GALEAZZO DA SAN SEVERINO Marchese di Castelnuovo

0
1490
galeazzo-da-san-severino
Leonardo da Vinci, Ritratto di musico (probabile ritratto di Galeazzo Sanseverino), 1489
Print Friendly, PDF & Email

GALEAZZO DA SAN SEVERINO  Marchese di Castelnuovo. Signore di Voghera, Colorno, Cittadella,  Meunsur-Yèvre, Silvano d’Orba, Castelnuovo Scrivia,  Zavattarello,  Pianello Val Tidone, Romagnese,  Cavaliere dell’ordine di San Michele. Figlio di Roberto; fratello di Giovan Francesco, Gaspare, Antonio Maria; fratellastro di Ottaviano, Giulio e del Faccendino; zio di Roberto, genero di Ludovico Sforza.

1458 (giugno) .– 1525 (febbraio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avversario Condotta Area attività Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1475
Feb. Firenze 50 lance

Ottiene dai fiorentini con i fratelli Giovan Francesco e Gaspare una condotta di 50 lance il cui costo dalla repubblica è valutato in 5500 ducati.

1481
Nov. Emilia

Prende parte a Ferrara ad una giostra vinta dal fratello Gaspare.

1482
Apr. Venezia Ferrara Veneto

Si imbarca con il padre a Chioggia per  dirigersi a Venezia.

Lug. Veneto

Prende parte all’assedio di Rovigo. Contatta il capitano Rames Spagnolo, lo persuade a disertare in cambio di una pensione mensile a vita di 20/25 ducati; ai capisquadra di quest’ultimo ne viene promessa una di dieci ducati.

Sett. Veneto

Ottiene a patti Badia Polesine alla cui difesa si trova Cristoforo da Montecchio.

1483
Giu. Milano Venezia Rossi Lombardia ed Emilia

Il padre Roberto  viene sostituito nel comando delle truppe dal duca Renato di Lorena ed è trasferito con i figli nel bresciano. Galeazzo da San Severino  assieme al fratello Giovan Francesco decide di disertare  e di  passare agli stipendi di Ludovico Sforza. Appena si rende conto che il padre Roberto intende  restare fedele ai veneziani abbandona con 100 cavalli il campo e raggiunge a Fontanella gli sforzeschi. Gli viene concessa una condotta e gli sono restituiti i castelli  confiscatigli in precedenza.   Con il fratello Giovan Francesco di volge contro le terre di Guido dei Rossi: quest’ultimo è  costretto a lasciare il parmense.

Ott. Lombardia

E’ sorpreso da alcuni stradiotti nelle vicinanze di Soncino; ferito, riesce a stento a sfuggire alla cattura.

1484
…………… Lombardia

Viene chiamato a far parte del consiglio segreto del ducato milanese.

Giu. Lombardia

Si trova al campo di Quinzano d’Oglio.

1485
Gen. Veneto

A Venezia con un seguito di 300 persone. Alloggia a San Samuele nel palazzo di Andrea Corner. Il doge Giovanni Mocenigo gli va incontro con il bucintoro.

Feb. Veneto

Partecipa a Venezia ad una grande giostra organizzata dal padre in piazza San Marco: vince il secondo premio dietro il fratello Gaspare (alcune braccia di un tessuto d’argento in cui ogni braccio ha il valore di dieci ducati). Rientra a Milano dopo diciotto giorni.

Ott. Lombardia

Ludovico Sforza lo infeuda di gran parte dei beni di Pietro dal Verme (Zavattarello, Rocca d’Olsizio e Romagnese) con l’eccezione di Bobbio e di Castel San Giovanni.

1487
Mar. Milano Attendolo Lombardia

Affronta Giovanni Attendolo, figlio di Matteo da Bologna, che si è ribellato alle  autorità; costringe alla resa il castello di Sant’ Angelo Lodigiano; raggiunge il parco di Mirabello con 2000 fanti, 300 balestrieri, 200 schioppettieri e due grosse bombarde per assalire il castello di Pavia. Giovanni Attendolo viene a più miti consigli e rimette nelle sue mani il castello.

…………… Lombardia

Si riconcilia con il cardinale Ascanio Sforza e con il partito ghibellino allorché Ludovico Sforza sembra in fin di vita.

1488
Apr. Milano Chiesa Capitano g.le Romagna Lombardia

Con l’uccisione di Girolamo Riario a Forlì è inviato nella città in soccorso di Caterina Sforza. Si collega con Giovanni Bentivoglio (otto squadre di uomini d’arme, 2000 fanti e 200 cavalli leggeri), assedia la città ed induce in pochi giorni i congiurati alla fuga. Rientra a Milano ed è eletto capitano generale dell’ esercito ducale.

Ago. Liguria

Si dirige a Genova dove il doge Paolo Fregoso è assediato dagli insorti nel Castelletto. Ottiene per trattato la Porta d’Arco.

