1400

0
225

 

Legenda: P prigioniero
+ morto
F ferito

1400

 

ROMA – gennaio

 

COLONNA                                                                                        CHIESA

 

Nicola Colonna

 

Conte da Carrara

 

Ghinolfo Colonna

 

 

 

Matteo Colonna  P

 

 

 

 

 

CARAVINO – luglio

 

FACINO CANE                                                                                 CONTE DI SAVOIA

 

Facino Cane Rodolfo di Gruyères P
  Giacomo di Lutino

 

 

Giovanni Verney  P

 

 

 

Amedeo di Challant  P

 

 

 

Galeazzo da Mantova  P

 

 

 

Ugo di Monforte  P

 

F.Cane: 1000 cavalli; sabaudi: 800 cavalli. Vittoria iniziale dei sabaudi; successivo assalto di Facino Cane che trova in disordine i vincitori con cattura di 600 cavalli.

 

SAN PIETRO IN GALATINA

 

NAPOLI                                                                                             TARANTO

 

Bernabò da San Severino

 

Raimondo Orsini del Balzo

 

 

1401

 

NAVE/BRESCIA – ottobre

 

MILANO                                                                                           FIRENZE, PADOVA, IMPERO

 

Alberico da Barbiano Francesco Novello da Carrara
Teodoro di Monferrato Giannino del Baio +
Facino Cane Leopoldo d’Austria P
Pandolfo Malatesta Enrico di Mullenheim
Amadio Rossi Giacomo da Carrara
Jacopo dal Verme Federico di Hohenzollern
Martino Borselli Brodetto
ottobono Terzi Pietro da Carrara
Tonino Costa Francesco Buzzaccarini
Carlo Malatesta F Bonifacio da Carrara
Jacopo Gussi Alberto Roberti
  calcino Tornielli

Galeazzo da Mantova                    

 

Alidosio Forzatè

 

Taddeo dal Verme

 

Alberico Lion

 

Galeazzo Porro

 

Giacomo Pappafava da Carrara

 

Antonio Porro

 

Dolce da Loredo  P

 

Francesco Gonzaga  

Viscontei: 4500 lance italiane; collegati: 16000 cavalli, 500 fanti. Scontro tra due cavallerie in perlustrazione con fuga dei tedeschi. Le truppe imperiali corrono il pericolo di essere interamente sgominate; interviene Giacomo da Carrara che protegge la loro ritirata con una banda di cavalli italiani. Nell’esercito della lega sono uccisi, o fatti prigionieri, più di 600 uomini d’arme, fra i quali molti cavalli tedeschi.

 

1402

 

MASSUMATICO/PIEVE DI CENTO – febbraio

 

Bologna                                       COMPAGNIA DI VENTURA, MILANO                                                

 

Fuzzolino Tedesco Alberico da Barbiano
Niccolò Nigrosanti Marco da Pisa
Scorpione Alberto Pio P
Galeazzo da Mantova Marcoardo dalla Rocca P
Tartaglia Nanne Gozzadini
Muzio Attendolo Sforza  

Baldassarre da Modena

 

Gherardo Rangooni P

 

Guido Pepoli

 

 

 

Lancillotto Beccaria  

Fra i viscontei sono catturati più di 1000 uomini.

 

SAN GIOVANNI IN PERSICETO – maggio

 

MILANO                                                                                           Bologna, PADOVA

 

Facino Cane

 

Giacomo da Carrara

 

Alberico da Barbiano

 

Muzio Attendolo Sforza

 

Pandolfo Malatesta  F

 

Lancillotto Beccaria

 

 

 

Pietro da Carrara

 

Nel combattimento sono uccisi 100 cavalli d’ambo le parti.

