COCCO SALIMBENI

0
2708

Last Updated on 2024/02/12

Condottieri di ventura

1690      COCCO SALIMBENI  Di Siena. Signore di Chiusi, Radicofani, Bagno Vignoni, Casole d’Elsa, Sarteano, Castiglioncello del Trinoro, Contignano, Tentennano. Figlio di Cione da Siena, suocero di Muzio Attendolo Sforza e di Guerriero da Marsciano.

  • 1436
Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attività

Azioni intraprese ed altri fatti salienti

1386
Feb.SienaFuoriuscitiToscana

E’ nominato capitano della maremma. Assale in Castiglione e Castello di Cotone i fuoriusciti di Spinello dei Tolomei. Viene respinto con ingenti perdite.

1390
Apr.SienaFirenze50 lanceToscanaAppoggia Giovanni degli Ubaldini nelle sue scorrerie.
1391
Giu.ToscanaE’ catturato dagli avversari a Montecalvoli dopo essere caduto dalla sua cavalcatura.
1398UmbriaSi impadronisce ai danni dei perugini della torre del ponte del Chiugi.
1399
Estate

E’ costretto a restituire ai perugini la rocca del ponte del Chiugi a seguito di un arbitrato di fra Giovanni Cane ambasciatore del duca di Milano Gian Galeazzo Visconti.

………….SalimbeniSienaToscanaBandito in Siena con i suoi famigliari, lotta contro la repubblica.
1403
Ott.FirenzeMilanoToscana

Rientra in Siena con un salvacondotto; il congiunto Francesco Salimbeni ne approfitta per ordire una congiura al fine di  liberare la città dal dominio visconteo. Il luogotenente ducale Giorgio del Carretto è informato del trattato: Cocco Salimbeni deve darsi alla fuga. Ad Arezzo è condotto da Niccolò Ridolfi con il  Tartaglia e Giovanni da Pavia (240 lance e 50 fanti) per scacciare i viscontei da Siena.

1404
Apr.Toscana

Siena si ribella ai viscontei; Cocco Salimbeni può rientrare nella città: diviene raccomandato del comune dietro l’offerta di un palio per il giorno dell’ Assunta.

1408SalimbeniComp. venturaToscana

Agli inizi dell’anno deve difendere i suoi possedimenti dalle scorrerie del Tartaglia. Sono messe a sacco alcune terre poste tra Contignano e Radicofani.

1409
PrimaveraNapoliFirenze SienaToscanaCoadiuva le truppe del re di Napoli Ladislao d’Angiò contro fiorentini e senesi.
Giu.Toscana

Le sue terre vengono devastate da 1500 cavalli comandati dal signore di Pesaro Malatesta Malatesta; intervengono a suo favore Paolo Orsini e Gentile da Monterano. Costoro  sono sconfitti dagli avversari a Bagno Vignoni.

Lug.ToscanaCon il rientro di Ladislao d’Angiò nel regno di Napoli gli si ribellano Contignano e Radicofani.
Sett.ToscanaNel corso della vendemmia i senesi danno il guasto ai suoi territori.
1410
Ago.Toscana

Si riconcilia nuovamente con i senesi su pressione di Luigi d’Angiò. Gli sono lasciate la rocca di Tentennano, Castiglione di Val d’Orcia e Castiglioncello del Trinoro; al genero Muzio Attendolo Sforza vanno invece Chiusi, Montegiovi, Montenero e Bagno Vignoni come dote della figlia.

1412
Gen.SalimbeniSienaToscanaOccupa Carsoli. Ottiene il castello di Piancastagnaio con l’aiuto del suocero Muzio Attendolo Sforza.
1413ToscanaRespinge con facilità un attacco portato a Piancastagnaio da Francesco della Mirandola.
1414
Giu.ToscanaE’ compreso tra i collegati del re di Napoli in occasione della pace stipulata tra Ladislao d’Angiò e l’antipapa Giovanni XXIII.
1418
Giu.SalimbeniComp. venturaToscana

Viene assalito nei suoi territori da Braccio di Montone con il pretesto di avere fatto  svaligiare l’anno precedente 40 cavalli bracceschi di passaggio nelle sue terre. Deve riconoscere ai venturieri una taglia di 4000 fiorini.

1419
Feb.SalimbeniSienaToscana e Lazio

I senesi stabiliscono di liberarsi definitivamente della sua presenza. Mentre si trova nella rocca di Tentennano gli muove contro Giovanni da Scarlino cui alcuni congiurati  aprono le porte del castello. Svegliato dal rumore Cocco Salimbeni si rifugia in una torre con la moglie e diciannove soldati. Durante le operazioni di assedio i senesi si appropriano di Castiglione di Val d’Orcia, di Castiglioncello del Trinoro e di altre fortezze. Si arrende a patti; ne esce con molto denaro.  Si reca prima a Montepulciano, poi a Firenze ed a Valentano. Chiede invano la restituzione della dote della moglie per la quale i senesi gli offrono 5000 fiorini. Il Salimbeni rifiuta.

1436
Feb.ToscanaMuore a Siena. E’ sepolto nella chiesa dei frati minori. Sposa Fresca Cavalieri.

 CITAZIONI

-“Huomo nobile e potente.” CAMPANO

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi