ASTORRE BAGLIONI

Consulta l’Indice anagrafico dei condottieri di ventura

A –  – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Z

Cerca nel sito:

ASTORRE  BAGLIONI  Di Perugia. Fratello di Morgante e Gentile, cugino di Giampaolo e di Simonetto. Genero di Giovanni Colonna.

+ 1500 (luglio)

Anno, mese Stato. Comp. ventura Avvesario Condotta Area attività Azioni intraprese ed altri fatti salienti
1479 Napoli Firenze  

 

Toscana

Milita agli stipendi del re di Napoli. Catturato dai fiorentini è quasi subito liberato.

1482  

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Umbria

Con Filippo Baglioni ferisce alla tempia, a Perugia, Guido Ranieri.

Mag.  

 

 

 

 

 

Umbria

Sempre a Perugia, si azzuffa con gli Oddi  in occasione di una tregua indetta tra la sua famiglia e quella rivale. Rimane ferito ad una gamba da un verrettone.

1485  

 

 

 

 

 

 

 

Feb.  

 

 

 

 

 

Veneto

Partecipa a Venezia ad una grande giostra organizzata in piazza San Marco da Roberto da San Severino. Si batte con Antonio Maria da San Severino; al termine del torneo gli sono regalate una veste d’oro foderata di zibellino ed una collana, pure d’oro, del valore di 150 ducati. Presenzia, pure, alla cerimonia nella quale vengono consegnati a Giulio Cesare da Varano il bastone e lo stendardo di governatore generale della Serenissima. Nell’occasione il Baglioni viene armato cavaliere.

1486  

 

 

 

 

 

 

 

Ott. Napoli  

 

 

 

 

 

Milita agli stipendi del duca di Calabria Alfonso d’Aragona.

1488  

 

 

 

 

 

 

 

Lug.  

 

 

 

 

 

Umbria

Rende omaggio a Perugia a Franceschetto Cybo, figlio del papa Innocenzo VIII.

1491  

 

 

 

 

 

 

 

Mag. Perugia Oddi  Foligno  

 

Umbria

Contrasta gli Oddi, riporta alcune vittorie sugli avversari in un’ aspra guerriglia.  Assedia Passignano sul Trasimeno; alla fine i folignati liberano il castello ed i Savelli battono i perugini a Corciano.

Giu.  

 

 

 

 

 

Umbria

Rinsalda la supremazia dei Baglioni in Perugia con l’approvazione del pontefice.

…………….. Napoli  

 

 

 

 

 

1493  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Umbria

Con l’avanzata delle milizie francesi verso Roma rientra in Perugia per Porta Sole.

1494  

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Firenze

 

 

 

 

 

Umbria

Organizza a Perugia, a Porta San Pietro, una grande festa.

…………….. Perugia Oddi  Assisi  

 

Umbria

Abbandona gli stipendi dei fiorentini per ritornare a Perugia. Con Morgante e Giampaolo Baglioni affronta gli Oddi, Jacopo Fiumi ed Alessandro da Sterpeto rientrati in Assisi con l’aiuto del duca di Urbino Guidobaldo da Montefeltro e del signore di Pesaro Giovanni Sforza. Si accorda   presto con gli abitanti di Assisi e con il commissario pontificio.

…………….. Napoli Francia  

 

 

 

Autunno  

 

 

 

 

 

Romagna

Fa in modo che il duca di Calabria Ferdinando d’Aragona imprigioni il fuoriuscito perugino Giulio Cesare da Perugia, suo cognato, militante anch’egli con gli aragonesi: quest’ ultimo è liberato poco dopo.

…………….. Perugia Fuoriusciti Assisi  

 

Umbria

Richiamato nel perugino, combatte Jacopo Fiumi ed Alessandro da Sterpeto che continuano a devastare il territorio di Assisi. Sventa una loro imboscata alle porte della città in uno scontro in cui tra i nemici rimangono uccisi sessanta uomini.