 

CASALECCHIO DI RENO– giugno

 

MILANO                                                                                          BOLOGNA, FIRENZE, PADOVA

 

Alberico da Barbiano Bernardo della Serra P
Francesco Gonzaga Calcino Tornielli P
Jacopo dal Verme Muzio Attendolo Sforza FP
Facino Cane Trapolino Trapolini P
Ottobono Terzi F Tartaglia
Pandolfo Malatesta Ognibene da Mantova P
Carlo Malatesta Giovanni Bentivoglio
Andrea Malatesta Dorde P
Obizzo da Polenta Giacomo da Carrara P
Antonio da Montefeltro Manno Donati P
Ludovico Gabriotto Cantelli Francesco Terzo da Carrara P
Ludovico da Zagonara Ruzzante P
Anderlino Trotti Luca Lion P
Francesco d’Este Piero Falso P
Nanne Gozzadini Rigo Galletto P
Prencivalle della Mirandola Giovanni da Milano P
Comino Suardi Ludovico Buzzaccarini P
Carlo da Fogliano Francesco Traverso P
Francesco da Sassuolo Pietro da Carrara P
Rodolfo Ramponi Boccariso da Fontaniva P
Paolo Savelli Brunoro della Scala P
Bonifacio Gozzadini Liberale da Camposampiero P
Gozzadino Gozzadini Lancillotto Beccaria F
Alberto Pio Bernardo Scolari P
Galeazzo Pepoli Ludovico di San Bonifacio P
Bertolino da Cremona Giovanni Bonetto P
Ottone da Mandello Niccolò da Uzzano P
Francesco Galluzzi Bartolomeo di Vercie P
Bente Bentivoglio Lorenzo Attendolo
Giacomo Isolani Cipriano Mansarin P
Niccolò Fantuzzi Micheletto Attendolo
Gandolfo Fantuzzi Francesco da Zara P
Pomaro Fantuzzi Santo Parente
Antonio Pellizzaro Piero del Bolpe P
Galeazzo da Mantova Bardo Rittafé +
  Fircheto P
  Bernardino Cane P
  Masino da Curtarolo P
  Fuzzolino Tedesco +
  Siccardo P
  Gabrino Fondulo
  Giacomo Dotto P
  Brodetto P
  Mattia Bellufaldo P
  calviano da Padova
  Rolando Grompo P
  Bonifacio da Carrara P
  Giorgio Bachari P
  Giacomo Pappafava da Carrara P
  Stefano del Rio P
  Barisone da Vigonza P
  Morando di Porcia P
  Ruggero Cane Ranieri
  Francesco del Spendalore P
  Rigo Trapolino P
  Giacomo Chiereguzzo P
  Filippo Scolari P
  Giordanino da Cittadella P
  Piero Zabarella P
  Giacomo da Valvasone P
  Palamino Vitaliani P
  Fabrizio da Montagnana P
  Pietro da Montagnana P
  Rigo da Montazzo P
  Giacomo Capodivacca P
  Gazone da Curtarolo P
  Cardino Capodivacca P
  Giovanni Piccinino P
  Niccolò da Vigonza P
  Antonio da Pescolagoscuro P
  Ingolfo Conte P
  Antonio Conte P
  Francesco Ongarello P
  Tombolino Inglese P
  Martino da Scaltenigo P
  Francesco Furlan P
  Tommasino Crivelli F
  Fabrizio da Perugia P

 

 

Martino Polsort

 

 

 

Matteo da Viterbo

 

 

 

Francesco Lion  P

 

 

 

Tommaso da Castello

 

 

 

Giovanni Malvicini

 

 

 

Giovanni dell’Ischia

 

 

 

Andrea da Parma

 

 

 

Morando della Torre  P

 

 

 

Chiavello Chiavelli

 

 

 

Camarino

 

 

 

Ludovico da Rabatta  P

 

 

 

Giacomo di Panico

 

Viscontei: 10000 cavalli; collegati: 5000/8000 cavalli. Durata: un’ora circa.

