1361

0
285
Legenda: P prigioniero
+ morto
F ferito

 

1361

 

SAN RUFFILLO – luglio

 

CHIESA, BOLOGNA                                                                       MILANO, UBALDINI

 

Galeotto Malatesta F Giovanni di Bileggio P
Francesco della Torre Gaspare degli Ubaldini P
Malatesta Ungaro F Giovanni degli Ubaldini p
Antonio Ricasoli Andrea delle Piaggiuole P
Nicola Farnese Valeriano Castracani P
Ugolino da Montemarte Girolamo da Rimini P
Pino Gozzadini F Francesco d’Este P
Gomez Albornoz F Ludovico d’Alba
Egano Lambertini Vincenzo da Lodi +
Guido da Polenta  
Piero Farnese F  
Alberto Galluzzi  

Blasco Fernandez  +

 

 

 

Giovanni da Sarteano  F

 

 

 

Azzo Alidosi

 

 

 

Antonio di Spettino

 

 

 

Pontifici: 700 barbute, 300 ungheri, 4000 fanti bolognesi. Viscontei: 1500 cavalli, 2000 masnadieri, molti partigiani degli Ubaldini. Attacco di sorpresa. Vittoria procurata dalla fanteria comunale bolognese. Nel combattimento sono uccisi 970 uomini (700 fra i viscontei, mentre i feriti di parte milanese sono 1200). Sempre fra i viscontei 1300 sono i prigionieri. Fra i bolognesi i caduti sono 200. Per Giovanni da Bazzano i morti, d’ambo le parti, sono 1300.

 

REVERE – novembre

 

MANTOVA                                                                                       MILANO

 

Ugolino Gonzaga

 

 

 

 

1362

 

LUGO – giugno

 

CHIESA                                                                                             MILANO

 

 

 

 

 

 

 

PESCHIERA DEL GARDA – giugno

 

CHIESA, VERONA, PADOVA                                                        MILANO

 

Galeotto Malatesta

 

 

 

Giacomo Cavalli

 

 

 

 

 

SAN SAVINO – luglio

 

FIRENZE                                                                                           PISA         

 

Rodolfo da Varano

 

 

 

Nicola Orsini

 

 

 

Pisani: 600 fanti, 200 cavalli, balestrieri.

 

SMACCANO/MONTICHIARI – luglio

 

VERONA                                                                                           MILANO

 

Alboino Polo

 

Mascetto Rusca  +

 

Giacomo Cavalli

 

Bernabò Visconti

 

Cansignorio della Scala

 

Anichino di Baumgarten

 

Francesco della Scala

 

 

 

Scaligeri: 600 cavalli; viscontei: 900 barbute. Molti morti e feiti nello scontro; fra i viscontei sono catturati 25 connestabili e sono uccise 100 barbute (200 cavalli).

 

PONTEVICO

 

MILANO                                                                                           CHIESA

 

 

 

 

 

Nel combattimento i viscontei si impadroniscono di 18 bandiere di cavalli e fanti.

 

GRANAROLO – novembre

 

CHIESA                                                                                             MILANO

 

Piero Farnese  
Antonio Bentivoglio  
Gomez Albornoz  
Niccolò Montecalvi  

Ciappo da Narni

 

 

 

Taddeo Azzoguidi

 

 

 

Castellano da Sala

 

 

 

Pontifici: 1000 cavalli e 200 fanti ungheri; viscontei: 1000 cavalli ungheri. Molti i morti. Fra i viscontei sono catturati 150 cavalli; nelle mani dei pontifici cadono 6 bandiere.

 

1363

 

SOLARA – aprile

 

CHIESA, PADOVA, VERONA                                                        MILANO

 

Malatesta Ungaro Guglielmo Aldighieri P
Francesco da Carrara Antonio Ungaro P
Feltrino Gonzaga Tebaldo Ordelaffi P
Giacomo Cavalli Alessandro da Verona
Niccolò d’Este Guglielmo Cavalcabò P
Guido da Polenta Paolo Zuppa P
Garcia Albornoz + Giberto da Correggio P
Tommaso da Spoleto Ambrogio Visconti P
Gomez Albornoz Piero da Correggio P
  Giberto Pio P
  Guido Savina da Fogliano P
  Azzo da Correggio P
  Giovanni della Mirandola P
  Rosso da Cremona P
  Ludovico dalla Rocca P
  Antonio d’Anghiari P
  Sinibaldo Ordelaffi P
  Ardizzone da Novara P
  Niccolò Pallavicini P
  Anichino di Baumgarten
  Mantello Lampugnani P
  Marsilio Pio P
  Giovanni Ponzoni P
  Ottone da Mandello P
  Marsilio Cavalcabò P
  Gaspare da Como P
  Mocoli dalli Pelagri P
  Paolo della Mirandola P
  Andrea Pepoli P
  Giberto di San Vitale P
  Guglielmo Pio P
  Guido dalla Foia P

 

 

Beltramo dei Rossi  P

 

 

 

Antonio di San Vitale  P

 

 

 

Luchino Casati  P

 

 

 

Bolognanino Boccatorta  P

 

 

 

Giovanni Pallavicini  P

 

  Galeazzo Pio

Pontifici: 2500 cavalli/3000 barbute; viscontei: 2000 barbute. Durata: 4 ore. Imboscata dei pontifici alle milizie viscontee uscite dalla bastia di Solara. Fra i viscontei sono catturati 38 condottieri e 1000 cavalli. I vincitori si ompadroniscono di 300 carri carichi di vettovaglie e di altri beni.

 

PONTE CANTURINO – aprile

 

MARCHESE DEL MONFERRATO                                                MILANO

 

Alberto Sterz

 

Conte Lando  +

 

Giovanni Acuto

 

Giovanni Caimi  P

 

Viscontei: 400 barbute. I resti della Grande Compagnia (ungheri e tedeschi) sono gravemente sconfitti dalla Compagnia Bianca o degli Inglesi.

 

CASTIGLIONE aprile

 

PISA                                                                                                   FIRENZE

 

Rinieri da Baschi

 

Corrado da Jesi  P

 

 

 

Spinelloccio dei Tolomei  P

 

Fiorentini: 300 cavalli.

 

BATTAGLIA DEL PASSO DI SAN PIERO – maggio

 

FIRENZE                                                                                           PISA

 

Piero Farnese

 

Rinieri da Baschi  P

 

Simone da Varano

 

 

 

Ugolino dei Sabatini

 

 

 

Fiorentini: 800 cavalli, di cui molti ungheri e 800 fanti. Pisani: 600 cavalli, molti fanti. Durata: due ore e mezzo. Agguato pisano che fallisce. Combattimento dei cavalli fiorentini a piedi, con le spade anziché con le lance. Fra i pisani sono catturati 150 uomini; molti morti fra cavalieri e fanti.

 

PISA – maggio

 

FIRENZE                                                                                           PISA

 

Piero Farnese Giovanni Cima Gisello degli Ubaldini
   

Amerigone Tedesco  P

 

 

 

Otto Tedesco  P

 

 

 

Guglielmo dei Bolsi

 

 

 

Fiorentini: 500 barbute; pisani: 600 barbute. Scontro di cavallerie pesanti sotto le mura di Firenze. Fra i pisani, molti prigionieri e molti annegati nell’Arno.

 

TORRITA – ottobre

 

SIENA, PISA                                                                                     FIRENZE

 

Francesco Orsini Niccolò da Montefeltro P
Raimondo dei Tolomei Massinello P
Ugo dell’Ala Lomo da Jesi P
Arigo di Colonia Neri da Cacchiano P
Enrico degli Obizzi Marcolfo dei Rossi P
Armanno Tedesco Ugolino dei Sabatini
Manfredi di San Bonifacio Giovanni da Sarteano P
Biagio dei Tolomei Ciupo Scolari

Luigi di Marsilio

 

Mastinello da Cagli  P

 

Guglielmo da Montepulciano

 

Ludovico da Firenze  P

 

 

 

Giorgio Visconti  P

 

Senesi: 1000 cavalli, 300 balestrieri, molti fanti. Attacco di sorpresa (probabilmente contro accordi presi in precedenza fra le parti) nei confronti della Compagnia del Cappelletto che milita al servizio dei fiorentini. Nello scontro sono uccisi più di 100 uomini (60 cavalli fra i senesi); fra i fiorentini sono catturati 3000 cavalli e 1000 fanti.