Nov. Liguria

Genova viene riconquistata dagli sforzeschi; i cittadini gli giurano fedeltà.

1489
Sett. Lombardia

Incarcera Filippo degli Eustachi che fino a questo momento ha partecipato al governo dello stato con Ludovico Sforza. A fine mese si trova a Pavia impegnato in alcune giostre: rompe diciannove lance e getta da cavallo Guido Torelli. Gli è dato il primo premio consistente in una pezza di broccato d’argento.

1490
Lug. Piemonte

Si trova a Castello di Annone con Ludovico Sforza al fine di ispezionare le frontiere: il timore è quello di un possibile conflitto tra il ducato di Savoia ed il marchesato di Saluzzo.

1491
Gen. Lombardia

Vince con Giberto Borromeo un’altra giostra a Milano,  indetta in occasione delle nozze del legittimo duca Giovanni Galeazzo Sforza con Isabella d’Aragona.

1492
Feb. Francia

In Francia in missione diplomatica per la stipula di un’alleanza con il re Carlo VIII.

Apr. Lombardia

Partecipa a Mantova ad un nuovo torneo organizzato da Francesco Gonzaga. Gli è fatto dono  di due pregiate cavalcature.

Giu. Lombardia

Risulta vincitore di una giostra che si svolge a Milano per il matrimonio di Alessandro Bentivoglio con Ippolita Sforza.

……………

Gli sono confermati i possedimenti già di Pietro dal Verme.

1493
Feb. Emilia

Si reca a Ferrara con Ludovico Sforza;  anche in tale circostanza ha modo di concorrere ad un torneo.

Mag. Emilia

Giostra a Ferrara con un uomo d’arme armato alla turca.

1494
Apr. giu. Francia

Si reca in Francia per convincere il re Carlo VIII a calare in Italia ed a dichiarare guerra al re di Napoli Alfonso d’Aragona. Lo accompagnano 300 cavalli;  ha un colloquio con il sovrano a Lione. E’ notato il suo vestire alla francese, imitato da tutti i cortigiani  milanesi che gli sono al fianco. E’ insignito del collare dell’ ordine di San Michele. Segue il re in Borgogna con il cardinale Giuliano della Rovere (il futuro papa Giulio II). Rientra in Italia a giugno. E’ avvicinato da alcuni cittadini senesi che gli offrono la signoria della città in cambio dell’invio di 300 fanti. La congiura viene scoperta dalle autorità dello stato.

Lug. Lombardia

A Vigevano.

Ago. Francia

E’ utilizzato per una nuova missione  diplomatica in Francia

Sett. Milano Napoli Liguria

Al comando di numerosi fanti assale con Giovanni Adorno ed i fratelli Gaspare ed Antonio Maria Obietto Fieschi sbarcato a Rapallo con 3000 fanti: lo affronta sul ponte che conduce al monastero di Vallecristi. nello stesso tempo l’alleato Luigi d’Orleans (il futuro Luigi XII) attacca gli aragonesi via mare. Respinto agli inizi, lo scontro è deciso dall’ intervento dei partigiani di Giovanni Adorno e dall’artiglieria della flotta francese (18 galee, 6 galeoni e 9 grosse navi). Tra gli aragonesi vengono uccisi 100/200 uomini e sono fatti prigionieri Giulio Orsini, Fregosino ed Orlando Fregoso.

Ott. Emilia e Romagna Giunge al fiume Enza con 42 squadre di uomini d’arme, cavalli leggeri, balestrieri a cavallo. Si trasferisce in Romagna.
Nov. Toscana

Affianca  il re Carlo VIII a Pontremoli;  interviene con il Ligny a seguito degli scontri che si ripetono tra gli abitanti ed i fanti svizzeri. Si sposta di seguito in Toscana; punta su Siena con 300 cavalli leggeri ed appoggia i pisani nelle loro aspirazioni autonomistiche nei confronti dei fiorentini. Obiettivo vero è procurare a  Ludovico Sforza la signoria di tale città). Entra pure con il sovrano in Firenze.

Dic. Lazio ed Emilia

A Viterbo;  fa pressioni sul papa Alessandro VI affinché liberi dal carcere il cardinale Ascanio Sforza; nel suo rientro in Lombardia transita per Bologna dove è accolto sulle porte della città da Giovanni Bentivoglio. Negli stessi giorni chiede inutilmente ai francesi che Sarzana ritorni ai genovesi.

1495
Apr. Milano Francia Capitano g.le Piemonte

Con la nascita della Lega Italica staziona in Piemonte;  ha il comando delle truppe sforzesche. Muove contro Asti alla cui difesa si trova Luigi d’Orleans con 700 uomini d’arme e 8000 fanti per lo più tedeschi (3000 cavalli e 4000 fanti per altre fonti). Promette una facile vittoria.