 

1403

 

ASSISI – gennaio

 

MILANO                                                                                           FIRENZE, CHIESA

 

Ottobono Terzi Paolo Orsini
  Bindo da Montopoli
  Mostarda da Forlì
  Giannello Tomacelli

 

 

Braccio di Montone

 

 

 

Conte da Carrara

 

 

 

Crasso da Venosa

 

Viscontei: 2500 cavalli. Durata: 2/3 ore. Fra i pontifici sono uccisi 150 cavalli e sono catturati altrettanti uomini.

 

BATTAGLIA DELL’IDICE/PORTA CASTIGLIONE E PORTA SANTO STEFANO – luglio

 

FIRENZE, CHIESA, FERRARA                                                      MILANO

 

Niccolò d’Este Facino Cane
Tommaso Guidotti P Filippino Cane P

Uguccione Contrari

 

Galeazzo da Mantova

 

Paolo Orsini

 

Lancillotto Beccaria  P

 

Carlo Malatesta

 

Paolo Savelli

 

Bolognino Boccatorta  P

 

 

 

Durata: 2 ore. Contrattacco da un campo trincerato su una sortita viscontea da Bologna. Fra i pontifici sono fatti prigionieri 150 uomini; fra i viscontei 300 cavalli.

 

PIZZIGHETTONE – settembre

 

CREMONA, GUELFI                                                                       MILANO, BERGAMO, GHIBELLINI

 

Gabrino Fondulo

 

Francesco Suardi  +

 

Fra i ghibellini sono uccisi 300 uomini.

 

 

 

MONTORFANO – novembre

 

MILANO                                                                                           COMO

 

Pandolfo Malatesta

 

Franchino Rusca

 

Jacopo dal Verme

 

 

 

 

1404

 

TENCAROLA – gennaio

 

PADOVA                                                                                           MILANO

 

Francesco Novello da Carrara

 

Taddeo dal Verme

 

Giacomo da Carrara

 

 

 

I carraresi catturano 1500 uomini che sono condotti a Padova.

 

TENCAROLA – marzo

 

PADOVA                                                                                           MILANO

 

Francesco Novello da Carrara

 

Facino Cane

 

Cecco da San Severino

 

Pandolfo Malatesta

 

Tartaglia

 

Ludovico Gabriotto Cantelli

 

Muzio Attendolo Sforza

 

 

 

Alessio di Montereale

 

 

 

 

 

BORGO DI SORIO/VERONA – maggio

 

PADOVA                                                                                           VENEZIA

 

Giacomo da Carrara

 

Francesco Gonzaga

 

Paolo Lion

 

 

 

Ludovico degli Obizzi

 

 

 

Nel combattimento vi sono 200 morti, senza contare gli annegati. I carraresi si impadroniscono delle bombarde e di alcune insegne.

 

BATTAGLIA DELLE GAMBARARE – luglio

 

PADOVA                                                                                           VENEZIA

 

Francesco Novello da Carrara

 

Paolo Savelli

 

Rigo Galletto

 

 

 

Veneziani: 60 lance, 4600 balestrieri e molti fanti. Attacco veneziano contro una trincea, respinto da balestrieri e bombarde; sempre fra le truppe della Serenissima sono uccisi 12 uomini d’arme e 40 fanti ( i feriti da verrettoni e da bombarde sono 250).

 

BATTAGLIA DELLE GAMBARARE – agosto

 

PADOVA                                                                                           VENEZIA

 

Ubertino da Carrara

 

Paolo Savelli

 

Rigo Galletto

 

 

 

Sparapano

 

 

 

 

 

GORGO – agosto

 

PADOVA                                                                                           VENEZIA

 

Filippo da Pisa

 

Malatesta Malatesta

 

Francesco Novello da Carrara

 

Ludovico da Zagonara

 

Ludovico degli Obizzi

 

 

 

Cecco da San Severino

 

 

 

Ludovico Buzzaccarini  FP

 

 

 

Attacco contro un campo trincerato.

