ affrontato da Giovanni Cambi di Santamaria in Campo. E’ sconfitto.

Ott.

Milano

Chiesa

 

 

Piemonte

Alla guardia di Vercelli con Giovanni Anguissola; attaccato dal vescovo della città Giovanni Fieschi è costretto a rifugiarsi con i suoi famigliari nel castello. Vi si difende bravamente. E’ obbligato alla resa per la mancanza di vettovaglie.

1375

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dic.

Chiesa

Firenze

 

 

Toscana e Marche

Dalla Toscana si dirige verso Urbino per contrastarvi Antonio da Montefeltro che si è  impadronito di tale città.

1376

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nov.

 

 

 

 

 

 

Toscana

Cerca di impadronirsi per trattato di Castel San Niccolò: la congiura è scoperta ed è impiccato un fante.

1384

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sett. nov.

Angiò

Firenze

 

 

Toscana

Con Giovanni degli Ubaldini affianca Enguerrand de Coucy alla conquista di Arezzo. A novembre con Marco da Pietramala si oppone invano alla vendita della città agli stessi fiorentini.

1405

Pisa

Firenze

 

 

Toscana

Staziona nel volterrano con 1500 cavalli e molti fanti. Assalito da Ludovico Migliorati è posto in fuga; si sposta in Maremma con gli sbandati per depredarne il territorio. Gli viene contro  Tartaglia che lo contrasta con efficacia.

1410

 

 

 

 

 

 

 

 

Muore.

 CITAZIONI

“Dux sui temporis peritissimus.” F. ADAMI

“Genere factisque clarus.” BRACCIOLINI

“Virum insignem in armis.” SANT’ANTONINO