Mag. Piemonte Lombardia

Si accampa nei pressi di Asti per posizionare i pezzi di artiglieria. Vi sono alcune scaramucce con gli avversari con il cui esito si rivela  alterno; nondimeno nella città la situazione si aggrava per la mancanza di vettovaglie.  Ha luogo una richiesta di tregua da parte degli avversari. Ritorna al fronte dopo essersi recato a Milano per la nomina ufficiale di Ludovico Sforza a duca. Con la perdita di Valfenera si ritira a Castello di Annone; il suo esercito diminuisce di numero per la mancanza di denaro e per le continue diserzioni, mentre quello avversario si rafforza giungendo a toccare 300 lance, 3000 fanti svizzeri e 3000 guasconi.

Giu. Piemonte Lombardia

Resta inattivo allorché il duca d’Orleans ed il marchese Ludovico di Saluzzo occupano con un colpo di mano Novara grazie anche ad un trattato a favore dei francesi di Manfredo Tornielli, di Obizzino Caccia di Mandello e di Obizzino Caccia di Caltignaga. Si sposta tra Vigevano ed Abbiategrasso dove gli giungono notevoli rinforzi inviatigli dal duca di Milano e dai veneziani: si rifiuta, nonostante tutto,  di spingersi sotto Novara per liberare Filippino Fieschi che vi è assediato  nella rocca. Sfida   a battaglia campale Luigi d’Orleans il quale  preferisce allontanarsi dalla città con 3000 cavalli e 5000 fanti tra francesi e svizzeri. Il  San Severino si accontenta di tallonare con le sue milizie i nemici che si ritirano.  E’ in questi frangenti che viene rimproverato da Ludovico Sforza perché si muove  come un uomo d’arme francese.

Lug. Piemonte

Invia 60 stradiotti e 40 balestrieri a cavallo ad incendiare un ponte  gettato verso Asti da Luigi d’Orleans; segue una nuova pausa dopo la battaglia di Fornovo allorché gli uomini del re di Francia gli chiedono  vettovaglie; spedisce agli avversari quanto richiesto sperando di entrare in possesso di Novara con le trattative. Carlo VIII lo lusinga con l’invio in dono di una cavalcatura; sono deluse invece  le sue aspettative di una conclusione della guerra per via diplomatica. Escono da Novara per una sortita 100 lance, 600 arcieri a cavallo e 200 fanti tedeschi; Il San Severino invia loro contro le sue truppe e gli stradiotti veneziani agli ordini del provveditore Bernardo Contarini. Costoro si scontrano a Trecate con i francesi in una scaramuccia che ha termine con l’uccisione di dieci uomini d’arme tra gli sforzeschi ed il ferimento grave di altri quattro. Il San Severino pone il suo accampamento  a Lumillogno  per avere modo di tagliare il flusso dei rifornimenti diretti alla città provenienti da Vercelli. Espugna il castello di Chiesa con l’artiglieria: la divisione del bottino tra i fanti italiani ed i tedeschi è causa di una rissa che si conclude con la morte di diversi soldati. Giunge al campo Francesco Gonzaga che con la sua sola presenza mette termine ad ogni forma di ammutinamento. Contro il parere del fratello Giovan Francesco e quello di Virginio e di Niccolò Orsini convince Francesco Gonzaga a predisporre l’assedio di Novara da tutti i lati con l’eccezione della strada che conduce ai monti.

Ago. Piemonte

Assale nottetempo la Porta di Santa Marta di Novara. Con il Gonzaga accoglie Ludovico Sforza a Vespolate;  con altri condottieri presenzia alla cerimonia in cui al marchese di Mantova vengono consegnati il bastone e lo stendardo di capitano generale della lega. Con l’ Orsini attacca  di nuovo di notte i borghi della città alla testa di 5000 tedeschi e di 300 cavalli; trascorrono pochi giorni ed i fanti tedeschi del Cozanderle si ammutinano per il ritardo delle paghe. Il San Severino deve riconoscere loro quanto dovuto.

Ott. Piemonte

Ottiene la resa di Novara di cui è eletto governatore. Fa subito riattare le fortificazioni a spese dei cittadini e si mostra inesorabile nel punire con l’esilio gli abitanti che hanno parteggiato per i francesi. Con il Gonzaga scorta i soldati francesi di Luigi d’Orleans fuori la città: gli avversari sono ridotti in un tale stato di denutrizione che molti di costoro moriranno appena giunti a Vercelli.

1496
Feb. Lombardia

A Milano.

Lug. Lombardia A.Adige Per conto di Ludovico Sforza rende omaggio all’ imperatore Massimiliano d’Austria prima a Como e poi  a Malles Venosta. Nello stesso anno si sposa con Bianca Sforza, figlia naturale del duca di Milano, che gli porta in dote Voghera.
Ago. Lombardia

Si trova a Tirano.