 

PESCHIERA – agosto

 

PADOVA                                                                                          Mantova, VENEZIA

 

Cecco da San Severino

 

Francesco Gonzaga

 

I gonzagheschi lasciano sul campo più di 300 cavalli e tutti i bagagli.

 

GORGO – settembre

 

VENEZIA                                                                                          PADOVA

 

Malatesta Malatesta

 

Filippo da Pisa

 

 

 

Ludovico degli Obizzi

 

 

 

Ubertino da Carrara

 

 

 

Andrea da Parma  P

 

 

 

LIMENA – settembre

 

PADOVA, FERRARA                                                                      VENEZIA

 

Alberico da Barbiano

 

Paolo Savelli

 

Francesco Novello da Carrara

 

Malatesta Malatesta

 

Niccolò d’Este

 

 

 

Manfredo da Barbiano

 

 

 

Francesco Terzo da Carrara

 

 

 

Attacco notturno di carraresi ed estensi ad un campo trincerato. Catturati 600 cavalli e 200 fanti fra i veneziani; secondo altre fonti, carraresi ed estensi fanno prigionieri 2000 uomini, fra i quali 500 cavalli.

 

VIGODARZERE – settembre

 

FERRARA, PADOVA                                                                      VENEZIA

 

Ugo di Monforte

 

 

 

Alberto del Sale

 

 

 

Ugo Boiardi

 

 

 

Niccolò d’Este

 

 

 

Manfredo da Barbiano

 

 

 

Veneziani: 200/300 lance. Attacco estense ad un convoglio di viveri.

 

PIEVE D’ INZINO – novembre

 

MILANO                                                                                           BRESCIA

 

Facino Cane

 

Pandolfo Malatesta

 

Pietro Visconti

 

Ottone Rusca

 

 

 

Ludovico Campana

 

I viscontei catturano 300 cavalli e 1000 contadini.

 

PIOVE DI SACCO – dicembre

 

VENEZIA                                                                                          PADOVA

 

Paolo Savelli

 

Francesco Novello da Carrara  F

 

 

 

MANERBIO/MACLODIO – dicembre

 

MILANO                                                                                           CREMONA

 

   
Astorre Visconti Ugolino Cavalcabò P
Pietro Gambara Andrea Cavalcabò
Rolando Pallavicini Marsilio Cavalcabò P
Taddeo dal Verme Carlo Cavalcabò
  Giovanni Cavalcabò
  Teodosio Chierasco
  Gabrino Fondulo
  Pompeo Chierasco
  Giorgio Benzoni
  Leonardo di Sommo
  Zaffaro Cavalcabò
  Cesare Cavalcabò P

Cremonesi: 200 cavalli e 7000 fanti; viscontei: 300 cavalli e 10000 fanti. Agguato. I viscontei caturano 250 uomini.

I morti fra i cremonesi sono 200.

 

 

RONCA’ – dicembre

 

PADOVA                                                                                           VENEZIA

 

Manfredo da Barbiano Giacomo Suriano P
Giacomo da Carrara Giovanni da Siena FP
Cecco da San Severino Francesco dell’Aquila P
Francesco Novello da Carrara Federico di Matelica P
Luchino di Saluzzo Niccolò cavalli P
  Pietro dell’Aquila P
  Manfredo Pio P
  Antonio Cavalli P

Luchino di Saluzzo

 

Benzone di Alessandria  P

 

 

 

Rappa Tedesco  P

 

Veneziani: 6000 uomini, fra cui 300 lance. I carraresi fanno prigionieri 2600 uomini, fra i quali 1016 cavalli; si impadroniscono, inoltre, delle vettovaglie e del gonfalone di San Marco.

 

MONTAGNANA – dicembre

 

VENEZIA                                                                                          PADOVA

 

Jacopo dal Verme

 

Giacomo da Carrara

 

Ottobono Terzi

 

 

 

Carraresi: 800 cavalli. Nello scontro i padovani perdono 300 cavalli.