…………….. Todi Chiaravalle  

 

Umbria

Con il cugino Giampaolo passa alla difesa di Todi;  vi soccorre Ludovico e Giovanni degli Atti, minacciati dai francesi e dai Chiaravalle. Respinge gli avversari; entra in disputa con gli Atti per la cattura di Ettore da Canale, fatto prigioniero dai suoi uomini, ed abbandona la città.

Nov.  

 

 

 

 

 

Umbria

Con i congiunti Giampaolo e Simonetto sorprende e svaligia a Mercatello di Monte Vibiano Vecchio alcuni francesi di scorta ad un convoglio che trasporta  il denaro destinato alle paghe di loro funzionari.

1495  

 

 

 

 

 

 

 

Primavera Perugia Oddi  Urbino  

 

Umbria

Gli Oddi irrompono nel perugino. Con il cugino Giampaolo, alla testa di 800 uomini tra fanti e cavalli, lascia Perugia per la Porta di Santa  Susanna alla notizia che Passignano sul Trasimeno sta per cadere nelle mani degli avversari con l’aiuto duca di Urbino. Con Girolamo dalla Penna punta verso il lago; attacca e mette in fuga gli Oddi imbarcatisi su alcuni navigli: molti uomini annegano e molti sono fatti prigionieri per essere condotti a Perugia. Astorre Baglioni si reca a Corciano; con i congiunti Giampaolo e Simonetto ottiene a patti Mantignana, Ponte Pattoli e Colummella  che vengono messe a sacco.

Giu.  

 

 

 

 

 

Umbria

Assedia Fratta Todina; rimane ferito nel corso di uno scontro.

Lug. Francia Venezia  

 

Emilia

Partecipa alla battaglia di Fornovo nella quale è fatto prigioniero.

Sett. Perugia Oddi  Foligno  

 

Umbria

Affronta ancora le milizie degli Oddi. Queste, capitanate da Troilo Savelli, si accampano nei pressi di Corciano all’Osteria dell’ Olmo. I perugini, agli ordini suoi e di Giampaolo, si accampano a poche centinaia di metri nel piano di Massiano. Nonostante la sua superiorità numerica il Savelli non osa attaccare gli avversari. L’assalto avviene nottetempo dopo che i fuoriusciti sono riusciti ad entrare in Perugia attraverso la Porta di Sant’Andrea. Ai primi rumori il Baglioni interviene in soccorso di Simonetto Baglioni che, per primo, si è gettato contro i nemici. Le vie di accesso alla piazza sono state fatte chiudere in precedenza da grosse catene;  grosse pietre sono state fatte collocare sempre da Giampaolo Baglioni sui tetti delle case che costeggiano la via di accesso alla piazza stessa. La cavalleria dei fuoriusciti è bloccata nella sua marcia dalle catene.  Con Giampaolo  Baglioni, Carlo Baglioni e Girolamo dalla Penna costringe i fuoriusciti a ritirarsi. Gli avversari ripiegano.  Esce da Porta Borgnia con pochi cavalli ed insegue i fuggitivi: si scontra con costoro sul piano di Massiano, uccide Agamennone degli Arcipreti, che in precedenza lo ha ferito, e bracca i fuoriusciti sino a Corciano. Molti prigionieri, abitanti di Corciano e di Foligno, sono impiccati sulle mura di tale castello; altri sono fatti gettare in Perugia dalle finestre del Palazzo dei Priori. Fa riposare i suoi uomini e, con Giampaolo  Baglioni, si dirige verso Foligno devastandone il contado. Bombarda il castello di Gualdo Cattaneo, dove è raggiunto da Virginio Orsini.

Nov.  

 

 

 

 

 

Umbria

Dopo una serie di attacchi infruttuosi a Gualdo Cattaneo abbandona il campo.

1496  

 

 

 

 

 

 

 

Feb. Napoli Francia 60 lance  

 

E’ condotto da Ferdinando d’Aragona.