Sett. Lombardia

Si ammala di febbre quartana a Vigevano:  non può quindi  presenziare  all’ incontro con l’imperatore allorché quest’ultimo si reca a Milano.

1497
Gen. feb.

 

Piemonte

Gian Giacomo da Trivulzio recupera Novi Ligure e Bosco Marengo; Galeazzo da San Severino cerca di sbarrargli la strada  collocandosi ad Alessandria ed a Castellazzo con il fratello Giovan Francesco.  Chiede in rinforzo 2000 fanti in quanto ne ha a disposizione solo 300 validi: tutti gli altri sono dispersi nei presidi delle varie fortezze. Con l’arrivo dei veneziani di Niccolò Orsini i francesi vengono obbligati ad addivenire ad una tregua.

Primavera Emilia

A Carpi con la moglie.

Lug. Capitano g.le 1000 cavalli Lombardia Viene riconfermato come capitano generale delle truppe del ducato. Gli sono concesse una condotta di 1000 cavalli ed una provvigione personale di 7000 ducati (3000 per il “bastone” e 7000 per il “piatto”. A parte gli sono riconosciuti altri 13000 ducati). A Bernate.
Sett. Lombardia ed Emilia

A Brescia per onorarvi l’ex-regina di Cipro Caterina Corner. E’ vestito ora alla tedesca e giunge nella città con un seguito di duecento persone. Alloggia nel palazzo di Giovan Francesco Gambara. Ha un colloquio con Niccolò Orsini. Sempre nel mese viene segnalato  a Pizzighettone per la rassegna degli uomini d’arme cremonesi e quelli lodigiani; a Parma per quelli originari di tale territorio;  a Pavia per quelli stanziati nel pavese, nel tortonese e nell’alessandrino. Al termine delle varie rassegne rientra a Milano.

Ott. Piemonte e Lombardia Supervisiona le postazioni sul confine svizzero e quelle del novarese con il fratello Gaspare. A Milano.
Nov. Lombardia Prende parte con il fratello Giovan Francesco, Francesco Bernardino Visconti, Marchesino Stanga ed altri membri del consiglio segreto ad una riunione convocata da Ludovico Sforza per decidere in merito alla condotta di Francesco Gonzaga, licenziato negli stessi giorni dai veneziani.
Dic. Lombardia e Piemonte

A Milano per una messa in suffragio del figlio del re di Spagna. Riprendono le ostilità con i francesi dopo che il Trivulzio si è impadronito di Novi Ligure: segue un breve assedio al cui termine Galeazzo da San Severino ottiene la città per accordo.

1498
Feb. Lombardia A metà mese con il fratello Giovan Francesco  accoglie a Milano Battistino Fregoso, diretto a Ferrara dove ha la sua residenza.
Mar. Lombardia A Milano. Con il fratello Giovan Francesco, Galeotto della Mirandola ed il bolognese Carlo degli Ingrati accompagna in processione il cardinale Ippolito d’Este, fratello di Isabella d’Este  (sposa al Gonzaga), dalla chiesa di Sant’ Eustorgio al duomo.
Mag. Lombardia Organizza nelle sue stalle numerose giostre cui partecipano i giovani membri della corte sforzesca. Ad esse spesso presenzia il duca. A fine mese si trova a Vigevano per la rassegna delle sue compagnie.
Giu. Lombardia

Viene lasciato al governo di Milano in occasione di una visita del duca Ludovico Sforza a Mantova. Nella città organizza una giostra che viene vinta dal Corsetto. Nel corso del mese giace ammalato più giorni per un disturbo allo stomaco. 200 cavalli leggeri della compagnia sua e del fratello Giovan Francesco sono spediti in Toscana in soccorso dei fiorentini per lottare contro i veneziani.

Sett. Lombardia E’ segnalato giocare al pallone a Milano con Borso da Correggio ed il cardinale Ippolito d’Este. Sempre nel mese si vocifera di un suo possibile matrimonio con la signora di Forlì Caterina Sforza.
Ott. Emilia

A Parma. Dichiara più volte la propria disponibilità di deporre la carica di capitano generale a favore di Francesco Gonzaga.

Dic. Lombardia Su sollecitazione di Ludovico Sforza invita tutti gli ambasciatori accreditati nel ducato (tranne il veneziano) a vedere le stalle dove sono allevate le migliori cavalcature. Valletti e camerieri di corte cavalcano i corsieri.  Tra i cavalieri si distinguono lo stesso Galeazzo da San Severino, Ludovico della Mirandola, Ludovico Bergamino e Giovanni da Casale.
1499
Gen.

Tratta con i veneziani per la situazione di Pisa. E’ messo in preallarme da Ludovico Sforza.