 

1405

 

VERONA – gennaio

 

PADOVA                                                                                           VENEZIA

 

Giacomo da Carrara Francesco Gonzaga
Ludovico degli Obizzi Guido Torelli P

 

 

Jacopo dal Verme

 

 

 

Bartolomeo Gonzaga  P

 

 

 

Feltrino Gonzaga  P

 

 

 

Giovanni Galluzzi  P

 

 

 

ARIANO – febbraio

 

FERRARA                                                                                         VENEZIA

 

Niccolò d’Este

 

Giovanni da Tossignano

 

Uguccione Contrari  F

 

 

 

Filippo da Pisa

 

 

 

Gli estensi catturano 4 cavalli e 3 connestabili di fanti.

 

 

 

SONCINO – luglio

 

BRESCIA                                                                                           MILANO

 

Pandolfo Malatesta

 

Astorre Visconti  P

 

Fra i viscontei sono catturati 200 cavalli.

 

BATTAGLIA DEL BASSANELLO – agosto

 

VENEZIA                                                                                          PADOVA

 

Galeazzo da Mantova

 

Francesco Novello da Carrara

 

Paolo Savelli  FP

 

Francesco Terzo da Carrara

 

Carraresi: 150/200 cavalli e 500 fanti. Assalto, respinto, dei carraresi al campo veneziano.

 

PRATI DI NERONE – agosto

 

CHIESA                                                                                             NAPOLI

 

Paolo Orsini

 

Giovanni Colonna

 

Mostarda da Forlì

 

Pieretto de Andreis

 

Ceccolino dei Michelotti

 

Gentile da Monterano

 

Beccarino

 

Conte da Carrara

 

 

 

BATTAGLIA DEL PASSO DELLA CORNIA/SUVERETO – dicembre

 

FIRENZE                                                                                           PISA

 

Muzio Attendolo Sforza

 

Gaspare dei Pazzi

 

Rosso dall’Aquila

 

Paolo da Pisa  P

 

Bartolomeo da Pietramala

 

Gambacorta

 

Pietrone da Castro

 

Cione Montanini

 

Fiorentini: 600 cavalli, 200 fanti; pisani: 180 lance. Assalto notturno dei fiorentini ad un campo fortificato: i pisani sono colti in disordine. Sono catturati 500 cavalli.

 

SERRAGLIO DI ARINO – dicembre

 

VENEZIA                                                                                          PADOVA

 

Paolo Savelli

 

Francesco Novello da Carrara  F

 

Riccio da Camerino

 

Ugo di Monforte  P

 

Veneziani: 2000 fanti e uomini d’arme. Carraresi: 200 cavalli.

 

 

1406

 

TARANTO – giugno

TARANTO                            NAPOLI

 

 

Antonio Acquaviva

 

 

 

Masello Fellapane

 

 

 

PIETRALUNGA – luglio

CITTA’ DI CASTELLO                 UBALDINI

  Rosso dall’Aquila
  Cione da Siena

 

 

Gaspare dei Pazzi

 

 

 

Ottaviano degli Ubaldini

 

 

 

1407

 

MORIMONDO/BINASCO – febbraio

 

PARMA, BRESCIA                                                                          FACINO CANE, MILANO

 

Jacopo dal Verme Facino Cane
  Cardillac

Ottobono Terzi

 

Castellino Beccaria

 

Niccolò da Tolentino

 

Marcoardo dalla Rocca  P

 

Battista di Montefiore

 

Francesco Visconti

 

 

 

Bellora  F

 

 

 

Carmagnola

 

Collegati: 7000 uomini, fra cui molti fuoriusciti. Facino Cane: 3000 uomini d’arme. Lo scontro si svolge in due distinte fasi, in cui la prima è favorevole al Cane, con molti morti d’ambo le parti. Segue un assalto notturno di Ottobono Terzi al campo trincerato nemico (un solo morto) con disfatta degli avversari. I collegati fanno prigionieri 1000 uomini. Marcoardo dalla Rocca è ucciso dal Terzi.