Primavera Perugia Assisi  

 

Umbria

Cerca di entrare in Assisi;  ne viene respinto da Jacopo Fiumi e da Alessandro da Sterpeto.

Mag. Firenze Siena  Pisa 70 lance Toscana

Fronteggia Giovanni Savelli al ponte di Valiano con Bernardino e Ludovico da  Marciano; induce il capitano avversario a ritirarsi.

……………..  

 

 

 

 

 

Umbria e Toscana

Si ferma per qualche tempo in Perugia per superare i postumi di una malattia; guarito, riprende la guerra e mette in fuga Giovanni Savelli.

Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana

Serra da vicino i pisani con Ranuccio da Marciano.

1497  

 

 

 

 

 

 

 

Estate Perugia Assisi  

 

Umbria

Attacca ancora in Assisi il Fiumi; si impossessa di numerosi castelli del contado e distrugge i raccolti del territorio. Si accampa intorno al palazzo di Calenbio a tre miglia dalla città, bombarda il castello, ne ottiene la resa a discrezione da parte dei difensori e lo fa saccheggiare. Stringe d’assedio Assisi, sempre più afflitta dalla mancanza di vettovaglie. Ritorna a Perugia ed al campo rimane il cugino Giampaolo.

…………….. Venezia Firenze  

 

Toscana

Viene inviato dai veneziani in soccorso dei pisani.

1498  

 

 

 

 

 

 

 

Mar.  

 

 

 

 

 

Toscana

Chiede al capitano generale Niccolò Orsini il permesso di occupare Cortona con la sua compagnia e 600 fanti; si impegna di rimanerne alla difesa per dodici giorni fino all’arrivo di rinforzi.

Ago. Venezia Firenze 150 lance Umbria

Per favorire il rientro di Piero dei Medici in Firenze ritorna agli stipendi della Serenissima con i parenti Carlo e Grifonetto. Gli è concessa una provvigione annua di 800 ducati; la ferma viene stabilita in un anno, più uno di rispetto. Gli è chiesto di dare il passo alle truppe di Guidobaldo da Montefeltro che si stanno muovendo da Gubbio e di preparare ad esse gli alloggiamenti.

Sett.  

 

 

 

 

 

Umbria

Su istigazione di Paolo Vitelli non vuole affrontare subito i fiorentini e chiede altri 1000 ducati.

Ott.  

 

 

 

 

 

Romagna Toscana

Raggiunge Rimini con Carlo Baglioni; da qui si sposta, sempre lentamente, verso il Casentino dopo avere ricevuto 6000 ducati. Tocca San Mauro Pascoli con 56 uomini d’arme e segue Bartolomeo d’Alviano contro Poppi dove tenta di entrare tenendo aperta la porta con la spada. Alla difesa di Bibbiena.

Nov.  

 

 

 

 

 

Toscana

Con Carlo Orsini respinge un assalto portato a Franzola da Giampaolo Baglioni; minaccia di non muoversi se prima non gli siano saldate le sue spettanze.

Dic.  

 

 

 

 

 

Toscana e Marche

Cade da cavallo ferendosi tanto gravemente da rimanere bloccato tutto il mese. Si ritira con gli altri Baglioni a Casteldelci, impaurito, quasi fosse stato messo in fuga.

1499  

 

 

 

 

 

 

 

Gen.  

 

 

 

 

 

Marche Toscana  Romagna

E’ segnalato ancora a Casteldelci con Taliano da Carpi, Annibale Bentivoglio, Giampaolo Manfrone e Giacomazzo da Venezia. Avuti 600 ducati a fronte di paghe arretrate, si offre di scortare con la sua compagnia 400 fanti inviati in soccorso dei difensori della Verna. Raggiunge Verghereto con Melchiorre Ramazzotto per proteggere un convoglio che deve trasportare rifornimenti e denari alle guarnigioni più avanzate; è attaccato dai fiorentini mentre sta scortando il commissario veneziano Marco di Santi. Costui è catturato ed il Baglioni è posto in fuga con i suoi uomini. Si congiunge con Melchiorre  Ramazzotto e sconfigge   Francesco da Montedoglio e Giannotto Francese. E’ impiccato un suo messaggero sorpreso  a Pieve Santo Stefano.