Apr. Piemonte Lombardia

Ispeziona le frontiere occidentali dello stato; è segnalato a Milano ed a Novara;  fa iniziare alcuni lavori di rafforzamento di opere difensive. Cerca di entrare in Pavia con 300 lance e 500 carri: gli abitanti si rifiutano per cui è costretto ad alloggiare con le milizie nel parco di Mirabello.

Mag. Piemonte

A Novara per la rassegna delle sue truppe; vi fa demolire un borgo, spianare alcuni castelli inutili e costruire molti bastioni. Interviene Ludovico Sforza, che fa sospendere o interrompere i lavori in quanto fiducioso nella diplomazia.

Lug. Milano Francia Venezia Capitano g.le Piemonte

Staziona nell’ alessandrino  al fine di controllare i movimenti dei francesi sul confine: in una sola settimana ispeziona tutti i castelli. E’ convinto della bontà delle misure prese. E’ nominato capitano generale da Ludovico Sforza: il suo comando è contestato prima da Francesco Gonzaga e poi dal fratello Giovan Francesco.  Muove contro i francesi alla testa di 1200/1600 lance, 1200/1500 cavalli leggeri e 5000 /10000 fanti (di cui 500 sono tedeschi): deve fronteggiare i francesi (1600 lance, 5000 svizzeri, 4000 fanti guasconi ed altri 4000 francesi con 130 cannoni) ed i veneziani (1200 lance, 2000 cavalli leggeri ed 8000 fanti).

Ago. Piemonte Lombardia

Con la perdita di Rocca d’Arazzo e di Castello di Annone (difese da 400/500 fanti e da 500/600 fanti) si ritira in Alessandria con 1200 lance, 1200 cavalli leggeri e 3000 fanti: il suo comando è sempre più sottoposto a critiche ed anche il suo comportamento alimenta le voci più maligne. Dopo due soli giorni di assedio, infatti, fugge in modo vergognoso  dalla città con Lucio Malvezzi, 100 uomini d’arme ed una parte dei cavalli leggeri; supera il Po a Bassignana e sposta le sue linee di difesa a Pavia. Più tardi, per difendersi dalle accuse di viltà esibirà alcune lettere di Ludovico Sforza (ritenute dei falsi del fratello Giovan Francesco) che lo invitano a rientrare a Milano. Si accampa nel parco di Mirabello nella più completa inattività; non ha il coraggio di assalire gli avversari, neppure quando a causa delle forti piogge alcuni contingenti si trovano isolati tra il Bormida ed il Tanaro. I francesi lo attaccano ed occupano con facilità Pavia: i pochi soldati che si difendono vengono massacrati; 1000 cavalli leggeri e 2000 fanti sono fatti prigionieri.

Sett. Lombardia

Con Lucio Malvezzi ed il cardinale Ippolito d’Este scorta Ludovico Sforza nella sua fuga verso Carimate e Como; attraversa la Valtellina con 400 cavalli leggeri, 500 fanti tedeschi e 200 fanti italiani finché a Tirano gran parte delle truppe diserta dalle file ducali. A Milano il palazzo  del San Severino è messo a sacco dalla popolazione insorta. Durante la fuga si sparge la notizia di un suo ferimento alla gamba da parte dello Sforza che lo ritiene il principale responsabile della sua disfatta: la voce è subito smentita dagli interessati.

Ott. Lombardia Austria

Tra ottobre e dicembre affianca  Ludovico Sforza a Bormio ed a Innsbruck.

1500
Gen. Sforza Francia Lombardia

Appoggia Ludovico Sforza nel suo tentativo di riconquistare il ducato di Milano alla testa di 6000 fanti svizzeri e tedeschi, di 4000 fanti e di 2000 cavalli italiani. Occupa  Musso, il cui castello viene dato alle fiamme.

Feb. Lombardia

Entra in Milano con il cardinale Ascanio Sforza; è poi a Vigevano.  Cerca di impedire con la forza il sacco della località.

Mar. Piemonte

Prende parte all’ assedio di Novara dove è colpito da un sasso al sopracciglio sinistro.

Apr. Piemonte

E’ assediato in Novara con Ludovico Sforza (4000 cavalli, 5000 fanti svizzeri, altrettanti tedeschi ed un numero similare di   italiani contro 9000 cavalli francesi, 7000 fanti svizzeri, 3500 guasconi ed italiani). I francesi sono di molto superiori in termini di cavalleria ed inferiori in fanteria. Nella fanteria sforzesca dominano gli svizzeri che,  purtroppo per gli sforzeschi, rappresentano lo scarto delle fanterie federali; anche i lanzichenecchi sono del pari infidi. Il San Severino convince 2000 soldati a rientrare nella città dopo che se ne sono allontanati per il ritardo delle paghe; ha la meglio in un primo scontro. Alla fine i suoi mercenari svizzeri si accordano con i loro connazionali che militano nel campo avverso e si rifiutano di combattere. Quelli  tedeschi, nel contempo, uccidono i  soldati italiani e  costringono alla fuga il San Severino. E’ catturato con lo  Sforza dagli svizzeri mentre tenta di fuggire travestito da fante tedesco; viene  trattenuto, è poi condotto in una stalla dove è malmenato affinché consegni il denaro di cui è in possesso. Gli è imposta una taglia (almeno si dice) di 100000 ducati.