 

PORTA SAN LORENZO/ROMA – giugno

 

CHIESA                                                                                            NAPOLI, COLONNA

 

Paolo Orsini Giovanni Colonna P
Beccarino Francesco di Catania +
Artimanno Tedesco Corradino d’Antiochia P
  Giovan Paolo Manieri P
  Nicola Colonna P
  Battista Savelli
  Antonio Savelli P
  Giovanni Cecchi P
  Jacopo Orsini P
  Tommaso Colonna P
  Galeotto Normanni P
  Antonello Savelli P

 

 

Riccardo Sanguigni  P

 

 

 

Pietro Cenci  P

 

 

 

Giovanni Cenci  P

 

I pontifici catturano Corradino d’Antiochia, Galeotto Normanni e Riccardo Sanguigni che sono, poco dopo, decapitati in Campidoglio.

 

ROCCA CONTRADA

 

COMPAGNIA DI VENTURA                                                          FERMO

 

Braccio di Montone

 

Angelo della Pergola

 

Spinta  F

 

 

 

Guglielmo Lancellotti  F

 

 

 

Venturieri: 100 cavalli; fermani: 700 cavalli e fanti. Fra i bracceschi sono uccisi 12 cavalli, fra i fermani 15.

 

MONTECOSARO/MONTE CONSCIO- agosto

 

COMPAGNIA DI VENTURA                                                          FERMO

 

Braccio di Montone

 

Ludovico Migliorati

 

 

 

Conte da Carrara

 

 

 

Martino da Faenza

 

 

 

BOSCO MARENGO – settembre

 

FACINO CANE                                                                                 MILANO

 

Facino Cane

 

Francesco Barbavara  P

 

 

 

Bonifacio Valido  P

 

 

 

Francesco di Mese  P

 

 

 

Tristano di Mede  P

 

I capitani viscontei, fatti prigionieri, sono strangolati in carcere.

 

 

1408

 

DERUTA – aprile

 

NAPOLI                             PERUGIA

Braccio di Montone

 

Ceccolino dei Michelotti

 

Guglielmo Lancellotti

 

Rosso dall’Aquila  P

 

 

 

Guido da Perugia

 

Perugini: 900 cavalli, molti fanti. Fra i perugini sono catturati 240 cavalli.

 

PORTA BAGGIOVARA/MODENA – aprile

FERRARA                             PARMA

                                                     

Muzio Attendolo Sforza

 

Ottobono Terzi

 

Giberto da Correggio

 

 

 

Feno da San Felice

 

 

 

Durata: 2 ore.

 

CASTELPONZONE – giugno

MANTOVA, MILANO, BRESCIA, CREMONA, FERRARA       PARMA

 

Pandolfo Malatesta Guido Torelli
Cristoforo Piasio Ottobono Terzi
Gabrino Fondulo  
Bernardo Zaccaria  
Muzio Attendolo Sforza  
Muzio Botta  

Pietro Fusi

 

 

 

Giacomo Ala

 

 

 

Delfino Manara

 

 

 

I collegati catturano 300 uomini tra cavalli e fanti. Fra i parmensi sono uccisi 200 uomini.

 

 

GRONDOLA – agosto

 

FIESCHI                                                                                             ROSSI

 

Luca Fieschi

 

Pietro dei Rossi  F P

 

Ludovico Fieschi

 

Antonio dei Rossi  +

 

Fra i Rossi rimangono uccisi 30 cavalli e 150 fanti. Sono catturati 370 cavalli e 550 fanti.