Feb.  

 

 

 

 

 

Romagna e Marche

Solleva nuove proteste per il ritardo delle paghe; con Carlo Orsini soccorre in Verghereto la compagnia di Giampaolo Manfrone che si trova in difficoltà. Rientra a Casteldelci dove Niccolò Orsini gli affida l’incarico di raccogliere 200 fanti.

Mar.  

 

 

 

 

 

 

 

Scontento della situazione complessiva invia a Venezia un suo ambasciatore per riscuotere il denaro di cui è creditore.

Mag.  

 

 

 

 

 

 

 

E’ licenziato in anticipo dai veneziani.

Ago. Chiesa  

 

400 lance e 100 fanti Romagna
1500  

 

 

 

 

 

 

 

Giu.  

 

 

 

 

 

Umbria Si sposa a fine mese in Perugia con Lavinia Colonna, figlia del signore di Palestrina Giovanni. Durante i festeggiamenti Giulio Cesare da Varano spinge Grifone e Carlo Baglioni ad ordire una congiura ai danni dei figli di Guido e di Rodolfo Baglioni.
 Lug. Perugia Baglioni  

 

Umbria Colto senza armi, è ucciso con una ferita al petto, mentre sta dormendo, da Filippo Baglioni e da Ottaviano della Cornia. Il suo cuore è estratto dal petto e  preso a morsi dagli avversari; il cadavere è trascinato per le scale  del palazzo ove abita e viene gettato nudo per strada. Il corpo del Baglioni è portato prima nell’ospedale della Misericordia e poi nella chiesa di San Francesco dove si svolgono i suoi funerali e dove è, infine, sepolto con il padre Guido ed il fratello Gismondo. Biografia di Lodovico Sensi. Astorre Baglioni è citato ne “Il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde.

CITAZIONI

“Homo pratico ne l’arte del soldo.” MATARAZZO

“Il Baglioni fu un buon soldato di mestiere, ma sarebbe eccessivo definirlo un grande capitano, e meno che mai ritenerlo animato da un vero sentimento nazionale italiano. Al vertice, insieme al padre Guido e allo zio Rodolfo, della vita pubblica perugina, egli adottò quel magnifico stile di vita dei signori dell’età sua, su cui tanta influenza ebbero gli ideali classici degli umanisti. Sotto questo profilo ben meritò l’attenzione del Burckhardt, che colpito dalla grandiosità della rappresentazione fattane dal cronista Maturanzio, lo vorrebbe ispiratore di Raffaello per il celeste guerriero della “Cacciata d’Eliodoro”.” ABBONDANZA

“Fu uno de’ più illusteri Capitani del suo tempo.” VERMIGLIOLI

Con Giampaolo Baglioni “Erano dei temerari sprezzanti del pericolo, che senza troppi calcoli mettevano a repentaglio la loro vita per difendere i loro beni, il prestigio del casato o vendicare qualche torto subito. Ben diversa era il loro comportamento quando combattevano come mercenari al servizio di altri potenti. Allora contava il soldo, la paga, la roba e il bottino. Sempre pronti a cambiare condotta per un ritardato pagamento o perché altri offrivano somme maggiori e da amici si trasformavano in nemici.” GIUBBONI

Immagine: https://it.wikipedia.org/wiki/Astorre_Baglioni_(di_Guido)#/media/File:Stemma_Baglioni.png

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Previous articleBALORDO DAL BORGO
Next articleBARBAROSSA DEI BARTOLI
Roberto Damiani
Roberto Damiani è l'autore del sito Condottieri di ventura.
Print Friendly, PDF & Email