Mag.

E’ ceduto dagli svizzeri per 2000 ducati al balivo di Digione Antonio di Baissay. Costui ne richiede 5000 al  San Severino per fargli avere la libertà: è raggiunto l’accordo tra i due per un riscatto di 3000 ducati.

Lug. Lombardia Trentino

Si rifugia a Mantova presso il Gonzaga; deve presto lasciare la città per le pressioni esercitate dai francesi. Fugge a Bozzolo dove è ospitato da Ludovico Gonzaga da Bozzolo; chiede ai veneziani di trasferirsi nei territori della Serenissima. Preferisce invece un’altra soluzione; in incognito con il fratello Gaspare  tocca Torbole, Arco ed entra negli stati di Massimiliano d’Austria. A Venezia il Collegio dei Pregadi decide la confisca dei suoi beni a Montorio Veronese ed a Cittadella; analoga misura prendono i francesi per i suoi beni nel ducato che sono concessi al Ligny, al Sampré ed a Gianniccolò da Trivulzio, cui è data Castelnuovo Scrivia.

Ago.

 

A. Adige Austria

 

E’ segnalato a Bolzano ed a Innsbruck; la moglie vive a Ferrara e versa in uno stato di relativa indigenza.

1501
Gen. Lombardia

Lascia la Germania  per potersi recare a Castelleone.

Feb. Germania

A Norimberga.

Sett. ott. Germania e Trentino

Ad Augusta con Giovanni Gonzaga. Ad ottobre si trova al fianco dell’ imperatore a Trento al fine di seguire le trattative di pace tra gli imperiali ed il cardinale di Rouen per conto dei francesi.

1502
Ott. Germania

Ad Innsbruck con il fratello Antonio Maria ed il fratello Federico cardinale: quest’ ultimo cerca di fare rientrare i due congiunti nelle grazie imperiali. A corte veste sempre di nero.

1503
Feb. Germania

Si trova sempre in Germania.

…………… Francia

Viene nominato conte di Caiazzo per la morte del fratello Giovan Francesco; si trasferisce in Francia alla corte del re Luigi XII che lo riconferma nell’ ordine di San Michele.

1505
Sett. Gran Scudiere

 

Francia

E’ nominato gran scudiere al posto di Pietro d’Urfé: lo Sforza è invece sempre  incarcerato nella torre di Loches.

1507
Apr. Francia Genova LombardiaLiguria

Segue i francesi alla conquista di Genova;  affianca il re nel suo solenne ingresso in Milano.

Giu. Lombardia

Partecipa a Milano ad un grande torneo il cosiddetto gioco del bastione tenuto nel Castello Sforzesco. Si batte con una spada a due mani con lo Chandée: costui è sul punto di scavalcarlo allorché interviene lo stesso sovrano a salvarlo.

1509
Apr. Francia Venezia 50 lance Emilia

A Piacenza al comando di 50 lance che hanno già militato agli ordini del fratello Antonio Maria.

Mag. Lombardia

A Milano dove prova una cavalcatura regalata al re dal  Gonzaga. Prende parte alla battaglia di Agnadello. Entra con Luigi XII in Brescia.

1510
Gen. Emilia Giunge a San Donato nel parmense con la sua compagnia. I suoi uomini vengono distribuiti tra Marore, Porporano e Mariano: ovunque vivono a spese della popolazione locale.
Mar. 100 lance Emilia e Veneto

Tocca San Secondo Parmense, Colorno ed attraversa il Po. Cavalca a Peschiera del Garda e passa alla difesa di Verona con 100 uomini d’arme e 200 arcieri a cavallo.

Mag. Veneto

I suoi uomini d’arme sono sconfitti presso Legnago dai turchi di Vanissa da Poliza e dagli stradiotti di Andrea Mauras.

Ago. Veneto

Alla difesa di Vicenza.

Ott. Veneto

A Verona: la sua compagnia presto si dissolve per cui si trova a disporre di pochi uomini. Nell’anno gli sarà riconosciuta dai francesi una pensione annua di 2100 lire tornesi.

1511
Gen. feb. Francia Venezia Chiesa Emilia Staziona con le sue truppe tra Colorno, Casalpo e Poviglio. A febbraio è sempre  nel parmense.
……………

Viene inviato dal re presso l’imperatore per convincerlo ad allineare la chiesa tedesca su quella francese per la convocazione di un concilio straordinario.