 

APIRO

 

COMPAGNIA DI VENTURA                                                          RIMINI

 

Braccio di Montone

 

Martino da Faenza

 

 

 

MONDOVI’

 

MARCHESE DEL MONFERRATO                                                DUCA DI BORBONE

 

 

 

Guglielmo di Saigres  +

 

Francesi: 800 uomini d’arme dell’Auvergne.

 

1409

 

ROVEGNATE – aprile

 

FACINO CANE, MARCHESE DEL MONFERRATO                   MILANO, BRESCIA

 

Facino Cane

 

Pandolfo Malatesta

 

Teodoro di Monferrato

 

Carlo Malatesta

 

Astorre Visconti

 

 

 

Durata. 2 ore.

 

CUNICO/CASTELLAZZO – maggio

 

MARCHESE DEL MONFERRATO, DEL CARRETTO                FRANCIA, GENOVA

 

Toodoro di Monferrato

 

 

 

Facino Cane

 

 

 

Francesi: 150 uomini d’arme. Nello scontro sono catturati 400 uomini fra i francesi.

 

GUARDASONE – maggio

 

FERRARA, CREMONA                                                                   PARMA

 

Grasso

 

Giovanni Malvicini  F

 

Muzio Attendolo Sforza

 

Jacopo Terzi  F

 

 

 

Antonello dell’Aquila

 

Parmensi: 300 cavalli. Fra i parmensi sono catturati 200 cavalli.

 

BAGNO VIGNONI – giugno

 

FIRENZE, ANTIPAPA                                                                     NAPOLI

 

Malatesta Malatesta Gentile da Monterano
Vieri Guadagni Giovanni Colonna

Jacopo Salviati

 

Paolo Orsini

 

Angelo della Pergola

 

 

Francesco Orsini

 

 

 

Fiorentini: 1500 cavalli; angioini: 800 cavalli. Durata: un’ora. Assalto notturno, respinto. Fra gli angioini sono catturati 200 cavalli.

 

LAURO/LORO PICENO/MONTE SAN GIACOMO – luglio

 

ANTIPAPA                                                                                        NAPOLI

 

Ludovico Migliorati

 

Martino da Faenza

 

 

 

Ceccolino dei Michelotti

 

 

 

Tartaglia

 

 

 

Conte da Carrara

 

Antipapa: 500 cavalli; angioini: 3000 cavalli. Fra igli angioini sono uccisi 100 cavalli con 3 caporali (20 fra le file del  Migliorati).

 

SAMPIERDARENA – settembre

 

MILANO                                                                                           GENOVA, FRANCIA

 

Facino Cane

 

 

 

Carmagnola

 

 

 

 Viscontei: 1800 cavalli, 200 fanti.

 

BATTAGLIA DELLA FRATTA – settembre

 

FIRENZE                                                                                           NAPOLI

 

Braccio di Montone

 

Giulio Cesare da Capua

 

Smeduccio Montemelini  P

 

 

 

 

 

SERRAVALLE/NOVI LIGURE/GAVI – ottobre

 

MILANO                                                                                           FRANCIA, GENOVA                                                  

 

Facino Cane Boucicaut
Giasone Trotti La Fayette
Teodoro di Monferrato Brunoro della Scala
  Chaucovet

Astorre Visconti

 

Marsilio da Carrara

 

Bellora  +

 

Enguerrand di Boursonville

 

Koenigshohen

 

Gadifor de la Salle

 

Nella battaglia sono uccisi 800 uomini d’arme, per lo più italiani.

 

BATTAGLIA DI PORTA SETTIMIANA/PRATI DI NERONE – dicembre

 

FIRENZE, ANTIPAPA                                                                     NAPOLI, COLONNA

 

Paolo Orsini

 

Pieretto de Andreis  P

 

Malatesta Malatesta

 

Gentile da Monterano

 

Jacopo Orsini

 

Battista Savelli

 

 

 

Nicola Colonna

 

Fra gli angioini sono uccisi 11 soldati; altri 9 muoiono annegati.

 

SHARE
Previous article1390
Next article1420