1350

0
449

1350

 

SPILIMBERGO

 

NOBILI RIBELLI                                                                              PARTRIARCA DI AQUILEJA

 

  Bertrando di San Ginesio +
  Ettore Minlitti P
  Federico Savorgnano P
  Federico Ottacini P
  Odorico di Cuccagna P
  Orbiti P
  Gerardo di Cuccagna P
  Pagano Franceschini P

 

 

Armanno di Cuccagna  P

 

 

 

Francesco Nimis  P

 

 

 

Paolo Gubertini  P

 

 

 

1351

 

BATTAGLIA DI OLMO/QUARRATA – settembre

 

MILANO, TARLATI                                                                        FIRENZE, PERUGIA, BOSTOLI, AREZZO

 

Rinaldo Tedesco

 

Conte Lando

 

Pier Saccone Tarlati

 

 

 

Lussemburgo da Pietramala

 

 

 

Viscontei: 400 cavalli, 2000 fanti; fiorentini: 600 cavalli. Battaglia decisa dai fanti di Pier Saccone Tarlati. I viscontei catturano 300 cavalli e si appropriano di 27 bandiere.

 

 

CITTA’ DI CASTELLO – dicembre

 

PERUGIA, FIRENZE                                                                        MILANO, TARLATI

 

 

 

Pier Saccone Tarlati

 

 

 

Manfredi dei Pazzi  P

 

Perugini: 1900 cavalli. Fra i viscontei sono uccisi 60 cavalli; sono catturati 6 connestabili con molti cavalli tedeschi e borgognoni.

 

 

LANCIANO

 

RE D’UNGHERIA                                                                            NAPOLI

 

Corrado Lupo

 

Galeotto Malatesta

 

Ungheri: 500 cavalli tedesachi.

 

 

1352

 

BATTAGLIA DELLA BADIA/MONTELABBATE – gennaio

 

PERUGIA, FIRENZE                                                                        GUBBIO, MILANO

 

Roba Ricasoli

 

Giovanni Gabrielli

 

Armanno Tedesco

 

 

 

Nello scontro sono catturati più di 100 cavalli viscontei.

 

 

CESA – aprile

 

NAPOLI                                                                                             COMPAGNIA DI VENTURA

 

Giovanni di Asperg Bertrando della Motta
Isnardo di Bar  
Luigi di Taranto  
Guglielmo de la Garde  

Giovanni Stendardo

 

 

 

Guglielmo da Fogliano

 

 

 

Folco d’Agoult

 

 

 

Fra i venturieri sono catturati 22 connestabili tedeschi, 300 cavalli e 400 fanti.

 

REZZUOLO – aprile

 

UBALDINI                                                                                        FIRENZE

 

 

 

Rosso Ricci

 

Fiorentini: 400 cavalli, fanti. Nell’agguato cadono 50 uomini tra cavalli e fanti; sempre fra i fiorentini vi sono fatti prigionieri 80 uomini con tutte le salmerie.

 

MONTECCHIO – giugno

 

FIRENZE                                                                                           TARLATI

 

Raimondo Lupo

 

Pier Saccone Tarlati

 

Tarlati: 70 cavalli, 1000 fanti. Attacco dei Tarlati che non si accorgono di essere assaliti, a loro volta, alle spalle. Fra i Tarlati sono uccisi 100 uomini e 200 sono fatti prigionieri; molti sono pure i feriti.

 

BORGO A MEZZANO – ottobre

 

FIRENZE                                                                                           MILANO

 

Raimondo Lupo

 

Francesco Castracani

 

Fiorentini: 600 barbute, 2000 masnadieri; viscontei: 300 cavalli, 1500 fanti. Durata meno di un’ora. I viscontei subiscono la perdita di 50 morti, 150 prigionieri e di tutte le salmerie.