Giu. Lombardia

Nel bresciano con 100 lance.

Sett. Veneto

Prende parte all’ assedio di Treviso.

1512
Gen. Lombardia Piemonte

Abbandona il milanese con il Trivulzio;  si ritira in Piemonte di fronte alla pressione congiunta di svizzeri e veneziani.

Feb. Lombardia

A Mantova per persuadere il Gonzaga ad allearsi apertamente con i francesi.

Apr. Romagna

Viene scomunicato dal papa Giulio II con il fratello, il cardinale Federico. Prende parte alla battaglia di Ravenna. Opera in Romagna con 400 lance e 6000 fanti.

Mag. Romagna

Pressato da spagnoli e pontifici viene obbligato una volta di più a ripiegare.

Giu. Francia

La sua compagnia è svaligiata sul Po dai contadini; ottiene il passo dal duca di Savoia e ripara in Francia.

Ago. Francia Inghilt. Francia

Fronteggia gli inglesi dai quali è battuto nella battaglia di Thérouanne in cui è catturato il suo alfiere.

1513
Mar. Francia

E’ dichiarato ribelle da Massimiliano d’Austria.

1514
Nov. Francia

A Parigi per una giostra indetta in onore del nuovo re di Francia Francesco I.

1515
Mar. Francia Impero Francia

Affronta con 100 lance le milizie imperiali in Borgogna.

Sett. Francia Milano Impero Lombardia

E’ presente alla battaglia di Melegnano. Assedia il Castello Sforzesco a Milano;  con il la Palisse cerca di convincere   gli uomini che ne sono alla difesa ad arrendersi a patti.

Ott. dic. Lombardia

Al fianco del sovrano nel suo solenne ingrsso in Milano. Dona al sovrano francese venti cavalcature con i finimenti in oro;  gli è dato in feudo il castello di Meun-sur-Yèvre. A dicembre i francesi premono sui veneziani affinché gli sia concessa  la signoria di Cittadella già del padre Roberto. La risposta è negativa.

1516
Gen. Piemonte

Francesco I da Acqui Terme gli fa restituire i feudi di Zavattarello,  Rocca d’Olgisio,  Pianello Val Tidone e  Romagnese tolti a Federico ed a Marcantonio dal Verme.

Mar. Lombardia

Prende parte alla difesa di Milano;  ha l’incarico della sorveglianza di una porta.

Apr. mag. Francia dal Verme Emilia

Esce da Milano;  con il sostegno di fanti svizzeri occupa un castello dei dal Verme, che gli è stato concesso in signoria dal sovrano francese. A maggio assedia Rocca d’Olgisio con 2000 fanti,  200 lance ed alcuni pezzi di artiglieria;  deve  rientrare a Piacenza a causa delle forti piogge. Desiste infine da ogni iniziativa perché il Connestabile di Borbone richiama il San Severino e le truppe  all’ assedio di Brescia.

Lug. Francia Impero Lombardia

A Castiglione delle Stiviere. Appoggia il Lautrec all’ assedio di Verona.

Sett. Veneto

Assedia Verona. Con il Lautrec e Teodoro da Trivulzio prende parte al consiglio di guerra in cui si decide di spostare il campo a Villafranca di Verona per l’arrivo nel capoluogo di notevoli rinforzi inviati ai difensori dall’imperatore.

Ott. Francia

Lascia Villafranca di Verona e rientra in Francia.

Dic. Francia dal Verme Emilia

Assedia Arcello nel piacentino per togliere il castello ai dal Verme. L’azione fallisce per la mancanza di artiglierie.

1517
Lug. Ghibellini Guelfi Emilia Suoi fautori muovono verso Mirandola da Boretto,  Colorno e  Parma in soccorso di Giovan Francesco della Mirandola. Sono sconfitti dalle truppe (di parte guelfa) del Trivulzio  scese in campo per difendere le ragioni su tale località della figlia del condottiero milanese Francesca.
Ott. Francia

A Moulins per il battesimo del figlio del Connestabile di Borbone.

Dic. Francia

I francesi gli riconoscono la loro cittadinanza.

1518 Francesco I gli assegna Castelnuovo Scrivia già feudo di Gianniccolò da Trivulzio. Gian Giacomo da Trivulzio si oppone a questa decisione: il consiglio della corona  dà ragione al San Severino e condanna il rivale al pagamento delle spese.
1519
Apr. Lombardia

Da Voghera si trasferisce a Milano.

Giu. Lombardia

Prende parte ad un consiglio di guerra con il Lautrec ed i capitani francesi per approntare un piano di guerra contro gli svizzeri. In Francia gode di una rendita annua di 20000 scudi;  gli è anche concessa una pensione da parte del re.

