CARLO DA GUBBIO

0
1975
Rappresentazione artistica di Cagli del 1626, del pittore e cartografo Francesco Mingucci, A destra è visibile il convento dei cappuccini circondato dalle mura dell’antica rocca
Rappresentazione artistica di Cagli del 1626, del pittore e cartografo Francesco Mingucci, A destra è visibile il convento dei cappuccini circondato dalle mura dell’antica rocca

Last Updated on 2023/12/21

CARLO DA GUBBIO  (Carlo Gabrielli, Carlo dall’Orda)  Di Gubbio. Fratello di Gentile dall’Orda.

1474 – 1524 (marzo)

Anno, meseStato. Comp. venturaAvversarioCondottaArea attivitàAzioni intraprese ed altri fatti salienti
…….PerugiaUmbriaMilita nelle compagnie di Giampaolo Baglioni.
1495NapoliFrancia
……..Genova
……..UrbinoAgli stipendi del duca di Urbino Guidobaldo da Montefeltro.
1503MontefeltroChiesaMarcheCoadiuva Guidobaldo da Montefeltro nel recuperare il ducato di Urbino ai danni dei pontifici.
1506ChiesaBolognaEmiliaEmilia
1509ChiesaVeneziaRomagnaAll’occupazione di Ravenna.
1510ChiesaFranciaEmilia

Agli ordini del duca di Urbino Francesco Maria della Rovere ha il comando di un colonnello di fanti. E’ segnalato alla guardia di Parma.

1511
Gen.EmiliaAll’assedio ed alla conquista di Mirandola. Entra in Reggio Emilia.
1512
Apr.RomagnaPrende parte alla battaglia di Ravenna. E’ catturato dagli avversari..
1513GenovaLiguriaAl servizio del doge di Genova Ottaviano Fregoso.
1515UrbinoMarcheRitorna agli stipendi di Francesco Maria della Rovere.
1517
Gen.Comp. venturaChiesaUmbria

Segue il della Rovere nel suo tentativo di recuperare il ducato di Urbino. Raggiunto nella Massa Trabaria da Guglielmo Sansercoli si ribella apertamente ai pontifici a fine mese.

Feb.Umbria e Marche

Si impadronisce di Cagli dopo che i pontifici sono stati scacciati da Gubbio. Alla testa di milizie di Gubbio, di Cagli e di Fossombrone mette in difficoltà gli avversari; compare sotto Urbino, alla cui difesa si trovano 2000 fanti agli ordini di Giulio Vitelli. Si ferma fuori le mura vicino al monastero dei frati minori osservanti e vi è raggiunto da Clemente da Thiene. I pontifici lasciano la città dopo due assalti. Carlo da Gubbio li attacca mentre stanno per ritirarsi; nel combattimento rimangono  uccisi oltre 300 pontifici e ne sono catturati  150.

Ago.RomagnaRimane ferito in uno scontro nelle vicinanze di Rimini.
1519FirenzeToscanaA Pisa con fratello Gentile dall’Orda.
1522
……..Venezia
……..Comp. venturaChiesaMarcheAppoggia ancora Francesco Maria della Rovere nel suo nuovo tentativo di impadronirsi del ducato di Urbino.
1523
Sett.VeneziaFrancia400 fantiLombardiaCombatte i francesi, sempre agli ordini del della Rovere, ora duca di Urbino e capitano generale della Serenissima.
Ott.Lombardia

Ha il comando di un colonnello di 500 provvigionati; prende parte agli attacchi ai danni di Cremona. Mette in fuga un contingente francese che sta cercando di soccorrere i difensori.

Nov.LombardiaCon la conquista di Cremona rimane alla guardia della città.
1524
Feb.LombardiaAttraversa l’Adda con il suo colonnello di fanti per trasferirsi al campo di Binasco.
Mar.500 fantiLombardia

Ha l’incarico di espugnare Garlasco con 2000 fanti, 4 sagri e  4 cannoni. Sono piantate le artiglierie;  le difese del castello si rivelano superiori alle previsioni. Ferito gravemente alla coscia durante l’assalto da un colpo di archibugio, muore in  pochi giorni per le lesioni riportate nel padiglione di Francesco Maria  della Rovere. E’ sepolto a Gubbio.

 CITAZIONI

-“Valoroso capitano di fanti..favorito dil signor ducha governador nostro (Francesco Maria della Rovere).” SANUDO

-“Soldato di gran valore e di molta fede, la cui morte perciò molto rincrebbe oltre modo al duca.” REPOSATI

-“Soldato di gran valore e di molta fede.” LEONI

-“Da Ugubio Carlo gabrielli invitto/ quel saggio capitan ch’in arme excede/ quel gran Roman che già dal re d’Egitto/ traditor, morto fu senza mercede.” CANDELFINO

Fonte immagine in evidenza: wikimedia

Print Friendly, PDF & Email

Rispondi