 

1354

 

 MONTICHIARI – gennaio

 

Mantova, VERONA, PADOVA, FERRARA                             MILANO

 

  Bernabò Visconti
  Guido da Fogliano P
  Ludovico Visconti P
  Guglielmo Cavalcabò P

 

 

Andrea Pepoli  P

 

 

 

Sinibaldo Ordelaffi  P

 

 

 

Paolo della Mirandola  P

 

 

VERONA – febbraio

 

VERONA, PADOVA                                                                        Mantova, FUORIUSCITI VERONA

 

Cangrande della Scala Frignano della Scala +
Manno Donati Pietro Gonzaga P
Federico di Mathelor Feltrino Gonzaga P
  Paolo della Mirandola +

 

 

Alberto Gonzaga  P

 

 

 

Corrado Gonzaga  P

 

Fra i gonzagheschi sono catturati 500 uomini.

 

1355

 

RECANATI

 

CHIESA                                                                                             RIMINI

 

Rodolfo da Varano

 

Galeotto Malatesta

 

Pontifici: 800 cavalli, molti masnadieri; malatestiani: 600 barbute. Assalto ad un campo trincerato e sua successiva conquista con la cavalleria ed i balestrieri.

 

PATERNO D’ANCONA – aprile

 

CHIESA                                                                                             RIMINI

 

Rodolfo da Varano Galeotto Malatesta FP
Carlo di Dovadola Malatesta Ungaro
Niccolò da Buscareto Paolo da Staffolo
Everard di Andstorp Giovanni Malatesta
Smeduccio Salimbeni Guglielmo Gentiluccio P
Lomo da Jesi  

Berardo Monaldeschi

 

 

 

Fernando Blasco

 

 

 

Alfonso Carillo

 

 

 

Malatestiani: 400 cavalli

. Il combattimento dura dalle prime ore del mattino a mezzogiorno.

 

 

SPEZZANO – giugno

 

MILANO                                                                                           Bologna

 

Francesco d’Este

 

Giovanni Visconti da Oleggio

 

Giovanni Pepoli

 

 

 

Bolognesi: 2000 cavalli e 1000 fanti. Fra i bolognesi vi sono 100 morti; altri 100 uomini sono catturati.

 

 

SAVIGNANO/NOCE – agosto

 

FORLI’                                                                                               CHIESA

 

Francesco Ordelaffi Carlo di Dovadola +
  Neri Orgogliosi

 

 

Niccolò Malatesta  P

 

 

 

Francesco Malatesta  P

 

  Riccardo di Dovadola

Pontifici: 100 cavalli, molti masnadieri. Imboscata.

 

CASTIGLIONE DI GARFAGNANA – agosto

 

PISA, SIENA                                                                                     CASTRACANI, OBIZZI, SALAMONCELLI

 

  Valeriano Castracani
  Orlando Salamoncelli

 

 

Arrigo Castracani

 

 

 

Giovanni degli Obizzi

 

Pisani: 700 cavalli, 6000 fanti; fuoriusciti: 400 cavalli, 2000 fanti. Accerchiamento di un campo trincerato con taglio delle linee di rifornimento.

 

 

1356

 

SAN POLO D’ENZA – febbraio

 

Mantova, REGGIO EMILIA, FERRARA                                  MILANO

 

Filippino Gonzaga Bernardino da Sassuolo P
Gherardo Rangoni Bernardino Pio P
Lanfranco Rangoni  
Ugolino Gonzaga  
Ugolino da Savignano  
Manfredino da Sassuolo  

Ricciardo Cancellieri

 

 

 

Feltrino Gonzaga

 

 

 

Viscontei: 1000 cavalli. I viscontei subiscono la cattura di 200 cavalli. I morti sono d’ambo le parti 300.

