Alabarda

0
175

Arma in asta da punta e da taglio lunga tre braccia e tempestata di chiodi, in cima della quale sta infisso un ferro asimmetrico, avente da un lato una lama (scure) variamente sagomata, dall’altro una sporgenza aguzza più o meno sviluppata. Il nome deriva dal tedesco halm, asta e da barte, ascia. L’arma fu introdotta la prima volta in Italia dagli svizzeri nella battaglia di Arbedo. Usata dai fanti tedeschi, i lanzichenecchi. Cadde in disuso fra la fine del XVI secolo e l’inizio del XVII.