 

INCISA – ottobre

 

PISA                                                                                                   FIRENZE

 

Albeerto Sterz Ranuccio Farnese P
manetto da Jesi Ermanno di Wartenstein
  Giovanni degli Obizzi P
  Luca da Panzano

 

 

Giovanni Mangiadori  P

 

 

 

Bartolomeo dei Portigiani  +

 

Attacco di truppe pisane ad un campo trincerato. I fiorentini, fra morti e prigionieri, perdono più di 400 uomini.

 

1364

 

BATTAGLIA DELLA PORTA DI SAN GALLO/FIRENZE – maggio

 

PISA                                                                                                   FIRENZE

 

Anichino di Baumgarten

 

Arrigo di Montfort

 

Everardo della Campana

 

Bonifacio Lupo

 

Guglielmo Cogno

 

Manno Donati

 

 

 

Giovanni Malatacca

 

 

CASCINA – luglio

 

FIRENZE                                                                                           PISA

 

Galeotto Malatesta Giovanni Acuto
Primerano di Collegalli Vanni Botticelli
manno Donati Vanni Scaccieri
Francesco di Colligalli Jacopo del Fornaio
Bonifacio Lupo Bindaccio di Benetto
Piero Ciccioni Giovanni da Settimo +
Ricceri Grimaldi Piero dalla Rocca P
Amerigo Cavalcanti Giovanni Buzzaccarini P
Arrigo di Montfort Lemmo dell’Agnello P
Azzo dell’Antella Gualterotto da Pistoia P
Giovanni d’Asburgo Nicco Tegrimi P
Bostolino Bostoli Jacopo Grasso P
Rodolfo d’Asburgo Bartolomeo di Falduccio P
Niccolò Gianfigliazzi Rubino di Sasso P
Andrea Bardi Berlinghieri Cantini P
Nanni Biliotti Andrea Adaro P
Ricciardo Cancellieri Anselmo Brinetti P
Ristoro di Cione  
Giovanni Malatacca  
Lotto di Vanni  

Tommaso da Spoleto

 

 

 

Giovanni da Varano

 

 

 

Boldrino da Panicale

 

 

 

Fiorentini: 4000 cavalli, 11000 fanti, 400 balestrieri genovesi. Pisani: 4000 cavalli (di cui 800 inglesi), 6000 fanti, 600 balestrieri. Durata: 3 ore. Attacco pisano contro una posizione fortificata. Scontro deciso dai fanti del Casentino, dai fanti aretini e dai balestrieri genovesi che, uscendo dai serragli, riescono a respingere l’assalto portato dalla cavalleria inglese. Per il Villani fra i pisani vi sono 1000 morti e 2000 prigionieri; per il Morelli, 1500 uomini fra morti e prigionieri; per il Sardo, 30 inglesi e 500 pisani uccisi, 200/300 soldati e 600 popolani fatti prigionieri.

 

FAGAGNA

 

PADOVA, PATRIARCA DI AQUILEJA                                        DUCA D’AUSTRIA

 

Bertuccio da Montemelone

 

Walterpertoldo di Spilimbergo

 

Francesco Savorgnano

 

 

 

Austriaci: 800 cavalli. Nello scontro vi sono 100 morti fra gli austriaci; altrettanti sono i prigionieri.

 

 

ROCCASECCA

 

PERUGIA                                                                                          CHIESA

 

  Ugo della Zucca
  Gomez Garcia

 

 

Ugolino da  Montemarte  FP

 

 

 

Tommaso da Spoleto

 

 

 

Andrea di Belmonte

 

Imboscata.

 

 

 

 

 

1365

 

PERUGIA/SAN MARIANO luglio

 

PERUGIA                                                                                          CHIESA

 

Anichino di Baumgarten Alberto Sterz
Bolgaro da Marsciano Giovanni Breccia P
  Ugo della Zucca P
  Marescalco +

 

 

Andrea di Belmonte  P

 

 

 

Giovanni Acuto

 

Perugini: 10000 uomini. Tra i pontifici sono catturati 1600 uomini tra inglesi ed ungheri che sono condotti prigionieri a Perugia. Molti sono rilasciati; degli inglesi, molti sono successivamente uccisi dagli abitanti.