1520
Giu. Francia

Al seguito del re a Calais nell’incontro al Camp du Drap d’Or tra Francesco I ed il re d’Inghilterra Enrico VIII volto alla definizione di un trattato di pace tra i due stati. Nella circostanza prende parte ad un torneo.  Nonostante l’età  accetta la sfida del conte di Bedford, gli spezza le lance in tre assalti e lo sbalza da cavallo.

Ott. Lombardia

A Milano.

1521
Lug. 60 lance Lombardia

Sempre a Milano. Nell’imminenza del prossimo conflitto con gli imperiali gli è data una condotta di 60 lance di cui è luogotenente il fratello Giulio.

1522
Gen. mar. Francia Impero Milano Piemonte Lombardia

Transita con Renato di Savoia ed il la Palisse per il San Bernardo ed il San Gottardo per riconquistare il ducato di Milano. Il duca Francesco Sforza lo cita come ribelle. Costeggia il lago Maggiore; gli imperiali tentano di fermarlo a Carbonara al Ticino; non vi riescono sicché è in grado di raggiungere Monza e di assediare Milano.

Apr. Francia

Sconfitto alla Bicocca segue gli svizzeri superstiti nella loro ritirata con Renato di Savoia ed il la Palisse.

1523 Lombardia

Appoggia il Bonnivet all’ assedio di Milano.

1524
Ott. 100 lance Lombardia

Asseconda il re in Lombardia nel suo tentativo di riconquista del ducato di Milano. Tocca Vigevano, giunge a Pavia;  con il duca di Alençon occupa il parco di Mirabello.

1525
Gen. Lombardia

E’ tra i generali francesi che consigliano il sovrano a lasciare  Pavia ed a condurre l’esercito a Binasco o a Certosa di Pavia.

Feb. 100 lance Lombardia

Prende parte alla battaglia di Pavia nella quale cade ucciso mentre tenta di difendere Francesco I dalla cattura. Nello scontro muoiono con le armi in pugno o annegati nel Ticino mentre  cercano una via di fuga, più di 8000 francesi contro 700 degli avversari. Il San Severino è sepolto nella Certosa di Pavia. Ritratto da Leonardo da Vinci (il dipinto si trova nella Biblioteca Pinacoteca Ambrosiana di Milano) e da Alfred Durer. Ricordato da Matteo Bandello in alcune novelle. Sposa Bianca Sforza, figlia naturale di Ludovico Sforza, e Costanza del Carretto, figlia del marchese del Finale.

CITAZIONI

“El quale era bellissimo giostratore, ma per viltà e poca esperienza nella arte militare non punto atto a guidare uno campo.” GUICCIARDINI

“Capitano di somma aspettazione.” PORZIO

“Havia pocha reputation da’ soldati, né era amado perché non valeva un governo, tamen era valente di la sua lancia.” SANUDO

“Di fortuna figliuolo.” ALBERTI

“Il quale di tutti i fratelli Sanseverini era il meno esperto nell’armi e nell’arte militare il meno dotto.” ROSMINI

“Celebre guerriero, che fiorì sul principio del secolo XVI; ebbe il soprannome di “Figlio della Fortuna”, ma piuttosto doveva chiamarsi “Figlio del valore e del coraggio”, avendo sempre dato luminosissime prove dell’uno e dell’altro.” MENSI

“Beau parleur, adroit à la chasse et aux exercises du corps, fin courtisan..n’hésitant pas à se déshabiller pour jouer à la balle avec le roi (Carlo VIII). PERRENS

“Grande huomo e bellicoso..Notabile nell’armeggiare.” SANSOVINO

“Il était persuasif, élégant dans son langage comme dans ses habitudes, expert dans les choses de la guerre, et passait pour le plus habile jouter qu’on put voir.” DELABORDE

“Signore illustre, in cui mostra natura/ Oggi sua gloria solo in farti onore/ Animo generoso, inclito core/ Chiaro intelletto, mente alta e sicura.” Da un’ode del BELLINCIONI tiportata da MALAGUZZI-VALERI

“Ne le imprese sue già mai non erra/ anzi come gentil magno signore/ sempre habe ad ogni impresa molto honore./…/Ne l’arme dextro, valoroso, accorto.” Da GUERRE IN OTTAVA RIMA

Alla battaglia di Agnadello “Il gran scudiero da san severino/ che dir potrebbe quanto fu gagliardo/ col stocco in man coperto d’acial fino/ contra nemici lieve più che pardo?/ …/ (Al seguito dl re Francesco I) Poi galeazzo da sanseverino/ honor de la sua degnia prole in terra/ sopra un destrier coperto d’acial fino/ con cento lancie de mastri da guerra/ seguiva armato come un paladino/ e ne le imprese sue giamai non erra.” DEGLI AGOSTINI

Immagine: wikipedia