Compagnia

0
311

Viene anche chiamata società. Un numero determinato di soldati sotto un particolare capitano. Nel secolo XVI una compagnia di fanti può avere dai 100 ai 200 uomini e si divide in più squadre comandate da un caporale; una compagnia di cavalli è per lo più di 2550 cavalli. I condottieri si avvalgono di un consiglio di quattro capitani per quelli a cavallo (i cavalieri), e di altrettanti per i fanti (masnadieri). Gli affari di maggior rilevanza, almeno nel Trecento, sono inoltre sottoposti alle deliberazioni del parlamento di tutti i caporali. Queste associazioni soldatesche serbano una loro gerarchia, diventando in tal modo al loro interno un’occa sione di promozione sociale; i vari connestabili, marescialli e caporali sono disposti per bandiere o squadre. Le compagnie hanno i loro notai, giudici e tesorieri che pagano il bottino e gli stipendi ed amministravano le finanze. Le compagnie trattano in forme diplomatiche con signori e republiche da pari a pari. Ne ricevono i messaggi davanti al piccolo consiglio di guerra o innanzi al gran parla mento; mandano procuratori e oratori agli stati; ricevono e compilano documenti e trattati.

SHARE
Previous articleCollaterale
Next articleConsole