 

 

MAGLIANO

 

SIENA                                                                                                CHIESA

 

Anichino di Baumgarten

 

Giovanni Acuto

 

Alberto Sterz

 

 

 

Senesi: 20000 cavalli, 17000 fanti

 

1366

 

CASAGLIA – ottobre

 

CHIESA                                                                                             COMPAGNIA DI VENTURA

 

Ugolino da Montemarte Ugolino Ethon P
Francesco da Montemarte Nicola Unghero
Guido d’Ugolino Ambrogio Visconti
  Niccolò da Montefeltro

 

 

Giovanni Acuto

 

 

 

Thomas Merezal

 

 

 

Michele di Salle

 

Pontifici: 40 cavalli e 400 fanti. Assalto notturno al campo dei venturieri. Fra gli uomini della compagnia sono uccisi 80 inglesi, mentre altri 60 sono catturati.

 

1367

 

MONTALCINELLO – marzo

 

COMPAGNIA DI VENTURA                                                          SIENA

 

Giovanni Acuto Ugolino da Savignano P
Anichino di Baumgarten  

Ambrogio Visconti

 

Ranieri da Baschi

 

Giorgino

 

Francesco da Santa Fiora

 

Andrea di Belmonte

 

Angelo di Vitozzo

 

Giovanni d’Asburgo

 

 

 

I senesi subiscono la cattura di 150 cavalli.

 

PONTE SAN GIOVANNI – marzo

 

COMPAGNIA DI VENTURA, CHIESA                                          PERUGIA, FIRENZE

 

Giovanni Acuto Orlando Salamoncelli
Ambrogio Visconti Flach di Risach
  Enrico Paher P
  Berarduccio di Berardello

Giorgino

 

Niccolò da Buscareto  P

 

Andrea di Belmonte

 

Bolgaro da Marsciano  P

 

Niccolò da Montefeltro

 

Lamberto da Pietramala  P

 

Nella battaglia rimangono uccisi, d’ambo le parti, 1500/1800 uomini.

 

SACCO DEL TRONTO

 

CHIESA, NAPOLI, SIENA                                                               COMPAGNIA DI VENTURA

 

Gomez Garcia

 

Ambrogio Visconti  FP

 

Giovanni Malatacca

 

Tommaso Piccolomini

 

Niccolò Acciaiuoli

 

 

 

Giovanni Antonio Caldora

 

 

 

Raimondo Caldora  

Compagnia di ventura: 10000 uomini tra cavalli e fanti. Gli uomini della compagnia di Ambrogio Visconti sono quasi tutti uccisi (2000) o fatti prigionieri: se ne salvano con la fuga solo 2700.

 

1368

 

BORGOFORTE – maggio

 

CHIESA, FERRARA                                                                         MILANO

 

Niccolò d’Este pagano di panico
Rodolfo da Varano Guido savina da Fogliano
Blasco Gomez  
Guido da Polenta  
Carlo di Boemia  
Trinci  

Malatesta Ungaro

 

 

 

Galeotto Malatesta

 

 

 

Pontifici: 4000 barbute, molti fanti

 

AREZZO – giugno

 

CHIESA                                                                                             PERUGIA, MILANO

 

Simone da Spoleto

 

Giovanni Acuto  P

 

Flach di Risach

 

Bindo Monaldi  +

 

Giovanni di Raten

 

Tommaso Merezal

 

Tommaso da Spoleto

 

Michele di Salle

 

Giovanni degli Obizzi

 

Nicola Unghero

 

Pontifici: 1000 cavalli tedeschi e molti fanti; perugini: 2000 cavalli. Durata. 4 ore.

 

1369

 

CASTAGNETO/ALBA – febbraio

 

COMPAGNIA DI VENTURA                                                          MILANO

 

 Ugo Despenser

 

Luchino dal Verme  P

 

 

 

Giovanni Caimi  P

 

 

 

CASCINA – dicembre

 

PERUGIA, MILANO                                                                        FIRENZE

 

Giovanni Acuto Giovanni Malatacca P
Giovanni di Raten Bertolino dei Losco P
Tiberto Brandolini Filippo Cavicciuli P
Flach di Risach  

Guido Brandolini

 

Giovanni Mangiadori

 

Brandolino Brandolini

 

 

 

Anzi Tedesco

 

 

 

Viscontei: 1200 cavalli e 500 fanti. Durata: 3 ore. Il capitano generale dei fiorentini Giovanni Malatacca è costretto dal commissario Filippo Cavicciuli ad attaccare battaglia. Fra i fiorentini sono catturati 2000 uomini.

 

 

 

 

SHARE
Previous article1350
Next article1370