 

LEVICO – maggio

 

MARCHESE DI BRANDEBURGO, VERONA                              PADOVA

 

  Pataro Buzzaccarini
  Ambaldo di Lorena

 

 

Ludovico Forzatè

 

 

 

Albertino da Peraga

 

 

 

SICOMARIO – maggio

 

PAVIA, MARCHESE DEL MONFERRATO                                  MILANO

 

Francesco di Monferrato

 

Pandolfo Malatesta

 

 

 

CASTEL SAN PAOLO/SAN POLO D’ENZA – luglio

 

MANTOVA, FERRARA, Bologna                                             MILANO

 

 

 

Valeriano Castracani

 

 

 

CASTELLEONE/CASTIGLIONE DELLE STIVIERE – settembre

 

BOLGNA, MANTOVA REGGIO EMILIA, FERRARA             MILANO

 

Giovanni Visconti da Oleggio

 

 

 

Conte Lando

 

 

 

Bolognesi: 1200 barbute.

 

CALDOGNO

 

RE D’UNGHERIA                                                                            VENEZIA

 

  Ermanno di Wartenstein
  Ulrico di Reifenberg
  Arnold di Crichemberg
  Nicoletto Zobel
  Rufo di Vuelech
  Enrico Meldecher
  Ghibellino di Crichemberg
  Giovanni di Liebestayn
  Pietro di Brundach
  Ugo di Bach
  Giovanni di Brindisach
  bartolomeo da Ferrara

 

 

Eriprando di Leye

 

 

 

Rodolfo Brauber

 

Veneziani sorpresi in disordine da una grossa banda di ungheri che catturano 500 cavalli.

 

BATTAGLIA DEL TICINO/CASORATE PRIMO – novembre

 

MILANO                                                                                           CHIESA, MANTOVA, FERRARA, IMPERO

 

Lodrisio Visconti Astorgio Markwald P
Pandolfo Malatesta Malcalzato P

Valeriano Castracani  P

 

Conte Lando  P

 

Pietro da Mandello

 

Raimondo Lupo  P

 

Francesco d’Este

 

Dondaccio da Piacenza  P

 

 

 

Antonio Lupo  P

 

Viscontei: 6000 cavalli (4200 cavalli, 2000 fanti per il Corio). Durata: 3 ore. Attacco visconteo a truppe intente a guadare il Ticino. Scontro di cavallerie pesanti. Fra i collegati sono catturati 1500 uomini.

 

1357

 

VALENZA – giugno

 

MARCHESE DEL MONFERRATO                                                MILANO

 

Giovanni di Monferrato

 

Francesco da Pisa

 

Ottone di Brunswick

 

 

 

 

 

SASSUOLO – luglio

 

BOLOGNA                                                                                        MILANO

 

Giovanni Visconti da Oleggio

 

 

 

Viscontei: 2000 cavalli.

 

CALCARA/SAMOGGIA/PIUMAZZO – luglio

 

MANTOVA, REGGIO EMILIA, FERRARA, Bologna             MILANO

 

Feltrino Gonzaga Galeazzo Pio
Gherardo Rangoni  
Ricciardo Cancellieri  
Manfredino da Sassuolo  
Lanfranco Rangoni  
Ugolino da Savignano  

Tommaso Grassoni

 

 

 

Cinello da Savignano

 

 

 

Tommaso Ghislieri

 

 

 

Collegati: 1500 cavalli, 4000 fanti. Gli uomini della lega si impadroniscono di 2 insegne fra le quali la bandiera di Bernabò Visconti.

 

CATANIA

 

SICILIA                                                                                              NAPOLI

 

Federico d’Aragona

 

Niccolò Acciaiuoli

 

 

 

CONEGLIANO

 

RE D’UNGHERIA                                                                            VENEZIA

 

 

 

 

 

Veneziani: 600 cavalli, 1000 fanti. Fra i veneziani, più di 200 morti. Altri si salvano con la fuga gettando le armi. Di queste, ne sono caricate 50 carri che sono mandati a Padova per essere vendute.

 

1358

 

MONTICHIARI – marzo

 

CHIESA, MANTOVA, FERRARA, BOLOGNA                            MILANO

 

Conte Lando

 

Giovanni di Bileggio  P

 

Ugolino Gonzaga

 

Girardello Pusterla  P

 

Giovanni di Brindisach

 

 

 

Collegati: 2000 barbute; viscontei: 1500 cavalli. Nella battaglia sono catturati fra i viscontei 20 connestabili e 400/600 cavalli. I morti sono 300, per la maggior parte viscontei.

 

TORRITA – aprile

 

PERUGIA                                                                                          SIENA

 

Smeduccio Salimbeni Anichino di Baumgarten P
Francesco degli Arcipreti  
Cagnolo da Correggio P  
Mascetto da Spoleto  

Alessandro di Vinciolo

 

 

 

Bartolomeo da Perugia

 

 

 

Perugini: 1800 barbute e fanti per un totale di 8000 uomini. Senesi: 1600 barbute, molti masnadieri e fanti. Assalto dei perugini ad un colle ove sono accampati i senesi. 100 morti fra una parte e l’altra. Il Baumgarten è catturato con il suo mariscalco e 50 cavalli; Cagnolo da Correggio è fatto prigioniero con 60 cavalli mentre tenta di penetrare nel castello di Torrita di Siena.

 

BATTAGLIA DELLE SCALELLE – luglio

 

FIRENZE, BATTIFOLLE                                                                 COMPAGNIA DI VENTURA

 

Giovanni di Alberghettino Manfredi Conte Lando FP
Roberto di Battifolle Simone di Istanbergen +
  Enrico di Lussemburgo +
  Zallu Brazi +
  Amerigo del Cavalletto
  Giubellari +
  Broccardo Lando +
  Corrado di Stiber +
  Federico Dastinberg +
  Arrigo Aldera +
  Conte di Provenza +
  Baldovino di Bramangieri +
  Conte di Saarbruck +
  Federico della Cornia +
  Anichino di Baumgarten
  Piero del Guanto +

 

 

Ermanno di Wartenstein

 

 

 

Artimanno  +

 

Agguato in un vallone da parte degli abitanti degli Appennini e della val di Lamone della retroguardia della Grande Compagnia. Nell’ imboscata sono uccisi fra i mercenari 300 cavalli, mentre altri 1000 sono fatti prigionieri. Per ilo Cobelli i morti sono 800 e 1500 i prigionieri.

 

 

 

Bologna                   

 

MILANO                                                                                           CHIESA

 

 

 

Garcia Fernandez

 

 

 

Blasco Fernandez

 

 

 

Galeotto Malatesta  F

 

 

 

Piero Farnese  F

 

 

 

Niccolò d’Este

 

Fra i pontifici rimangono uccisi 700 uomini, 1100 sono feriti ed altri 940 cadono nelle mani dei viscontei.

 

SAN LAZZARO – settembre

FORLI’                                                                                               CHIESA

 

Conte Lando

 

Malatesta Ungaro

 

 

 

Egidio Albornoz

 

 

1359

 

BATTAGLIA DEL CAMPO DELLE MOSCHE – luglio

 

FIRENZE, MILANO, PADOVA, FERRARA, CHIESA                  COMPAGNIA DI VENTURA

 

Pandolfo Malatesta Conte Lando
Francesco Galeota Anichino di Baumgarten
Ricciardi Cancellieri Federico di Ebinger
Niccolò dei Tolomei  

Albertaccio Ricasoli

 

 

 

Ambrogio Visconti

 

 

 

Biordo degli Ubertini

 

 

 

Farinata degli Ubertini

 

 

 

Fiorentini: 3500 barbute, 500 ungheri, 2500 balestrieri, 1000 masnadieri. Grande Compagnia: 5000 cavalli, 1000 ungheri, 2000 masnadieri.

 

SHARE
Previous article1340
Next article1361